Valerio Di Stefano – Bouncing. il non-virus che uccide le mailing-list

Il fenomeno delle mailing-list, ovvero delle liste di distribuzione di messaggi di posta elettronica sulle tematiche più disparate a un gruppo di sottoscrittori volontari, sta indubbiamente subendo un calo notevolissimo di popolarità e di aficionados.

 

Le motivazioni di questo momento di crisi, che non accenna a migliore (salvo, probabilmente, in alcuni paesi dell’America Latina, in cui le proporzioni sono addirittura invertite rispetto all’Europa) probabilmente risiedono nel fatto che l’utente italiano preferisce altre forme di comunicazione circolare, come i Newsgroup, cui è assai più intuitivo fare "subscribe" e "unsubscribe", i forum di discussione, le chat e viandare.

 

Ma non è solo la presenza di alternative interessanti a rivelare malesseri e malumori delle mailing-list e degli utenti italiani. La megapower del listing internazionale, Yahoogroups.com sta registrando un numero sempre più crescente di bouncing tra i propri iscritti.

 

Il bouncing è quella procedura per cui, se un messaggio di posta elettronica distribuito da una mailing-list non arriva a destinazione per un motivo qualsiasi, l’indirizzo e-mail di destinazione viene temporaneamente sospeso in scrittura e in ricezione (a meno di non consultare la lista che ci interessa direttamente dall’interfaccia web), finché il destinatario non provveda alle procedure di ripristino. 

Liste di piccole e grandi dimensioni lamentano sempre di più questo problema, che nasconde, tuttavia, una realtà un po’ più variegata.

 

Spesso le motivazioni per cui su Yahoogroups.com un indirizzo va in bouncing sono tra le più disparate. Per esempio, l’indirizzo di posta elettronica potrebbe non esistere più sul provider indicato, oppure l’utente potrebbe aver superato il limite di spazio concesso dal provider, oppure ancora (last but not least) il provider potrebbe essere stato inserito in una lista di domini ad alta diffusione di spam e automaticamente rigettato da Yahoogroups, come è già accaduto in passato per libero.it.

 

Questo colpo d’occhio, sommario ma abbastanza esaustivo, permette di notare come molti si iscrivano alle maling-list attraverso indirizzi di comodo che poi vengono regolarmente abbandonati alla deriva del web, o che non controllino spesso (per non dire che non la controllano affatto) la propria posta elettronica. Che siano, in una parola, disinteressati alla discussione in atto.

 

E’ un atteggiamento piuttosto diffuso, probabilmente dovuto alla sempirterna paura dello spam, che forse ha ottenuto più danni che vantaggi, per cui l’uso di indirizzi cosiddetti "secondari" rispetto a quelli strettamente personali è da considerarsi frutto di una scelta precisa. Ma se si decide di iscriversi a una mailing-list, a parte il desiderio di non voler lasciare i propri dati, si è quanto meno interessati alla discussione, disposti a leggere se non addirittura a scrivere.

 

I danni del bouncing, dunque, non sono tanto quelli strettamente tecnici, risolvibili, come si è detto, con modalità neanche poi troppo complicate, quanto quelli legati alla non-comunicazione, alla ridotta possibilità di far circolare le idee, danno che in un’era di generale restrizione delle libertà della rete, non è da sottovalutare. 

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

How to whitelist website on AdBlocker?

  • 1 Click on the AdBlock Plus icon on the top right corner of your browser
  • 2 Click on "Enabled on this site" from the AdBlock Plus option
  • 3 Refresh the page and start browsing the site
Don`t copy text!