I 50 anni dalla strage – Benedetta Tobagi: Piazza Fontana, il processo impossibile

Nel cinquantennale della strage di Piazza Fontana, primo e indelebile evento della strategia della tensione, regalatevi una lettura pre-natalizia che abbia corpo e sapore. Il libro di Benedetta Tobagi sul processo impossibile alla strage di piazza Fontana è un vero e proprio “must”. Figlia di cotanto padre, Benedetta Tobagi ricompone intelligentemente il puzzle dei procedimenti giudiziari che hanno seguito l’evento della strage, dalla morte di Pino Pinelli alle accuse rivelatesi infondate a Pietro Valpreda con un rigiore storico e un metodo scientifico senza pari, restituendoci una narrazione appassionante e molto ben documentata. Mettetevi le mani in tasca, subito, correte in libreria e investite 17 euro nella conoscenza di questo avvenimento oscuro della nostra storia. Vi sarete fatti del bene.

73 Views

Le “Istruzioni per diventare fascisti” di Michela Murgia

20181119_123642

Si fa un gran parlare di questo bel libro di Michela Murgia e del “fascistometro” che lo conclude. E a ragione. Michela Murgia è una brava scrittrice, con un ottimo senso dell’umorismo, che, a detta di Chesterton, in una citazione che la Murgia ama molto, è anche e soprattutto “senso della misura” (della Murgia vi ricordo il vecchio ma esilarante “Il mondo deve sapere”, scopiazzato e trasportato sul grande schermo da Paolo Virzì), dalla scrittura a tratti scarna e asciutta (il suo “Accabadora” è un respiro di sollievo nel panorama desolante delle lettere italiane, pieno di arminute seducenti), teologa fine e intelligente (“Ave Mary” è, prima di tutto, una lezione di metodo su come si scrive un saggio, sia pure destinato al grande pubblico). Queste “Istruzioni per diventare fascisti” sono un gioco gigantesco, un paradosso assurdo, una provocazione continua che tanti (troppi) continuano a prendere tragicamente sul serio. Un rovesciamento totale di prospettive, per cui, sempre per assurdo, il fascismo diventa una forma di governo ben più economica e conveniente rispetto alla democrazia, in cui internet viene visto come un male perché permette di condividere il proprio pensiero (quando per un perfetto fascista non ce ne sarebbe assolutamente bisogno, aderendo più convenientemente al pensiero unico e livellato del capo, destinato a pensare e agire per conto della gente che lo delega), in cui le frasi fatte e gli stereotipi diventano verità assolute a cui aderire pedissequamente (la Murgia, saggiamente, li colleziona e li raccoglie nel “fascistometro”).

E a proposito del “fascistometro”, l’ho compilato anch’io. Ho totalizzato un punto. Sono classificato come un democratico incazzato, ovvero terreno di coltura ideale per il fascismo quello vero (non quello derivante dai paradossi della Murgia), ma questa definizione valeva anche per chi avesse riportato 0 punti. Come a dire che il fascista che è in noi, quali che siano le condizioni di partenza, è sempre pronto ad esplodere come un sozzo bubbone d’un livido paonazzo di manzoniana memoria.

Applausi a Michela Murgia, e voi, razza di infingardi che altro non siete, compratelo (costa solo 12 euro), regalatelo, ma, soprattutto, leggetelo e catapultatevi di sotto dalle risate.

142 Views

E’ morto Remo Ceserani

ceserani

La morte di Remo Ceserani costituisce un grande dispiacere per tutti coloro che abbiano avuto il privilegio di incrociarlo alla Facoltà di Lettere di Pisa, con gli occhiali spessi e le borse piene di libri sotto il braccio.

Ma, soprattutto, è una pena sapere che se n’è andato, con la modestia che lo contraddistingueva, l’autore de “Il materiale e l’immaginario”, immenso laboratorio di lettura di testi e di analisi critica, che dalla fine degli anni ’70 costituì uno schiaffo morale all’editoria scolastica più spicciola per il rigore, la serietà e la scientificità con cui analizzava il testo letterario e proponeva i materiali di studio a corredo. L’idea era ciclopica, 10 volumi e una dimensione culturale del tutto diversa dai manuali di letteratura per la scuola superiore tradizionalmente intesi. I testi fatti a pezzi, frantumati, per vedere cosa c’è dentro e come funzionano, gli apparati critici sempre rigorosi, una attenzione per la letteratura straniera (spesso i testi poetici venivano proposti anche in versione originale in nota) che è raro trovare in altre antologie.

