Io non sto con il Ministro Madia. E nemmeno col suo gelato!

C’è qualcosa di vecchio e di stantìo nell’ondata buonista e filopiddina seguita alla pubblicazione, da parte del settimanale “Chi”, di alcuni scatti fotografici che ritraevano la Ministro Madia intenta a gustare un gelato. E a montarli, ad arte, in modo da alludere a prestazioni di ben altro genere, complice il titolo “Ci sa fare col gelato”.

Ora sia chiaro, la Ministro Marianna Madia, come chiunque di noi, è libera di mangiarsi un gelato in santa pace e di leccarsi le dita senza che questo debba diventare pretesto per qualcuno per ricamarci sopra a iosa. Ma poi basta così. Perché ciò che, invece, risulta stomachevole, è la pioggia di messaggi di solidarietà che sono piovuti sui social network e su tutto il web in queste ore.

Perché, voglio dire, è “Chi”. E’ roba nazional-popolare, un feuilleton che lo compri oggi, in mezz’ora hai finito di scorrerlo (“leggerlo” mi sembrava un termine eccessivo), lo metti via, ti dimentichi del contenuto e te lo ritrovi nel negozio della parrucchiera o nella sala d’aspetto del medico. E’ un rotocalco che ci campa sul filo del detto e del non detto, del vedo e non vedo, del tocca e non tocca, del c’ero e non c’ero -Di Stefano ora basta!-, cosa pretendevano questi solidali del tweet, che pubblicassero l’opera omnia di Antonio Gramsci in una nuova edizione critica riveduta? O che offrissero ai lettori una copia omaggio dei “Canti” di Leopardi?? O magari un CD con l’integrale delle Ouvertures di Francesco Maria Veracini, che tanto sapete assai voi chi era? Questa è editoria che tira a far ciccia, e per ciccia s’intende carne, viande, meat. Che poi sia vera o costruita non importa.

E allora “Uno schifo”. “Qualcosa di disgustoso”. E la senatrice Laura Puppato: “Solidarietà a Marianna Madia per la squallida e incredibilmente perversa copertina di Chi“. E ancora: “Questo è giornalismo criminale. Inutile, sessista. Non so in che altro modo definirlo” (Pietro Raffa), “Sempre peggio, sempre più giù. Che esempio per i giovani e le donne?” (Noemi Grillo), “Il servizio è talmente becero che non riesco neanche a provare pena verso Signorini. Che schifo” (Francesca Bianchi), “Un giornale non può permettersi di fare servizi come quello fatto sul gelato e la Madia” (Matteo Ornati)

Ma perché, quando la Madia ha snobbato i giornalisti accusandoli di non essere “di rinnovamento” durante la sua passerella alla Leopolda, quello non è disgustoso? E l’operato del governo di cui fa parte, che rifiuta di parlare con le parti sociali e se ne fa anche un vanto, pur di far passare il cosiddetto Jobs Act che detto così sembra il nome di una pratica erotica, per non parlare (ma parliamone per carità) del fatto che gli insegnanti, dopo gli interventi dei governi di destra (cioè degli alleati del PD) dovranno attendere ancora un anno prima di avere gli scatti di anzianità di servizio ai fini economici? E che dire del fatto che un avvocato, solo perché fa parte del Governo, è tra i primi firmatari di un decreto che mina alla base la Costituzione e abolisce il Senato? Se di cose disgustose bisogna parlare, allora c’è solo da dire che ce ne sono di ben peggiori di un servizio fotografico sulla Madia che ciuccia il gelato. Perché io da Signorini me lo aspetto che pubblichi una roba del genere su “Chi” mentre da chi mi governa (che dovrebbe essere migliore di me) non me lo aspetto che mandi avanti un esecutivo in questo modo cialtrone. Non me ne importa nulla della solidarietà della Puppato nei confronti della Madia (che fa parte di quel governo che le sta tirando via la poltrona del Senato da sotto il sedere): è con il popolo italiano che dovrebbe essere equa e solidale. Più della cioccolata dei campesinos boliviani, per Dio! La ministro Madia è un personaggio pubblico, potrebbe stare un po’ più attentina ai paparazzi volanti. Noi siamo privati cittadini, ognuno nel proprio dolore, ogni tanto qualcuno la sera chiude la sua azienda di famiglia e va a buttarsi giù da un cavalcavia perché non ha più di che pagare i debiti e i dipendenti, ma no, macché, ci s’ha da pensare al gelato della Madìa, noi…

129 Views

Non Focaccia; non questi che m’ingombra

C’è qualcosa che ancora non torna nell’intricata vicenda Cancellieri, e che mi spinge a tornarci sopra (del resto sono sul MIO blog e parlo un po’ di quello che mi pare, va bene??).

