Vorremmo tutti essere il Comandante De Falco e siamo tutti il Comandante Schettino

Dobbiamo confessarcelo, in queste ore vorremmo essere tutti il Capitano De Falco.

Vorremmo avere comando, piglio deciso, vorremo sgamare qualche capitano che cerca di dàrsela a gambe, vorremmo poter richiamare qualche nostro sottoposto al proprio dovere, ma soprattutto vorremmo tutti avere un sottoposto, vorremmo tutti pronunciare una frase sanguigna nel momento dell’emergenza, magari condita da qualche espressione come "cazzo!" o "Cristo!" che, vista l’occasione, decisamente non appaiono né fuori luogo né esagerate. E poi gli eroi possono permettersele.

Cosa ha fatto il Capitano De Falco? Semplice, ha rispettato le procedure, ha applicato le regole e ha fatto il suo dovere, conoscendo quelle che erano, in quel momento, le sue funzioni.

E’ questo che giudichiamo come un fatto straordinario: esattamente quello che gli altri chiamano "ordinaria amministrazione" (sia pure nella gestione di un evento straordinario).  Noi lo applaudiamo e lo consideriamo un eroe per aver detto, con la fermezza e il coraggio che lo contraddistinguono "Ma lei con 100 persone a bordo abbandona la nave?". Proprio noi che non paghiamo le tasse e che abbandoniamo la nave Italia con una sessantina di milioni di persone a bordo. Proprio noi che, quando siamo sottoposti, ci giriamo verso il nostro diretto superiore a dirgli "Si può sapere cosa cazzo vuole?", applauditi dai nostri consimili che, possibilmente, condiscono la nostra frase con qualche "Vaffanculo!", noi che quando ammazziamo qualcuno con la macchinma per strada siamo i primi a darcela a gambe, noi che abbiamo piglio deciso solo quando c’è da far valere la nostra prepotenza. O la nostra arroganza.

Vorremmo tutti essere il capitano De Falco. Ma, ahinoi, siamo tutti il capitano Schettino.

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Comments

  • Silvia Bogliolo  On 19 Gennaio 2012 at 14:13

    Ciao,
    sono d’accordo con questo intervento, hai ragione.
    Sentivo che qualcosa strideva in questo accanimento mediatico contro una persona che effettivamente (incontroversialmente?) ha torto. E a parte l’eccesso di insistenza, c’era qualcos’altro che mi indispettiva ma non riuscivo bene a capire cosa.
    Ora ho capito: è la paura dell’identificazione, a turbarmi. O magari il fatto che nessuno voglia spendere neppure una parola di comprensione per chi ha torto.
    Baci
    Silvia Bogliolo (così anche Severgnini è contento)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

How to whitelist website on AdBlocker?

  • 1 Click on the AdBlock Plus icon on the top right corner of your browser
  • 2 Click on "Enabled on this site" from the AdBlock Plus option
  • 3 Refresh the page and start browsing the site