Trabajo de boca

Ci sono dei motivi autentici e imprescindibili per cui insegno spagnolo.

Per esempio perché qualcuno incide una canzonetta che dice "Tengo la camisa negra" e tutti se l’ascoltano. Di più, vogliono sapere (da me!) cosa vuol dire.

O perché "Enrique Iglesias è un degno erede del padre", o perché "lo spagnolo è così bello! Pensa che io un giorno sono stata a Barcellona!!" (sì, e che c’entra??) o perché la gente va a ballare "la salsa" (sì, il sugo…) e il "merengue", un dos tres, un pasito pa’lante, Maria, un dos tre, un pasito pa’tras.

Non c’è nulla da fare, sono le fonti che portano reddito ai docenti come me, assieme a Jennifer Lopez, che tutti chiedono che vuol dire "Keisiste" (Qué hiciste…).
Oltre a quelli che vendono le magliette con su scritto "De puta madre".

Insomma, è tutta roba seria.

Poi ci sono queste pubblicità sugli autobus che sembrano stronzate finte invece sono stronzate vere.
Aprono un locale specializzato in spettacoli, party aziendali, e soprattutto addii al celibato, lo chiamano "Trabajo de boca" ed è tutto un programma.

Non so chi sia stato l’ingegno pubblicitario che ha inventato questo nome e che lo fa girare sugli autobus della città, ma certamente dà una grossa mano a rimpolpare le classi che studiano spagnolo ("mamma, mamma,l’anno prossimo mi iscrivo a spagnolo, ho visto "trabajo de boca", vedi com’è facile impararlo??").

Onore al merito per tanta disinteressata filantropia.

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

How to whitelist website on AdBlocker?

  • 1 Click on the AdBlock Plus icon on the top right corner of your browser
  • 2 Click on "Enabled on this site" from the AdBlock Plus option
  • 3 Refresh the page and start browsing the site
Don`t copy text!