La sospensione della Professoressa Rosa Maria dell’Aria è ancora vigente. Intervista alla docente.

Reading Time: < 1 minute

La professoressa Rosa Maria Dell’Aria, sospesa perché accusata di non aver controllato le slide dei suoi alunni sul Decreto sicurezza, vede ancora integro il provvedimento di sospensione che la riguarda. Nonostante l’ex ministro dell’istruzione Marco Bussetti si fosse impegnato in primissima persona, e l’ex ministro dell’interno Matteo Salvini abbia voluto incontrarla per rassicurarla personalmente, la sanzione della sospensione di 15 giorni dal servizio e dallo stipendio non è stata ancora revocata.

Radio Radicale ha intervistato la docente.

 

Notificato a Salvini l’atto conseguente alla querela per diffamazione da parte di Carola Rackete

Reading Time: < 1 minute

L’ex ministro degli interni e leader della Lega Matteo Salvini è stato raggiunto nei giorni scorsi da un verbale di invito a dichiarare o eleggere domicilio e nomina del difensore di fiducia a seguito della querela per diffamazione sporta a suo tempo da Carola Rackete, la capitana della nave Sea Watch. A suo tempo Salvini aveva replicato: “Infrange leggi e attacca navi militari italiane, e poi mi querela. Non mi fanno paura i mafiosi, figurarsi una ricca e viziata comunista tedesca! Bacioni” “Mi mancava – prosegue Salvini – l’istigazione a delinquere. Con tutti i problemi che hanno i tribunali, arriva una signorina tedesca viziatella e di sinistra che ha come passatempo notturno anche lo speronamento di militari che per me è reato. Noi che facciamo? Contro denunciamo, io non ho mai attentato alla vita di nessuno”.

Ilaria Cucchi querela Matteo Salvini per diffamazione

Reading Time: 2 minutes

“Ora basta. Lo devo a Stefano, a mio padre ma soprattutto a mia madre. Questo signore deve smetterla di fare spettacolo sulla nostra pelle”

Queste le parole di Ilaria Cucchi che hanno preceduto l’annuncio della deposizione di una querela per diffamazione contro Matteo Salvini.

La Cucchi, rappresentata e difesa dal legale e compagno Fabio Anselmo, ha stigmatizzato il commento di Salvini alla sentenza del processo che ha visto condannati a 12 anni due carabinieri per omicidio preterintenzionale del giovane geometra romano, secondo cui la droga fa male sempre, evidenziando come Stefano sia morto per le percosse ricevute e non per droga (con sentenza stabilita da un Tribunale dello stato).

Salvini era già stato querelato per diffamazione da Carola Rackete. Ha dichiarato:

«Dopo Carola Rackete, mi querela la signora Cucchi? Nessun problema, sono tranquillissimo dopo le minacce di morte dei Casamonica e i proiettili in busta, non è certo una querela a mettermi paura», dichiara ancora il leader della Lega. «Spero che il Parlamento approvi subito la legge “droga zero” proposta dalla Lega, per togliere per sempre ogni tipo di droga dalle strade delle nostre città. Ripeto, dopo le minacce di morte dei mafiosi non sono Ilaria Cucchi o Carola Rackete a farmi paura».

Replica la Cucchi in querela:

Salvini «insiste ancora a collegare la morte violenta di Stefano Cucchi alla droga, auspicando provvedimenti che affrontino questo problema che – nel suo ragionamento – è causa delle morti come quella di Stefano Cucchi, dovuta invece alla condotta illecita e violenta di due appartenenti all’Arma dei Carabinieri. Ma soprattutto, aggiunge un’infamante offesa alla sottoscritta, paragonando la sua intenzione di sporgere querela alle minacce di morte rivoltegli da gruppi criminali».