La Procura di Torino ha deciso di non contestare al Ministro della Giustizia alcun reato. Bene.
Gli atti saranno trasmessi, per un approfondimento, alla Procura di Roma. Bene.

Letta difende la Guardasigilli fino a che non ci saranno novità e la Guardasigilli non si dimette perché non ha commesso nessun reato. Male. Male assai.

Perché in Italia abbiamo l’assurda pretesa di far dimettere un politico -o un tecnico prestato alla politica, come nel caso della Cancellieri- SOLO se ha commesso un reato. E a volte nemmeno in quel caso.

Il fatto che il “penalmente rilevante” faccia la differenza è, di per sé, aberrante. Perché anche se non costituisce reato, il fatto che un ministro della giustizia abbia detto alla famiglia di una detenuta, sua conoscente ed amica, di disporre pure di lei per qualunque cosa, è e rimane un fatto grave che dovrebbe giustificare le dimissioni.

Il Ministro della Giustizia svolge le sue funzioni nei confronti di chiunque, non solo di quelli che gli chiedono di svolgerle in un certo modo.

Il Ministro della Giustizia è uguale per tutti. Se non sa garantire questa uguaglianza alla popolazione detenuta se ne deve andare. Non importa se abbia commesso un reato o meno.

Ci sono tante cose che non costituiscono reato ma che possono essere riprovevoli per chi le compie. Per esempio, se un insegnante va a scuola a fare lezione in abiti sporchi e trasandati, se non si lava da giorni, se puzza di sudore e di alcool, se ha il fiato come una fogna di Calcutta, se rutta in classe e all’intervallo si accende un mozzicone ciucciato di sigaro toscano genitori e dirigenti sarebbero preoccupati sulla sua effettiva capacità di portare avanti la sua funzione.

Eppure non è un reato non lavarsi, avere l’alito pesante e indossare abiti sporchi. Non lo è nemmeno fumare il toscano.

Nel caso Cancellieri è il senso dell’etica che è andato perduto. Quello stesso senso che fece dimettere la Idem per molto meno e che ora tutti hanno miracolosamente smarrito.

 

PS: Spiegazione del titolo: “Farina” è Vanni de’ Cancellieri. Il verso è il 63 del XXXII dell’Inferno.

73 Views

Vice-ministro si dimette per un video pseudo-“erotico”. Non è successo in Italia

Screenshot da lastampa.it

Su “la Stampa” leggo la notizia di una vice-ministro che si è dimessa, o è stata costretta alle dimissioni per un video che si presume “erotico” e che di “erotico” ha ben poco.

Mi sono stupito, lì per lì. Poi lo stupore è rientrato. Non si tratta di una vice-ministro italiana, ma costaricense. E io che lì per lì avevo finito col credere che qualcosa da noi fosse cambiato, pirla che sono!

Ho voluto approfondire un po’ di più la questione. Intanto ho ascoltato il sonoro. Un video di un minuto e mezzo in tutto in cui la Signora dice al destinatario delle riprese che lo ama, che non è abituata a fare questo tipo di cose (un video dal contenuto “amoroso”), ma che le fa solo ed esclusivamente per lui. Lui che chiama “mi vida”, ovvero “vita mia”.

Quindi il video è una prova d’amore. Un atto privato. Che non credo la vice-ministro (della cultura, peraltro) abbia deciso di pubblicare autonomamente su YouTube a beneficio di un pubblico indeterminato (sarebbe stato come suicidarsi), ma che sarà stato in qualche modo fatto recapitare all’amato in privato.

Il problema, dunque, è che una vice-ministro, nel suo privato ha fatto quello che voleva. E che poteva fare. E qualcuno l’ha incastrata divulgando il tutto su YouTube.

Avrebbe, forse, dovuto perdere l’amore, non il posto di vice-ministro. 

