Versi nell’incomparabile stile di Giosue’ Carducci



Scriver le strofe sàffiche
è bello assai da farsi
la rima chiude in "-arsi"
l’ultimo verso in "-ar".

Ci metto il cacciatore
la nube un po’ rossiccia
la gente assai alticcia
di vino a ubriacar.

Gli uccelli sono neri
fa pimpumpàm lo spiedo
poi vien Caciagli Edo
i fortóri ad eruttar.

All’albero non tende
la mano pargoletta
ma due bistecche aspetta
già pronte a divorar.

Ma basta un settenario
composto alla Carducci
per dirgli "Ce lo ciucci!"
al tegame di tu’ mà(r)

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Comments

  • Kauterio  On 26 Gennaio 2010 at 17:12

    Non dovrebbe essere “di vino aD ubriacar”?

    Sa’, io ho fatto la terza media…

  • Valerio Di Stefano  On 26 Gennaio 2010 at 18:44

    Sinalefe! (…che sai ‘na sega te cos’è…)

  • Kauterio  On 27 Gennaio 2010 at 09:20

    O so ‘na sega io della sinalefe, dimmelo in termini semplici perchè da quando m’è presa la paronomasia lato sx lo sai che ragiono lento. A me pare manchi ‘na sillaba, ma se con du’ pasticche di sinalefe si risolve, dimmelo te che la tu’ povera mamma ha speso tanto per fatti studia’…

  • Valerio Di Stefano  On 27 Gennaio 2010 at 21:29

    Definizione di “settenario”: dicesi “settenario” un verso in cui l’ultimo accento tonico cade sulla sesta sillaba.

    Per cui:
    di|vi|no_a_ub|ri|a|car

    ove la sinalefe (doppia) serve a unire in una sola sillaba suoni che, viceversa, andrebbero in sillabe separate. Le sillabe metriche sono sei, l’accento è sulla sesta.

    Vedasi, per la sinalefe, anche il caso il caso:

    mi|ri|tro|vai|per|u|na|sel|va_o|scu|ra

    E mi ossequi la Sua Signora, ora che smonta dal turno di notte.

  • Kauterio  On 29 Gennaio 2010 at 08:53

    Certo per esse ‘gnoranti pesi come te bisogna proprio ave’ studiato :)
    dai oggi, dai domani oltre a piglia’ la laurea hai anche iNparato a copiare gli esempi di wikipedia…

  • Valerio Di Stefano  On 29 Gennaio 2010 at 11:31

    Caro Topa,

    l’eseNpio del verso di Dante a proposito della sinalefe è quello classico che si porta per spiegare il fenomeno metrico ai duri pinati come te (nonché a tutte le troje che hai nel frattempo baccagliato) e, appunto, a quelli di Wikipedia. Quando ha smesso di fassi pigià sul sette sbarrato, dia i miei ricordi (e questo collo di papero) la Sua signora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

How to whitelist website on AdBlocker?

  • 1 Click on the AdBlock Plus icon on the top right corner of your browser
  • 2 Click on "Enabled on this site" from the AdBlock Plus option
  • 3 Refresh the page and start browsing the site