@vanitosa95: a Portrait of the Hater as a young Woman

Reading Time: 2 minutes

In fondo @vanitosa95 è un nickname come tanti. Come tanti pseudonimi che uno ha a disposizione per celare agli altri la propria identità. Il perché uno voglia farlo o ne abbia necessità è sempre un mistero. In questo caso mi pare che la ragione della scelta dello pseudonimato sia più che evidente: tirare vigliaccamente il sasso per ritirare subito la mano. Non essere rintracciabile e, di conseguenza, imputabile. @vanitosa95, in fondo, è solo un modo per chiamarla. Quello che veramente importa è che questo account è in Twitter dal maggio scorso, che ha collezionato ben 116 messaggi (capirai!) tutti di odio e di augurio per determinati interlocutori (Laura Boldrini, la figlia di Laura Boldrini, i partecipanti alla Leopolda, Maria Elena Boschi, le persone che fanno battute sulla colica di Matteo Salvini) di tumori e disgrazie varie. Sono delle modalità assolutamente riprovevoli di agire e che hanno fatto sì che Twitter chiudesse l’account nel pomeriggio di oggi, mentre lo screenshot con i due tweet di odio puro l’ho fotografato questa mattina, quando l’account era ancora operativo. E’ un esempio come tanti altri di cialtronismo e di gusto per la vendetta usa-e-getta, ma i messaggi in questione mi sono sembrati particolarmente pesanti. Sarà che non ho mai augurato il cancro a nessuno. Sarà che ho sempre pensato che certi personaggi sono spesso dei grandissimi portatori di polemiche e che le polemiche si smontano con i fatti, per cui non c’è bisogno di invocare il cancro su di loro, basta contraddirli con argomentazioni solide e incontrovertibili. Sarà che trovo internet uno strumento troppo prezioso per sprecarlo in inutili invocazioni oncologiche a danno di questi e di quelli. Sarà che i messaggi di questa persona, di cui ho oscurato la foto (non per rispetto della sua privacy, perché non ne ho nessuno, ma per rispetto di quella della persona a cui è stata probabilmente carpita) mi hanno turbato al punto di venirne a parlare con voi e di lasciarne traccia. Perché il male in rete esiste. Ed oggi è passato per il nome di @vanitosa95.

Il bikini di Maria Elena Boschi

Reading Time: 2 minutes

I social network fanno male ai politici, questo lo si sapeva già. Ma usare il corpo per la politica è un gesto inutile e dannoso che fa solo male a chi si mostra e a chi lo usa. Il corpo è qualcosa di personale, di intimo. Mostrarlo, da parte di un politico, per ottenere clic, commenti (quasi tutti negativi, oltretutto), like e tutto quanto fa social è segno di estrema debolezza e di pochezza di argomenti. Ci eravamo abituati alle esibizioni di Salvini in costume in piscina o al mare, oggi abbiamo avuto il piacere (piacere?) di vedere Maria Elena Boschi in bikini assieme ad altre tre amiche di cui oscuro il volto nella foto per pietà in uno scatto messo in calce a un intervento sull’ennesima politica di Salvini, che la Boschi chiama, non senza una dose di ironia, Capitan Fracassa. Lo scatto, se ci fate caso, non c’entre niente (ma proprio niente) con il testo del tweet, e questo basterebbe a qualificarlo come inopportuno. E poi c’è il bikini, lo scatto ripreso in spiaggia, dove la Boschi stava trascorrendo un periodo di vacanza con le sue amiche e ci verrebbe anche da dire che saranno sacrosanti affari suoi. Si mostra, la Boschi, lei che in passato aveva detto che avrebbe voluto essere apprezzata per le “riforme” e non per le “forme”. Si mostra come fa lo stesso Salvini, né più né meno, ma, appunto, il problema di Boschi e Salvini è che sono dei politici, rappresentano, per volere della Costituzione, nel bene o nel male, che lo si voglia o no, il popolo italiano (anche chi non li ha votati). E queste esternazioni raggiungono un grado di maggiore gravità quando il sessismo, ovvero la rivendicazione del primato di un sesso sull’altro, viene proprio da una donna. Che, per carità, ha tutto il diritto di mostrarsi in bikini ai suoi potenziali elettori o ai suoi followers su Twitter (followers che, lo ripeto, sono formati soprattutto da persone che sono disposte a dare per prime uno schiaffetto morale alla Boschi e a criticarla duramente, piuttosto che da un mare di “fans”). Ma allora che lo faccia in privato, che dia un segnale di pudore e di castità della politica, gliene saremmo tutti estremamente grati. Postare una foto in bikini per affermare di non essere una mummia politica è un gesto volgare e di dubbio gusto che non ha senso di esistere se non in una visione politica deformata, che fa dubitare moltissimo del fatto che per certe persone valga prima l’interesse del Paese che le ambizioni personali.