97 Views

Lusi in the sky with diamonds

Il Partito Democratico ha impallinato Lusi perché non poteva fare altro, stretto tra l’uscita dall’aula del PDL da una parte (mossa umanamente bieca e volgare ma politicamente astuta) e volto palese dall’altra.

Sono rimasti quasi soli a mandare in galera uno che si era presentato nelle loro liste nel 2008 e che è stato spedito nel limbo del Gruppo Misto non appena si è cominciata a sentire puzza di bruciato, ben consapevoli com’erano di quello che arrostiva sul fuoco.

La colpa, ci mancherebbe anche altro, è di Beppe Grillo. Se non ci fosse Beppe Grillo e la sua indignata massa di persone che leggono “il Fatto Quotidiano” e che ce l’hanno con i privilegi della Casta (ma quarda un po’ questa gente che s’indigna contro chi la rappresenta e legge anche quello che vuole, ma come si permette???) non avrebbe fatto tutta questa paura al Parlamento, che sarebbe stato libero di salvare anche Lusi.

Il vero capro espiatorio, dunque, non è Lusi, ma Grillo, a cui vengono attribuiti poteri che non ha. Non esiste “il sacrificio di uno per salvare tutti”, il Partito Democratico lo sa benissimo di essere in profonda crisi e che anche se risultasse il primo partito d’Italia non governerebbe più di sei mesi.

E’ un sistema che cade a pezzi e invece di spostarsi per prendere i calcinacci in testa vuol farci credere che piove.

59 Views

Franco Barbato si autosospende dalla carica di Parlamentare per un’inchiesta preannunciata dalla stampa

L’onorevole Francesco Barbato (Italia dei Valori) ha annunciato quest’oggi la sua autosospensione dalla carica di parlamentare dopo aver appreso dai giornali di essere coinvolto in un’inchiesta del PM Woodcock della Procura della Repubblica di Napoli.

“Da domani in quest’Aula sarete 629: io mi autosospendo da deputato”. Ha detto.

E prima di entrare nell’aula di Montecitorio ha spiegato: “Non sono indagato, e in ogni caso la mia posizione è limpida. Ma la questione è un’altra. Se un politico finisce sui giornali perché coinvolto in un’inchiesta, è bene che non partecipi all’attività politica”.

C’è qualcosa che non torna. Barbato dice di non essere indagato. E se non è indagato perché si autosospende? Perché l’hanno scritto i giornali? Ma i giornali non dovrebbero emettere avvisi di garanzia, o avvisi di conclusione delle indagini, per quelli deve pensarci la magistratura inquirente. Non ci si autosospende in presenza di un sospetto. Lo si fa, casomai, se e quando questo atto è stato formalizzato e notificato alle parti. Non perché sia di per sé obbligatorio autosospendersi o dimettersi, ma perché non lo si fa solo per sentito dire.

E poi cosa vuol dire che uno si “autospende” (ovvero quando non si partecipa alle discussioni in aula o ai lavori delle commissioni di cui si fa parte)? Ce lo spiega lo stesso Barbato: “Ovviamente mi ridurranno lo stipendio, come accade quando non si partecipa all’attività parlamentare”. E’ una sorta di cassa integrazione volontaria, ma non certo un autolicenziamento dalla carica di deputato. Voglio dire, uno straccio di stipendio minimo dovrà pur prenderlo (anche chi è stato sospeso dallo stipendio e dalla funzione pubblica percepisce un assegno alimentare) e a occhio e croce lo “straccio” di stipendio minimo di un parlamentare deve essere assai più alto del minimo dei minimi che percepisce il dipendente pubblico sospeso d’ufficio per qualche inadempienza.

O si dimette (e lascia il posto al primo disponibile dei non eletti, possibilmente non indagato), o continua a fare il deputato facendosi nemmeno troppo scudo del principio costituzionale che stabilisce la colpevolezza dopo una sentenza definitiva passata in giudicato.

I deputati sono per legge 630. Si decida, o sta fuori o sta dentro. Al Parlamento, s’intende.

72 Views

Cosentino: il giorno del giudizio – Il testo (PDF) della richiesta di autorizzazione all’arresto

Stiamo perdendo il senso delle cose.

I giornali on line aprono tutti (tranne "Il Fatto Quotidiano") con la notizia di una strage familiare avvenuta a Trapani. Tra meno di un’ora comincerà alla Camera dei Deputati il dibattito, cui seguirà il voto, sulla richiesta di autorizzazione all’arresto del deputato Nicola Cosentino.

