La Banca d’Italia paralizza Zopa.it. E Tremonti fa rientrare i fondi depositati all’estero

Qualche giorno fa vi avevo parlato di Zopa.it, e del suo semplice, meraviglioso, equo, solidale modo di fare investire denaro in prestiti per chi ne ha bisogno (sì, magari per comprarsi il SUV e andarci a spiaccicare la gente per strada, ma lasciamo stare).

Tu avevi qualche soldo, fissavi i tassi di interesse a cui volevi prestarlo, Zopa ti trovava chi era disposto a comprarti il denaro a quel tasso, glielo metteva a disposizione e si prendeva le sue commissioni, mentre al prestatore restava un interesse di tutto rispetto, decisamente superiore ai titoli di Stato.

Adesso Zopa è praticamente paralizzata da un decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze che, su indicazione della Banca d’Italia, l’ha cancellata dall’elenco degli intermediatori finanziari.

In pratica, hanno voluto farli fuori, con la scusa che l’esistenza di un conto prestatori (il conto corrente bancario su cui vengono versati i fondi che poi vengono materialmente prestati), producendo un interesse (i fondi restano a disposizione di Zopa.it finché non vengono effettivamente prestati) e che quindi, questo, costituirebbe un’attività di tipo bancario.

Oltre a loro, hanno voluto far fuori un nuovo modo di vedere il rapporto tra le persone e il rapporto con il denaro, svincolato dalla logica delle banche e più vicino a una concezione "peer-to-peer".

Naturalmente, dall’altro lato, il Ministro Tremonti "prevede una sanatoria con “esclusione di punibilità” per coloro che, avendo denaro all’estero, provvedono a farlo rientrare in Italia acquistando titoli di Stato (Bot e Cct)."

Lo Stato è con l’acqua alla gola e sta cercando di far fuori tutti coloro che gli impediscono di recuperare liquidità.

Ad ogni modo, e per quello che può valere, ecco i servizi che restano attivi per i Prestatori e per i Richiedenti:

Prestatori:
– accredito mensile delle rate dei prestiti in corso
– controllo movimenti e saldo Portafoglio Zopa
– controllo dell’andamento dei prestiti finanziati
– ritiro fondi
– aggiornamento dei propri dati personali.

Richiedenti:
– addebito rate fino a estinzione del prestito
– estinzione anticipata del prestito
– visualizzazione dettagli del prestito in corso
– controllo avvenuto ripagamento rate
– aggiornamento dei propri dati personali.

1 Views

Zopa.it: istruzioni e consigli per l’uso

Vi avevo promesso ieri che vi avrei parlato di zopa.it, come fonte alternativa di investimento. Mi sembra comodo, abbastanza facile, sufficientemente etico da essere preso in considerazione.

Si tratta di una piattaforma che permette il prestito tra privati a tassi di interesse piuttosto convenienti e senz’altro superiori a quelli dei conti di deposito o dei titoli di Stato. E’ ovvio che conviene investirci piccole cifre e non l’intero capitale accumulato in una vita.

Risponde all’indirizzo www.zopa.it, per iscrivervi avete bisogno di un nickname, una casella di posta elettronica, le coordinate di un conto corrente bancario tradizionale (dovreste averlo, no?) e una stampantina per i moduli che poi rimanderete via fax firmati, per poter avere l’account e diventare dei prestatori.

A chi prestate? A gente come voi che ha bisogno di determinate cifre per ristrutturare casa, comprare il televisore al plasma, curarsi i denti, sbarazzarsi di prestiti contratti con finanziarie-strozzinaggio e chi più ne ha più ne metta (la gente è veramente con l’acqua alla gola, ed è triste vederlo…)

Si comincia con un prestito di 100 euro. Che va beh, chi li ha mai persi, però non sono nemmeno una cosa insostenibile. Successivamente si può andare avanti di 10 euro in 10 euro.

Lo so, ci sono banche che per un bonifico di 10 euro chiedono 1, 2 o anche 5 euro. Sono tre spippolamenti su un computer ed è un’esagerazione. Cambiate banca. Subito. Non scherzo. Ci sono conti correnti on line che non fanno pagare un centesimo per i bonifici, Conto Corrente Arancio è uno di questi, non rende nulla ma non costa neanche nulla, e voi non avete ucciso nessuno. Se non vi fidate dei conti on line, che ci fate con Zopa?

