World Business Mail: per non ricevere lo spamming e’ necessario scrivere in India

Ultimamente sto ricevendo un (bel) po’ di spamming  che vale la pena di essere analizzato.

I mittenti "apparenti" sarebbero grandi aziende italiane (l’ultima mail di spam che ho ricevuto sembra provenire da "TeleTu"), ma il tutto è da ricondurre alla Newsletter di WorldBusinessMail (un nome una garanzia!), come è regolarmente scritto in fondo alla proposta pubblicitaria, che recita, per l’appunto "State ricevendo questo messaggio in quanto siete iscritti gratuitamente alla newsletter di WorldBusinessMail".

Ora c’è un piccolo problema: io non mi sono mai iscritto a WorldBusinessMail.

Poco male, c’è il link dedicato all’informativa sulla privacy e penso di avviare tutte le procedure per farmi rimuovere. Anche perché, come è da immaginare, il link della disiscrizione automatica non solo non funziona, ma non fa altro che confermare che il mio indirizzo è realmente esistente, ma del resto quelli di WorldBusinessMail non dovrebbero averne dubbi.

L’informativa sulla privacy sembra dare sicurezza. Si citano le normative in tema di protezione dei dati personali vigenti in Italia, fino a dire che:

"Per qualsiasi problema o questione relativa ai suoi dati personali, la invitiamo a contattare l’incaricato per la conformità dei dati personali WorldBusinessMail al seguente indirizzo:

WorldBusinessMail

Tuticorin, Tamil Nadu 628001 India"


Insomma, per non essere più disturbato uno deve scrivere in India, dove, naturalmente, le leggi italiane non valgono e, quindi, c’è poco da attaccarsi al Garante della Privacy.

Ma c’è di più: "WorldBusinessMail trasmetterà i dati dell’utente a suoi partner commerciali per permettere l’invio delle offerte promozionali potenzialmente interessanti. La mancanza di un rifiuto da parte dell’utente implica automaticamente il suo consenso a tale uso e divulgazione dei suoi dati personali."
Come sempre il fatto che non si dica "no" corrisponde automaticamente a un "sì".
Mi ricorda il primo film dell’ottimo Francesco Nuti ("Madonna che silenzio c’è stasera!") che in una disputa surreale asseriva che chi tace non acconsente, chi tace sta zitto.

5 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.