Trame rosa. E le deputate vanno in bianco.

Li volevano a tutti i costi: le quote rosa, il nome della rosa, una rosa è una rosa è una rosa, grazie delle belle rose, la rosa purpurea del Cairo, la pantera rosa, rosa que al prado encarnada, la vie en rose.

Qualcuna di loro è anche andata vestita di bianco (che fa “pendant“) per foraggiare l’inserimento di soglie di rappresentatività e incitare quanto di più anticostituzionale ci sia, ovvero ostacolare la fiducia elettorale, le capacità, i curricula e il merito con un “ope legis“.

Il tutto mentre si sta compiendo lo scempio della democrazia attraverso l’eliminazione del bicameralismo perfetto perché così si elimina il Senato e si risparmia il pagamento dello stipendio ai membri di quel ramo del Parlamento, ma nessuno ha ancora capito che sulla democrazia non si risparmia.

Con la mia cassa ancora con il nastro rosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.