Dylaniati da un Premio Nobel

hurricane

Certo che il Premio Nobel per la Letteratura a Bob Dylan ha fatto incazzare parecchi!

L’obiezione più ovvia e scontata che i rosicatori muovono a Zimmerman è che la sua non sarebbe letteratura, o che i suoi testi con la Letteratura scritta con la majuscola abbiano ben poco a che vedere. Naturalmente nulla di più sballato e sbagliato. LA domanda, tanto per cambiare, è sempre la stessa: i testi delle canzoni sono delle poesie? Sì, senza dubbio. Poi ci sono delle poesie di qualità e delle poesie da tirare alle ortiche. Il connubuo tra i versi e la musica, almeno in senso moderno, risale ai trovatori provenzali e ai trovieri in lingua d’oil. Erano i cantautori o gli chançonniers di allora. Alcune delle loro canzoni (le chiamavano proprio così) avevano dei bei testi, altre zoppicavano un po’, ma oggi studiamo Bernart de Ventadorn, Guglielmo IX, Jaufré Rudel e altri direttamente nelle antologie scolastiche, oltre che nei corsi universitari di filologia romanza. Chi deride Bob Dylan oggi sono gli stessi che invocano dignità letteraria per Fabrizio De André.

E tanto per citarne uno, quelle di Dylan non sono solo canzonette. Non sono nemmeno soltanto canzoni di protesta, chè Dylan ha cantato storie di persone (“Hurricane”), storie d’amore (“Romance in Durango”), storie di speranza (“I shall be released”). E ho nominato solo le canzoni che mi piacciono di più.

Un amico ha scritto recentemente su Facebook che chi parla male di Dylan oggi probabilmente non è in grado di elencare nemmeno dieci brani incisi dal cantautore americano, e io sono perefttamente d’accordo con lui.

Poi uno dice: “Ma Bob Dylan è un antipatico!” Senz’altro. Anche chi lo osteggia non brilla per simpatia. Ma lui ha vinto il Nobel e gli altri no. O come ci son rimasti?

1 Views

Luca Bassanese – La canzone del laureato

Non conoscevo Luca Bassanese. Questa mattina a “Tutta la città ne parla”, su RadioTre, si ragionava di università da accorpare o no. E’ stata trasmessa la sua “Canzone del laureato”, motivetto grazioso, di divertente esecuzione, scritto e musicato come uno dei canti di protesta di una volta. Invece parla di un giovane che prende coscienza della sua vita da laureato-precario.

La domanda è, tanto per cambiare, la seguente: qual è il confine tra ispirazione, libero adattamento, citazione, rielaborazione, spunto, uso creativo, copiatura pedissequa, abbeveraggio dalla fonte e portare l’acqua della suddetta fonte al proprio mulino?

Recita una quartina della canzone:

“Un quarto di vita passato a studiare
per diventare Anonimo dottore
avrei preferito una laurea ad honorem
in canti ed in vino mio caro signore.”

La fonte a cui si è abbeverato Luca Bassanese è fin troppo evidente per chi abbia 50 anni come me: è “Via Paolo Fabbri 43” di Francesco Guccini.

“Se fossi accademico, se fossi maestro o dottore,
ti insignirei in toga di quindici lauree ad honorem,
ma a scuola ero scarso in latino e il “pop” non è fatto per me:
ti diplomerò in canti e in vino qui in via Paolo Fabbri 43!”

Canzone criptica quella di Guccini, più aperta e fresca quella di Bassanese, ma gli elementi ci sono tutti (le lauree “ad honorem”, diplomarsi o laurearsi “in canti e in vino”, la ripresa del concetto del “dottore”…). Un omaggio trasversale? Un retaggio di quando quelli più grandi di noi avevano il disco della EMI in cui Guccini cantava “Krapfen” in modo incomprensibile? Tutto può essere. Ma i debiti culturali vengono a galla, sempre.

0 Views

“Ottocento” di Fabrizio De André e “Donna de Paradiso” di Iacopone da Todi

Iacopone da Todi in un dipinto di Paolo Uccello

Mi è capitato di scrivere qualcosa sulle “fonti” da cui De André ha attinto per alcune delle sue canzoni più celebri e osannate.

Premessa necessaria a scanso di equivoci: io adoro De André. O, meglio, lo adoravo. Ora mi piacicchia. Un po’ perché lui non c’è più e io ho qualche anno, un po’ perché Marinella e Bocca di Rosa dopo un po’ stufano. O, meglio, sono fuori tempo, fuori contesto. Sono certo che qualcuno scenderà alla stazione di Sant’Ilario senza pensare al “cuore tenero” che “non è una dote di cui sian colmi i carabinieri” o all'”ira funesta delle cagnette”.

Tempus fugit.

Avevo scritto, dunque, altrove, come la musica della Canzone dell’Amore perduto fosse tratta in maniera piuttosto pedissequa da un concerto per tromba e orchestra di Telemann.
Le reazioni sono state molteplici: “De André non si tocca!” (e va beh, perché?), “Se la musica non è sua sono suoi almeno i versi che sono pura poesia” (sì, ma allora si compone una poesia, non si fa una canzone!), “Vaffanculo, stronzo!” (prevedibile!) o anche “Non è vero, te lo sei inventato” (mi sono inventato Telemann che è vissuto 250 anni fa, sì, sì…).

