Torna il Radio Tre in Festival a Cervia fino al 17 marzo

Eccoci qui per il quinto anno a Cervia con la felicità di essere accolti da una cittadina amica e con la curiosità di incontrare i nostri ascoltatori. Perché è inutile girarci intorno: il cuore di questo nostro festival sono sì gli ospiti protagonisti dei nostri incontri, le parole e i suoni che riempiranno il Magazzino del Sale e il Teatro Comunale – e da questo punto di vista in questi giorni offriremo qualcosa di particolare – che merita quest’anno un’attenzione speciale. Ma accanto, più o meno segretamente, scorre un altro festival altrettanto importante e ricco. Dove, per le strade e le piazze di Cervia, i protagonisti sono coloro che ascoltano Radio3 e vengono qui a portarci le loro idee, i loro gusti, i loro giudizi sempre affettuosi anche quando sono critici. In questo altro festival scopriamo cosa gli ascoltatori e le ascoltatrici pensano di noi, dei nostri programmi vecchi e nuovi, di quello che in questo anno abbiamo combinato. Perché il pubblico di Radio3 è fatto così e questa è Radio3: una comunità di persone che condividono molte cose, in primo luogo la passione per la bellezza e l’intelligenza, ma amano discutere di tutto, soprattutto di quello che amano. Perché è solo così che ci si arricchisce a vicenda e si evita il rischio che aleggia su tutti, oggi in questo nostro paese: rinchiudersi nel recinto delle cose che si conoscono – e magari si amano – già, diffidare di quello che ci è estraneo e straniero. La sfida della cultura &egr ave; invece quella di abbattere i recinti, di combattere questa tentazione. Più cultura e meno paura: potrebbe essere lo slogan di questa edizione del nostro festival che arriva in tempi difficili per tutto quello che è culturale, teatrale, musicale. Un mondo vittima di tagli provocati da una crisi economica che non accenna a finire ma anche da una strana cecità che per risparmiare sul presente impoverisce il futuro.

Nell’ideare il programma di quest’anno, abbiamo pensato a suoni, pensieri, persone che aiutano a contrastare questa impressione di un declino in agguato. Abbiamo pensato a esperienze di racconto del nostro presente che non ci schiacciano su quello che c’è già: pregiudizi, idee fatte, linguaggi scontati. Abbiamo cercato suoni diversi, che vengono da mondi e generazioni non sempre esplorati – o magari sciaguratamente dimenticati. Anche il divertimento che vi proponiamo – non manca mai a Cervia ma crediamo non manchi nemmeno nella nostra consueta programmazione – non vuole assomigliare a quello che ci domina e pare renderci più ottusi e volgari. Abbiamo invece bisogno di tutta la nostra immaginazione e di tutta la nostra possibile allegria per capire di più e meglio, per apprezzare la cultura dell’arte dove ci sono e difenderle dove vengono disprezzate… Per guardare il mondo, ascoltalo abbiamo scritto sotto la bella immagine che l’artista di questo anno, il grande Michelangelo Pistoletto, ci ha regalato. Ascoltare, guardare, provare piacere, cambiare: è la sfida chevorremmo portare tutti i giorni nei nostri programmi ma soprattutto nei giorni intens i e speriamo felici di Cervia.

dalla newsletter di RadioTre

Scarica il programma completo in formato PDF

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

How to whitelist website on AdBlocker?

  • 1 Click on the AdBlock Plus icon on the top right corner of your browser
  • 2 Click on "Enabled on this site" from the AdBlock Plus option
  • 3 Refresh the page and start browsing the site