Io sono stato uno dei fortunati che hanno studiato Dante sul famoso terzo volume del “Materiale e l’immaginario”, l’edizione grigia, che dovrei avere da qualche parte e che ho trovato, a prezzi da vero strozzinaggio, su Amazon per 215,74 Euro.

ceserani2

Era un testo faticoso (era faticoso anche trasportarlo, in senso fisico, voglio dire), ma si capiva, e si sentiva che quel libro su cui si studiava aveva una marcia in più, che alla fine quello che restava non erano solo nozioni, ma metodo, puro metodo. Non erano solo contenuti, non spiegava solo chi era Dante e cosa avesse scritto, ma insegnava ad approcciarsi al Poeta così che tutto quello che ne veniva fuori era una sudata scoperta che restava impressa nella mente in modo permanente.

Per questo la morte di Ceserani è più di una perdita, perché viene a mancare chi ha saputo guidarci lungo i sentieri della conoscenza.Se volete saperne di più leggetevi l’articolo “Ceserani e la scuola” di Romano Luperini. L’ho trovato con licenza Creative Commons, quindi ve lo posso redistribuire. Servirà a farci sentire Ceserani ancora più vicino. Finché il dolore non lascerà spazio alla consapevolezza dell’insegnamento.

Download (PDF, 237KB)

242 Views

Del primato dei libri di carta

libri

Distribuisco e-book (o, meglio, testi digitalizzati, chè v’è la sua differenza) da una decina di anni, attraverso il sito gemello www.classicistranieri.com. Diciamo quindi che dell’argomento ne mastico un pochino. E che mi sono sentito tante, troppe volte rivolgere la (preoccupata) domanda “Ma l’e-book soppianterà il libro di carta?”

Giusto ieri sono incappato in un breve scritto di Richard Stallman (ve lo riporto nel file PDF in fondo, o guardate quanto sono gentilino!) sul pericolo di (certi) e-book. Ma non ci voleva certo Stallman per ricordarci che il libro di carta ha un vantaggio enormemente più grande, quasi incolmabile, sull’e-book che si acquista su Amazon (spesso a prezzi quasi corrispondenti alla versione cartacea, per cui tanto vale…).

Stallman fa giustamente notare che si può comprare un libro di carta pagandolo cash e mantenendo il più completo anonimato. Su Amazon dovete dare il vostro nome e cognome, il vostro indirizzo e un recapito di posta elettronica e questo non è certamente un bene.
Un libro di carta ha una tecnologia conosciuta e “aperta”, il corrispondente per Kindle è in un formato chiuso e proprietario.
Una volta acquistato un libro di carta potete portarlo a casa, nasconderlo nella libreria e ritirarlo fuori tra 20 anni per leggerlo, sarà sempre lo stesso oggetto e sarà sempre leggibile. Sfortunatamente non sappiamo ancora se fra 20 anni esisteranno applicativi che ci permettano di leggere i libri acquistati oggi su Amazon. Anzi, per dirla tutta, non sappiamo neanche che fine faranno i formati storici come il PDF. Come dico sempre, la Bibbia di Gutenberg è ancora leggibile dopo oltre 500 anni, abbiamo bisogno di tecnologie che ci garantiscano la sopravvivenza delle informazioni per almeno un tempo equivalente.
Col libro di carta potete cedere alcuni dei vostri diritti a terzi. Per esempio potete prestarlo a un amico. O rivendervelo, se proprio ci tenete. Non vi illudete di fare la stessa cosa con l’e-book di Amazon perché semplicemente non è possibile.
Ma soprattutto: col libro di carta non siete controllati da nessuno ed è impensabile pensare che chi ve lo ha venduto possa d’un tratto cancellare da remoto tutte le informazioni che vi sono contenute.

Ci sono, poi, le ragioni di quelli che i libri li sniffano. Io non ho mai capito che gusto ci trovino ma anche qui mi sono sentito dire più volte “Vuoi mettere l’odore dei libri nuovi?” Non ci ho mai capito un accidente, cioè, non ho mai capito perché la gente trovi tanta soddisfazione nell’usmare volumi e mi sono sempre chiesto se il godimento che gliene deriva è altrettanto marcato quando li leggono, ma c’è di tutto a questo mondo e dunque vanno bene anche certi feticismi.

Nessuno si preoccupi, dunque, il libro di carta ha lunga vita e sta benissimo. E se non credete a me leggete quello che ha da dire Richard Stallman.

Download (PDF, 74KB)

124 Views

Lasciate in pace Elena Ferrante

ferrante

Elena Ferrante è una delle scrittrici più di moda in questo momento in Italia.