Un uomo solo al comando

Reading Time: < 1 minute

Salvini vuole:

  • provocare la crisi di governo (e ci riesce benissimo, visto che è compito suo) e determinare le dimissioni del Presidente del Consiglio (che non è lui);
  • fissare la discussione della Conferenza dei Capigruppo al Senato (prerogativa del Presidente del Senato) e la data della discussione della mozione di sfiducia al Presidente del Consiglio (che non spetta a lui);
  • la sfiducia all’attuale esecutivo (che spetta al Parlamento o a uno solo dei suoi due rami);
  • lo scioglimento immediato delle Camere (compito del Presidente della Repubblica);
  • l’indizione di nuove elezioni gestite dal Viminale di cui lui, fino a prova contraria, è Ministro;
  • la nomina plebiscitaria a Capo del nuovo Governo (prerogativa anch’essa del Presidente della Repubblica).

Un uomo solo al comando. L’ultimo di cui ho notizia era Fausto Coppi. Il primo tentò di scappare su un camion vestito da tedesco.

Matteo Salvini e Elisa Isoardi si sono lasciati (e ora come ci siete rimasti?)

Reading Time: < 1 minuteLa notizia è di quelle che fanno gridare, già vorremmo correre lieti ad addobbare i nostri veroni ma siamo frenati da una sorta di infantile pudore che ci fa riflettere: Salvini e la Isoardi si sono lasciati. Anzi, probabilmente lo ha lasciato lei, ma non stiamo lì a sottilizzare. Lei devo dire che è stata molto delicata: ha postato su Instagram un particolare di una foto della loro vita intima, ringraziando lui di tutto il tempo speso insieme. Un gesto gentile e di una certa qual leggerezza affettiva, non c’è proprio che dire. Lui, che nella foto mostra solo un braccio, non ha obiettato. Probabilmente gli è stata bene questa spettacolarizzazione della loro vita intima, questo mettere in mostra su un social network l’amore che fu, e sigillare così, consegnandolo alla sfera dell’oblio (ma anche al perenne e costante ricordo telematico) una storia che si presume d’amore. Almeno finché è durato.

Perché tutto questo?? Perché questa assenza totale di vergogna e di pudore, nonché di imbarazzo, e questo senso di importanza essenziale della notizia, come se davvero fosse qualcosa da cui dipende il mondo intero, degna di essere riportata su tutti i giornali? Ebbene sì, anche Salvini ha una privacy. E contina ad esserci gente che si lascia senza nemmeno farsi un selfie.

Dell’amore che fu restano ormai solo pochi pixel.

Il prossimo presidente del consiglio potrebbe essere un non laureato

Reading Time: 2 minutesGiuramento_Mattarella_Montecitorio

Se c’è qualcosa di buono che ci ha lasciato il risultato dell’ingovernabile kermesse elettorale di domenica scorsa, è senza dubbio la sconfitta del PD, con le conseguenti dimissioni di Renzi e la sua purtuttavia non scontata scomparsa dalla scena politica italiana (visto che è stato eletto come senatore e che potrà continuare a fare danni anche a Palazzo Madama, cioè nella stessa sede che lui voleva abolire con il referendum del dicembre 2016). Quello e basta. Non c’è da esultare né per il risultato plebiscitario del Movimento 5 Stelle (che adesso dovrà governare, se gli riesce) né per quello a puzzle e raffazzonato del centro-destra (il quale dovrà governare anche lui, se Mattarella gli darà l’incarico) che ha visto Salvini diventare capo della coalizione, e insomma, Salvini, no, dico Salvini, è un’ipotesi che non si affronta proprio.

Il prossimo sarà anche il governo dei diplomati. Luigi Di Maio, se verrà incaricato di formare il nuovo governo con mandato pieno, governerà dall’alto del suo diploma di liceo classico. Diploma di liceo classico anche per Matteo Salvini (no, dico Salvini), mentre la Meloni, visto che prima delle elezioni aveva dichiarato di voler ambire allo scranno di Palazzo Kitsch, può esibire il suo diploma di liceo linguistico. Nessuna laurea in vista. Io credo che chi mi governa debba essere migliore di me (ci vuol poco) e se ci sono riuscito io a conseguire uno straccio di laurea possono farlo tranquillamente anche loro. Ma è proprio così disdicevole augurarsi un titolo di studio per chi avrà delle responsabilità di governo? E pare proprio così brutto studiare per avviarsi alla carriera politica? Niente obiezioni. Sono solo elezioni.