WhatsApp: quasi niente di nuovo sotto il sole

Reading Time: 2 minutes

 75 total views,  2 views today

Qualcuno di voi (ma non tutti) avrà ricevuto un avviso da WhatsApp che mette in guardia sul fatto che a partire dal mese di febbraio 2021 gli utenti saranno tenuti a condividere con Facebook delle informazioni personali. Tutti hanno gridato all’attentato alla privacy. Non è così, perché la misura vale esclusivamente al di fuori della regione europea (che comprende anche la Svizzera), mentre per tutti i cittadini cell’Unione, nell’uso di whatsApp non cambierà nulla. Quindi, a meno che non abbiate contatti con territori posti al di fuori dell’UE, dovreste essere a posto. Nel senso che WhatsApp continuerà a scambiare con Facebook dati come a chi scrivete (!), quanti messaggi al giorno scrivete, quali sono i vostri contatti, quanto dura una telefonata, una videochiamata, continuerà a prendere i numeri di telefono che avete salvato in rubrica, e, soprattutto, comunicherà a Facebook i dati per la vostra profilazione pubblicitaria.

Niente di nuovo sotto il sole, dunque. WhatsApp appartiene a Facebook, se voi volete WhatsApp lo tenete a questo prezzo, e il prezzo siete voi, le vostre abitudini telefoniche e di chat. E’ gratis, d’accordo, ma perché i soldi li fanno in un altro modo. E quando lo installate firmate un contratto preciso (che, sicuramente, nella foga e nell’orgasmo di averlo, non avete nemmeno letto), autorizzando WhatsApp (cioè Facebook) a operare con i dati in vostro possesso (possesso che da quel momento passa a loro). C’è un prezzo da pagare per tutto, il gratuito in rete quasi non esiste.

Mi fanno tiepidamente sorridere quelli che dicono “Io Facebook non ce l’ho, non sono sui social, io ripugno queste modalità comunicative!” E poi hanno WhatsApp. Intendiamoci, i contenuti dei messaggi sono e rimangono criptati in modalità end-to-end, WhatsApp non guarda quello che vi scrivete con l’amante o con l’amichetto, o quali fotografie o filmati vi scambiate. Ma tutto il resto rimane in piedi. Volete una alternativa? Usate Telegram, ammesso e non concesso che un cospicuo numero dei vostri contatti lo abbia installato a sua volta. Se no state così, ma consapevoli di quello che rischiate. E, soprattutto, felicemente affiliati alla logica ciucciadati dei colossi di Zuckerberg. Io ve l’ho detto, poi fate un gocciolino cosa vi pare.