I 100 meravigliosi anni di Franca Valeri

Reading Time: < 1 minute

E brava Franca Valeri, che oggi ha raggiunto la non disprezzabile età di 100 anni.

Attrice poliedrica, meravigliosa caratterista, appassionata di musica lirica, regista, creatrice di espressioni ormai entrate nel linguaggio comune, come quel “Cretinetti!”, ripetuto a spron battuto ne “Il Vedovo”, al marito interpretato da un altrettanto eccellente Alberto Sordi. Indimenticabili la signorina snob, Cesira la manicure e la Sora Cecioni, alla quale sono particolarmente affezionato. Genio delle pause teatrali (“Mammà?? Che te sei dimenticata quarche cosa su la tomba de nonno?….. Ah, l’ombrello!….”), ha saputo coniugare il teatro col cinema e la televisione con naturalezza ed efficacia. La sua filosofia di vita si racchiude nel titolo del suo ultimo libro autobiografico “Bugiarda no, reticente”.

Dice che arrivare a 100 anni bisogna sempre far lavorare il cervello. E il suo lavora come quello di una ragazzina di 20. Auguri, cara signora.

Foto di Associazione Amici di Piero ChiaraFranca Valeri, CC BY 2.0, Collegamento

I “preferiti” del Teatro La Fenice

Reading Time: < 1 minute

Il “Teatro La Fenice”, inteso come utente Twitter, ha inserito tra i suoi link preferiti, quello al post in cui me la prendevocon il concerto di Capodanno da Venezia e la um-pa-pà-Musik de noàntri.

Non è che ne parlassi poi molto bene, in verità. E a loro piace. La gente è strana.

Un frammento inedito di William Shakespeare

Reading Time: < 1 minute

“…varda, Romeo, no xé ‘a lodoéta che canta, xé l’usignol che vien  spacàrme i maroni quando mi son drio a far i mestieri, renega un po’ to’ pare e to’ mare, mona che ti xé, si no mi no sarìa più una Capuléti e xé anca massa se ti me vedi al balcon…”

(ovvero: come Shakespeare avrebbe scritto “Romeo e Giuletta” se si fosse ricordato che lei era di Verona)

 

Alessandro Baricco, Robin Hood della TV -per tacer del teatro-

Reading Time: 2 minutes


Alessandro Baricco è uno scrittore da annoverarsi nella categoria che mia moglie definisce degli "ingiustamente sopravvalutati".


Dotato di scarse capacità inventive e narrative, scrve romanzi intorno al niente e, proprio per questo, il pubblico lo osanna, quando non si autoosanna da solo.

Logica vuole che uno come lui faccia assurgere la sua figura a quella di "vate", che profetizza ora su questo, ora su quest’altro argomento, con la solita mancanza di argomenti, ma per il puro gusto (incomprensibile alle persone di buon senso) di esserci.

Ultima in ordine di tempo la sua sparata per cui non si può pensare che la cultura sia finanziata interamente con i fondi statali (ma Baricco non ha ancora capito che se la cultura non appartiene allo stato, inteso in senso di collettività, non può appartenere a nessuno, perché Internet stessa ci insegna che là dove ci si illude di concentrare la cultura sotto un’unica denominazione, si ha il controllo totale delle informazioni), per cui, la soluzione di Baricco non può essere che quella di togliere al teatro e dare alla TV. Come dire, togliamo ai poveri e diamo ai ricchi.

In puro stile berlusconisca, Baricco pensa che il teatro non serve a nulla, meglio quei soldi darli alla TV pubblica che li userà sapientemente per ammannire tette e culi a volontà tra veline e pacchi, la prosa, la lirica, la rivista vadano pure in pensione.

Meglio Bonolis che la Mandragora, dunque, meglio la Hunzicker di Mirandolina, meglio Greggio e Iachetti di Garinei e Giovannini.

L’intelligenza dell’Italietta filo fascistoide non riesce a produrre nulla di meglio, evidentemente.

A parte la profezia apocalittica di Baricco, secondo cui, con la crisi economica prenderà fuoco tutto più facilmente. Speriamo anche i suoi libri.

(screenshot da repubblica.it)