Buongiorno caro alleato! Come va?

Reading Time: 2 minutes

yulia

Oggi è arrivato lo spamming di Yuliya dall’Ucraina. E’ il primo esempio di spamming-acchiappone basato sul far leva sui sentimenti umani che io abbia mai ricevuto. Mi definisce la sua “anima gemella”, poverina. Mi manda anche una (non) sua foto, dove si vede una fanciulla intenta, novella Nadia Comaneci, in una spaccata in grande stile (Voilà!). Come spesso accade nei casi di spamming che abbiano una qualche parvenza di volontà di contatto con l’interlocutore finale, l’italiano, affidato a un accrocchio di traduzione automatica, è pessimo. E c’è solo da pensare a quante persone, magari sole davvero, risponderanno a questa “chiapparella” (come l’avrebbe definita il mi’ nonno Armando) confermando l’esistenza del proprio indirizzo e-mail che, per due parole d’amor fasulle, andrà ad avvilupparsi nella spirale del bombardamento pubblicitario spinto a oltranza, quello vero.

BUONGIORNO caro alleato ! Come va? Spero che bene! Mi presento! Il mio nome – YULIYA. I – 35 anni, ma per favore non credo che ero molta giovane! I – una donna molto grave con alta moralita. La ringrazio molto, di avere attenzione alla mia lettera; e molto gentile con me! A dire il vero, io – donna molta intelligente e socievole. Ho un sacco di amici, e posso dire di me e che io – persone divertenti, gentile, sincero e di mentalita aperta! Io sono gentile e umile. Sto lavorando come un allenatore in istruttore di fitness in un club sportivo e hanno un sacco di lavoro da fare. Io preferisco mantenere il mio corpo in forma; esso – la mia regola – di essere in buona forma! Mi piacerebbe continuare la nostra corrispondenza! prego email me direttamente sulla mia e-mail XXX@YYY.com Ti aspetto la vostra risposta con impazienza! YULIYA. Buona giornata!

Cristiano Lucarelli va in Ucraina

Reading Time: < 1 minute


(screenshot da www.repubblica.it)

Livorno, si sa, è sempre stata accusata di non aver capito fino in fondo i suoi figli più geniali.
Amedeo Modigliani, Giorgio Caproni, Piero Ciampi.
E poi quell’altro Ciampi, lì. Carlo Azeglio.
Livorno ingrata, mamma snaturata che abbandona i propri figli (rigorosamente bastardi!) al proprio destino, sia esso di gloria imperitura (Pietro Mascagni) o di più modesta ma dignitosa notorietà (Paolo Virzì).
E’ un luogo comune che si ritrova anche nelle canzoni di certo cantautorismo di maniera.
Ma è falso come Giuda.
Livorno i suoi figli li capisce tutti, e perfettamente. Solo che non li perdona. Non li perdona di averla lasciata per essere andati altrove.
Tutto lì. Hai voluto la bicicletta? O pedala!!
E allora Cristiano Lucarelli ha chiesto e ottenuto di andare a in Ucraina a bordo della Corazzata Potemkin, per giocare con una squadra che ha il nome di un codice fiscale. Buon per lui.
Ci vada, e faccia il favore di piu’ non accasciarci.