“Di moda” non significa necessariamente che sia anche una delle più promettenti. Ha successo, e tanto basti a circoscriverne l’identità.

Perché quello di “Elena Ferrante” è uno pseudonimo (qualcuno si azzarderebbe anche a definirlo un eteronimo) dietro al quale si cela una persona non ben meglio identificata che pubblica i suoi romanzi con la casa editrice e/o e vende un numero considerevole di copie.

Nulla di nuovo, in fondo. L’anonimato, o lo pseudonimato, se si preferisce, esistono e sono disponibili per chiunque li voglia usare. E la sedicente Elena Ferrante li usa da almeno venticinque anni. Venticinque anni in cui nessuno è stato capace di risalire alla sua vera identità, venticinque anni trascorsi senza rilasciare un’intervista, senza mostrarsi in televisione, senza fare niente di niente se non scrivere e, appunto, vendere. E’ questa la caratteristica che la distingue da altri pseudo-anonimi, come il collettivo Wu Ming di cui si conoscono nomi e cognomi dei componenti.

Recentemente Elena Ferrante sta diventando oggetto di un vero e proprio bombardamento, anche mediatico, da parte di chi vuole scoprire chi veramente si celi dietro a questo (bel) nome (sì, perché se lo è scelto anche bello, bisogna dirlo).

Ha cominciato Marco Santagata. Professore, romanziere, insigne petrarchista, filologo e, di recente, esperto per la selezione dei concorrenti del Rischiatutto di Fabio Fazio (“vedi giudizio human come spess’erra”?) che dopo una disamina dei romanzi di Ferrante identificava in Marcella Marmo la scrittrice su cui è andato a raccogliere ogni sorta di indizio. Smentita categorica da parte dell’interessata, che è una persona dal carattere mite e riservato e che ha preso con una buona dose di ironia tutto l’interesse che si è scatenato sulla sua persona.

Poi è stata la volta del Sole 24 Ore, che ha addirittura pubblicato un’inchiesta, ripresa anche dalla Frankfurter Allgemeine Zeitung e da The New York Rewiew of Books per arrivare a puntare il dito contro Anita Raja, moglie del più noto Domenico Starnone. Il Sole 24 Ore pubblica i dati relativi agli introiti della casa editrice e/o evidenziandone l’impennata proprio negli anni del boom editoriale della Ferrante, incrociandoli con quelli di Anita Raja, che non collimerebbero con il ruolo di traduttrice freelance rivendicato dall’editore, che ha pagato a Raja oltre sette volte quanto corrisposto nel 2010.

E’ una serie di operazioni assurde e senza senso. Da Santagata ci saremmo aspettati magari una critica sui singoli romanzi e, che ne so, una valutazione sul loro valore letterario, cioè se quello che scrive Ferrante sia letteratura cólta o di massa. E’ un argomento interessante, ma nessuno ne parla. Si è preferito tramutarsi in novelli Sherlock Holmes, impegnati a vivisezionare anche la più minuscola delle suggestioni letterarie per poi approdare a conclusioni sbagliate. Dal Sole 24 Ore, poi, ci saremmo aspettati un po’ più di rispetto per la privacy: ammesso e non concesso che Elena Ferrante sia Anita Raja non è carino (no, proprio no) andare a vedere quanto guadagna per soddisfare una curiosità che farebbe solo bene a rimanere tale.

Perché, diciamocelo fuori dai denti: a chi interessa sapere chi è Elena Ferrante? A nessuno, certamente. E perché insistere con questa determinazione a ravanare nel torbido dell’incertezza, per dare un volto a chi un volto ha deciso di non averlo?

E pensare che a me Elena Ferrante nemmeno piace!

166 Views

Massimo Scaglioni – La tv dopo la tv. Il decennio che ha cambiato la televisione: scenario, offerta, pubblico – Edizioni Vita e Pensiero

Presentazione del libro di Massimo Scaglioni (editore Vita e Pensiero)

      MP618026

da: http://www.radioradicale.it
Licenza: http://creativecommons.org/licenses/by/2.5/it/

206 Views

Roberta Hidalgo – L’affaire Emanuela Orlandi – Edizioni Libreria Croce

Il saggio scritto dalla fotografa internazionale Roberta Hidalgo non mancherà di aprire nuove polemiche sul caso di Emanuela Orlandi. Per mesi la fotografa e giornalista, autrice di un celeberrimo scoop sul Papa, ha seguito “Mandy”. Chi è questa donna? Ecco cosa ha scoperto……

      MP618067

da: http://www.radioradicale.it
Licenza: http://creativecommons.org/licenses/by/2.5/it/

322 Views