Tommaso Lombardi – Non installate Google Desktop Search

Gli esperti di EFF lanciano un allarme rosso per la privacy: la nuova versione di Google Desktop Search offre una funzione di ricerca che indicizza i file locali e ne invia una lista ai server di Mountain View.

La funzione nel mirino delle critiche è il cuore di una nuovo servizio offerto da BigG, chiamato Search Across Computers: se abilitata, il software archivia sui server di Google ogni tipo di documento testuale in formato semplice, Word, Excel, PDF e molti altri. Tra le informazioni archiviate c’è anche la cronologia delle visite sul web. Tutti i dati vengono mantenuti per un periodo massimo di 30 giorni, si apprende da fonti ufficiali.

“Molte persone utilizzano contemporaneamente più computer e lavorano da più postazioni”, ha riferito il vicepresendente Marissa Meyer al quotidiano USA Today, “e questo nuovo strumento semplifica drasticamente la vita di questi utenti”.

I membri di EFF non sembrano condividere questo stesso ottimismo: “Se non si configura questo software con molta attenzione, come molto probabilmente accade alla maggior parte degli utenti”, sostiene il giurista di EFF Keving Bankston, “Google Desktop avrà una mole impressionante di dati personali: lettere d’amore, ricevute, note riservate e qualsiasi altro tipo di materiale testuale che il motore di ricerca può indicizzare”.

Il rischio più grave per la privacy, secondo il parere di alcuni esponenti del Center for Democracy & Technology, sta nel fatto che “le informazioni in possesso del motore di ricerca possono essere consultate dalle autorità anche senza mandato di perquisizione, ma semplicemente con un’ingiunzione del tribunale”, definita subpoena dal lessico giuridico statunitense. Una situazione già attuale, visto quanto sta accadendo proprio in queste settimane, in cui Google le cerca tutte per non dover consegnare certi dati dei propri utenti.

Gli attivisti del network italiano Autistici.org hanno definito l’ultima trovata raccoglitutto di Google come qualcosa d’oscuro, dal significato insondabile e foriero di preoccupazioni. A quando, si chiede qualcun altro, la comparsa di un favoloso servizio per cancellare completamente le proprie tracce dai mastodontici archivi di BigG?


http://punto-informatico.it/p.asp?i=57827&r=PI

Creative Commons LicenseTutti i contenuti di Punto Informatico sono pubblicati secondo la licenza di utilizzo di Creative Commons, salvo diverse indicazioni.
L’editore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su Punto Informatico avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d’invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.
59 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.