Si versa il denaro che si desidera prestare su un conto corrente fornito da Zopa, e dal vostro account on line decidete voi a quale tasso prestare e per quanto tempo.

Ad esempio, i vostri primi 100 euro potete prestarli a 12, 24, 36 o 48 mesi. Vi consiglio di prestarli a 48 mesi perché, lo ripeto, la gente è indebitata fino agli alluci, quindi ha bisogno di sentirsi tranquillizzata.

I vostri 100 euro iniziali vengono, di volta in volta, spezzettati in "tronconi" di prestito di 10 euro ciascuno. Sono, in realtà, dei microprestiti che vanno a formare la cifra richiesta.

Ad esempio, se l’utente DonZauker richiede a Zopa 30.000 euro da restituire in 48 mesi (in 12, rendetevi conto che non ce la fa…), dei 100 euro che avete messo a disposizione per il prestito 10, o 20 andranno all’utente DonZauker, e così via.

Potete prestare al tasso che vi pare, anche al 10%, ma poi non lamentatevi se il vostro prestito non va a nessuno (è chiaro, mica la gente viene a prendere il denaro al 10% da voi, lo prende al TAEG massimo del 14% da Findomestic, perché va bene essere contraddittori ma bisogna anche farsi un po’ del male, qualche volta).

Ci vuole un po’ di tempo prima di entrare nel "giro" e fare in modo che il vostro capitale iniziale venga effettivamente prestato, ma poi, se non siete stati esosi, ci si arriva abbastanza bene, e puntualmente riceverete le rate mensili (fino a tre volte al mese, a seconda della scadenza) di tutte le frazioni da 10 euro che avete prestato.

Dovrete pagare una commissione menzile a Zopa, pari all’1% annuo di quanto avete effettivamente prestato.

Poi ci sono le ritenute d’acconto. Dovete dichiarare i proventi di Zopa.it al fisco italiano perché sono redditi da capitale e perché non è bello evadere le tasse.

Al netto di tutto, vi rimangono comunque dei bei soldini.

Poi mi rammentate.

4 Views

Conto Arancio ha abbassato il tasso base all’1,50% lordo dal 5 giugno

ING Direct, la banca olandese che gestisce "Conto Arancio", il primo conto di deposito ad essere stato inserito anche in Italia, mi ha comunicato la variazione dei tassi di interesse di base:

"A seguito delle continue e significative riduzioni dei tassi di riferimento in Europa che hanno avuto impatti sui rendimenti dei principali prodotti di risparmio, desideriamo comunicarti che dal 5 giugno 2009 il tasso base di Conto Arancio sara’ pari all’1,50% lordo."

Significa che se Conto Arancio dà l’1,50% lordo, i titoli di Stato sono alla frutta, e chi ha comprato i famigerati "bòtti", come li chiamava il mi’ nonno Armando, fra spese, bolli e tangenti alla banca (dia, dia, dia qui…), liberatorie e sconfinamenti (firmi qui, qui e qui) deve ringraziare il Padreterno se gli ci avanzano anche gli spiccioli per il caffè.

Intendiamoci, le offerte che si vedono in TV al 3,50% sono vere (ovviamente sono valide solo per un breve periodo di tempo, solitamente alcuni mesi), Conto Arancio è un prodotto solido e garantito come qualsiasi altro conto corrente e non credete alle leggende metropolitane che lo circondano perché non è vero un accidente.

Il punto è che passati i mesi dell’offerta, se non si hanno particolari convenzioni il tasso base è quello dell’1,50% lordo ed è un po’ pochino.

Un po’ meglio sembra rendere CheBanca! che ha un tasso base dell’1,75%, per il resto calma piatta.

Se volete provare un investimento un po’ diverso, non troppo impegnativo e perfino divertente e abbastanza equo, andate su www.zopa.it, i tassi sono decisamente interessanti, anche una volta tolte tutte le spese e tutte le ritenute d’acconto.

Insomma io ve l’ho detto, poi come sempre fate un po’ cosa vi pare, m’importassai a me…

3 Views