Poi rinvenni in due poesie di Olindo Guerrini le tracce di “Marinella” e del “Testamento”.
Anche qui critiche su critiche: “Non è vero che De André ha copiato anche se le parole sono tali e quali” (e chi ha mai detto che ha copiato? Ho detto, casomai, che le parole, guarda caso, sono tali e quali), “Ma è solo una fonte di ispirazione!!” (questo lo dicono quelli che difendono il copia e incolla da Wikipedia per dire “ma ho preso solo uno spunto”) oppure anche “Sei decisamente spietato e cattivo” (e questi hanno ragione).

Ma nessuno ha capito il dolore. Il dolore che si prova nel vedersi sgonfiare un mito.
Un mito non è una statua di bronzo che la tiri giù con due o tre corde da tirare con le ruspe, un mito è qualcosa che hai dentro, in cui credi fermamente, incondizionatamente. E quando la ragione te lo demolisce, c’è poco da fare, non c’è più.

Tutta questa premessa per rendervi partecipe del ritrovamento di un’altra “fonte” di una canzone di De André.
Trattasi di “Ottocento”, incluso nell’osannatissimo album “Le nuvole” (che contiene, tra gli altri, “Don Raffaè'” e “La domenica delle salme“, brano, quest’ultimo, che personalmente non ho mai amato in modo particolare).

Dunque, “Ottocento” è un brano geniale, senza dubbio istrionico, ricco di un gioco linguistico e di una ricercatezza lessicale e musicale a volte strabilianti.

Una delle sue parti recita:

“Figlio, figlio,
povero figlio,
eri bello bianco e vermiglio
quale intruglio ti ha perduto nel Naviglio
figlio, figlio,
unico sbaglio,
annegato come un coniglio
per ferirmi, pugnalarmi nell’orgoglio”

La fonte è “Donna de paradiso” di Iacopone da Todi, composizione a metà tra il dramma sacro e la ballata.
La rima in “-iglio” è già presente nella composizione:

“O figlio, figlio, figlio,
figlio, amoroso giglio!
Figlio, chi dà consiglio
al cor me’ angustiato?

Ma la prova provata della filiazione di “Ottocento” dal componimento di Iacopone da Todi è:

“Figlio bianco e vermiglio,
figlio senza simiglio,
figlio, e a ccui m’apiglio?”

dove c’è una chiara corrispondenza lessicale (“bello, bianco e vermiglio”).

E il duecentesco Iacopone da Todi fa capolino. 

8 Views

Le piu’ belle (?) canzoni della nostra vita – Culture Club – Karma Chameleon

Mi è capitato tempo fa di ascoltare "Primo Movimento", la trasmissione mattutina di Radio Tre dedicata alle novità discografiche di musica classica e dintorni. Generalmente quando trasmettono un musicista successivo a Beethoven spengo perché sono leggermente "old fashioned" e per me anche Verdi è, a tratti, fin troppo novecentesco.

Siccome la mattina ho sonno, mi càpita di non avere troppe energie per Mahler e Stravinskij. Ma quella mattina trasmisero un brano che mi spinge a vincere il sonno, il giramento di zebedèi e aspettare che il conduttori mi dica cos’è. Strano che mi succeda per un brano del ‘900. O di Bach.

Va beh, ve la faccio corta, il pezzo (ripeto, assolutamente splendido) era di Boy George. Quello dei "Culture Club", gruppetto canterino-leggerónzolo degli anni ’80, di cui Boy George era il leader indiscusso, coi suoi travestimenti, le sue ambiguità che costituivano delle vere e proprie trovate sceniche, gli eccessi di chi sa che il successo è arrivato e che uno se lo deve godere finché dura. Nel caso di Boy George, allora, ci fu anche il carcere.

"Karma Chameleon" fu una fólgore, una saetta, un brano che le radio passavano a manetta, un tormentone.

Un pezzo che aveva schiacciato l’indubbiamente meritevole autore in una immagine-icona che, evidentemente, bravo com’era anche come musicista, non gli si addiceva. Dopo le vicende processuali legate alla detenzione di stupefacenti e all’esperienza del carcere, Boy George lo si vede praticamente solo su YouTube. C’è un filmato del 2006 in cui uno stadio intero canta assieme a lui, scocciatissimo di ripetere la stessa nenia, conciato da "vedette" coi capelli lunghissimi. Ce n’è un altro di appena tre anni più tardi in cui è irriconoscibile. Il motivetto però è sempre lo stesso.

Come dev’essere triste essere condannati a cantare sempre la stessa canzone!

