Epilogo: Di come il Nostro riuscì a risolvere il problema delle statistiche dei download, e di quello che con tutto ciò gli accadde

Reading Time: 2 minutes

Alla fine, tra Google Analyics, MonsterInsights, ExactMetrics e tutti i santi che li proteggono ha avuto la meglio

https://www.statcounter.com

Un servizio davvero raffinato e preciso, personale gentile, interfaccia grafica gradevole, costa poco, anzi, pochissimo, e mi dà quello Google Analytics, bontà sua, non mi fa vedere.

La gente, come potete vedere dallo screenshot, scarica, e anche abbastanza. Non pochissimo come mi dice il servizio statistiche di Google, ma scarica. Sono bastati la sottoscrizione di un account, uno script, una sistematina al codice qua e là, 8 eurini al mese (meno certamente dei 199 $ollari richiesti da MonsterInsights), un po’ di pazienza (imprementare il codice in più di 31000 pagine statiche di classicistranieri.com non è uno scherzetto da poco) e una nottataccia di lavoro, ma ora tutto funziona che è una meraviglia e sono soddisfatto. Mi dice tutto, ma proprio tutto. I percorsi delle visite, e perfino se qualcuno mi clicca sulle pubblicità di Google. Se passo all’upgrade massimo mi spiccia pure casa.

Nel frattempo MonsterInsights mi ha rimborsato i 79 USD e spiccioli che avevo versato. Onesti e coerenti.

Con questo finisco i miei vaneggiamenti sulle statistiche, perché vi ho rotto i coglioni abbastanza. Volevo solo segnalarvi questo eccellente servizio che offre un periodo di prova di 30 giorni, anche se per sole 500 pagine tracciate (pochino per le mie esigenze, ma quando ho visto che l’accrocchio funzionava non ho avuto più dubbi).

Tutto è bene quel che finisce bene, dunque. E non tornerò mai più sull’argomento. Forse.