2 Views

Dalida – Il venait d’avoir 18 ans – Le piu’ belle canzoni della nostra vita

Dalida, oltre che nelle rare apparizioni alla televisione italiana che io rammenti (non sono rare perché non c’erano, sono rare perché non me le rammento), oltre a questa ragazza dai capelli biondi che cantava “Ciao amore ciao” in coppia con il suicida Luigi Tenco, non l’ho mai seguita tanto, e se la seguivo, era perché Radio Montecarlo (l’emittente che mi ha salvato la vita, come dico sempre io, da chi li avrei ascoltati i sospiri di Serge Gainsbourg in “Je t’aime, moi non plus…”, alla RAI? Seeehhh!!) la trasmetteva, ormai in francese.
E siccome a Radio Montecarlo viveva e operava come speaker il buon Roberto Arnaldi, parolere e traduttore di finissima sensibilità, uscì questa canzone che si chiamava “Il venait d’avoir dix-huit ans”, tradotta in italiano con “18 anni”.
Però me la ricordo in francese, lei, trentaseienne, si innamora di un ragazzino di diciotto anni, si veste in modo acconcio ed appropriato (“J’ai mis de l’ordre à mes cheveux/un peu plus de noir sur mes yeux…” tradotto, sia pure un po’ forzatamente con “Ho messo agli occhi un po’ di blu/ed i capelli un po’ più su…”) per sedurlo, ma poi alla fine si accorge che non aveva calcolato di avere due volte diciott’anni. Eh, sì, negli anni ’70 a 36 anni si era quasi vecchie…
0 Views

Claudio Lolli – Michel – Le piu’ belle canzoni della nostra vita

Allora, or vi delizio con qualche canzone da ricordare, di quelle che ho ascoltato, amato (ma non necessariamente)  e ritrovato fra le cianfrusaglie della memoria, l’avete voluto voi, e se non lo avete voluto ve le rifilo lo stesso perché son d’humor negro.

“Michel” è, credo, una delle pochissime canzoni che io ricordi di aver ascoltato di Claudio Lolli quando ero più o meno piccino (e ci voleva anche un bello stomaco a sentire Lolli da piccini, voglio dire..)
Mi colpì subito, un po’ per questa immagine iniziale dei pantaloni corti (e da piccini ci si mettevano i pantaloni corti sopra il ginocchio, soprattutto per la prima comunione) e per queste gambe “lunghe, magre e forti”, da triplice aggettivazione, che correvano ogni giorno un po’ più svelte di quelle del poeta.

Questa canzone me la registrarono su una cassetta (di cui non dico la marca) al ferro o al ferrocromo, so assai, fatto sta che alla fine di “Michel”, cioè dopo cinque minutini, cominciava a sputare l’ossido che era una meraviglia, sporcava le testine e non si sentiva più un accidente, e allora via di cotton fioc e olio di gomito.
3 Views

Roberto Carlos – A che serve volare? – Le piu’ belle canzoni della nostra vita



Nel 1968 c’era Roberto Carlos, brasiliano, che vinse in coppia con Sergio Endrico il Festival di Sanremo con "Canzone per te", brano bellissimo e indimenticabile, che, infatti, vi parlo di "A che serve volare", 45 giri inciso sulla scia del successo del palco dell’Ariston.

E’ stato uno dei tre o quattro dischi che la mi’ cugina Mariella, in pace riposi, mi regalò quand’ero piccino (gli altri erano "Il vento" dei Dick Dik e "Mi ritorni in mente" di Lucio Battisti), l’etichetta era, mi pare quella color aragosta della CBS.

Roberto Carlos la interpretò in un musicarello, l’antenato dei videoclip. Oggi su una canzone si crea una ministoria dalla durata uguale, una volta ci si faceva un film intero. La pellicola si intitolava "Chimera" ed era basata su un successo di Gianni Morandi ("Ma se il mio cuore spera/non sarà solo una chimera"), Roberto Carlos vi appariva con un pettorale stile Bach che lo rendeva un po’ impacciato.

Brano dal sapore di ricordi e di fattura pregevole.
1 Views

Trio Lescano – La gelosia non e’ piu’ di moda – Le piu’ belle canzoni della nostra vita



Riprendo volentieri questa rubrica che ho assai bistrattato ultimamente, so assai perché, o forse lo so, ma m’importassai.

Sto inevitabilmente ma assai velocemente invecchiando, quindi, come tutti i vecchi torno allo stato embrionale, o, per meglio dire, a quello della pre-concezione (infatti sono un noto preconcezionista di stampo natoniano -questa l’hanno capita in due-) .

Il Trio Lescano, per esempio… Quando cantavano “La gelosia non è più di moda” era appena nato mio padre, pochi giorni dopo Hitler invadeva la Polonia e l’Italia si riempiva di questo swing di notevolissima qualità (trovo che i vari Barzizza, Kramer e compagnia bella non avessero meno talento di Duke Ellington, Count Basie o Glenn Miller, solo che lavoravano nell’Italietta censoria e perbenista del duce, che sarebbe entrata in guerra otto mesi dopo), cantato da queste tre signorine con l’accentazione straniera, che pronunciavano “móda” per “mòda”, e che non ho mai capito cosa sia il “cuor contento/stile novecento”.

Ma applausi a scena aperta.

2 Views