E’ sempre così. Quando sta per succedere qualcosa di importante per le istituzioni, i giornali (soprattutto quelli che percepiscono denaro pubblico) nicchiano, temporeggiano, parlano d’altro. "La Stampa" ha perfino allestito una pagina in cui un inviato a Montecitorio aggiorna via SMS la situazione del dibattito. Per ora è riuscito solo a commentare gli "ammàppela!" di D’Alema. Un po’ pochino come introduzione a un dibattito così importante.

Il "Corriere" mette la notizia in quinta posizione, dopo il rincaro della benzina e la messa in rilievo di un video del team della Gabanelli che intervista un tassista che confessa di evadere il 40% delle tasse (ci voleva la Gabanelli, evidentemente, per renderci edotti del fatto che in Italia esistono categorie e ordini professionali in cui largheggia l’evasione fiscale…).

I soli commenti di Palazzo sono le posizioni contrapposte di Bossi e Di Pietro. Bibì e Bibò si fronteggiano dicendo l’uno che contro Cosentino le carte non dicono nulla, e l’altro ribattendogli che non le ha lette.

Nel dubbio, le carte sulla richiesta di autorizzazione all’arresto di Cosentino sono qui, scaricabili in formato PDF.

Leggiamole noi per primi, e facciamoci, a prescindere da come andrà, una opinione personale basata sulla conoscenza. Il resto lasciamolo al teatrino della politica, o a quello che ne resta.

Filename  Size  Date 
00000000.pdf  28,729   1/12/12  10:42 am
00000001.pdf  1,019,888   1/12/12  10:42 am
00000002.pdf  1,106,330   1/12/12  10:42 am
00000003.pdf  1,180,833   1/12/12  10:42 am
00000004.pdf  1,312,230   1/12/12  10:42 am
00000005.pdf  1,325,655   1/12/12  10:42 am
00000006.pdf  1,235,875   1/12/12  10:42 am
00000007.pdf  1,188,147   1/12/12  10:42 am
00000008.pdf  1,253,168   1/12/12  10:42 am
00000009.pdf  1,244,736   1/12/12  10:42 am
00000010.pdf  1,210,702   1/12/12  10:42 am
00000011.pdf  1,230,673   1/12/12  10:42 am
00000012.pdf  1,242,633   1/12/12  10:42 am
00000013.pdf  1,262,643   1/12/12  10:42 am
00000014.pdf  981,744   1/12/12  10:42 am
00000015.pdf  990,804   1/12/12  10:42 am
00000016.pdf  838,779   1/12/12  10:42 am
00000017.pdf  1,004,043   1/12/12  10:42 am
00000018.pdf  911,461   1/12/12  10:42 am
00000019.pdf  934,210   1/12/12  10:42 am
00000020.pdf  990,777   1/12/12  10:42 am
00000021.pdf  1,019,682   1/12/12  10:42 am
00000022.pdf  1,027,174   1/12/12  10:42 am
00000023.pdf  1,285,777   1/12/12  10:42 am
00000024.pdf  1,133,022   1/12/12  10:42 am
00000025.pdf  953,920   1/12/12  10:42 am
00000026.pdf  885,301   1/12/12  10:42 am
00000027.pdf  956,955   1/12/12  10:42 am
00000028.pdf  1,018,738   1/12/12  10:42 am
00000029.pdf  994,338   1/12/12  10:42 am
00000030.pdf  1,009,346   1/12/12  10:42 am
00000031.pdf  1,029,367   1/12/12  10:42 am
00000032.pdf  967,434   1/12/12  10:42 am
00000033.pdf  1,081,105   1/12/12  10:42 am
00000034.pdf  1,093,838   1/12/12  10:42 am
00000035.pdf  1,116,692   1/12/12  10:42 am
00000036.pdf  1,024,329   1/12/12  10:42 am
00000037.pdf  1,076,951   1/12/12  10:42 am
00000038.pdf  1,055,254   1/12/12  10:42 am
00000039.pdf  1,098,391   1/12/12  10:42 am
00000040.pdf  1,024,253   1/12/12  10:42 am
00000041.pdf  931,292   1/12/12  10:42 am
00000042.pdf  1,107,279   1/12/12  10:42 am
00000043.pdf  1,107,901   1/12/12  10:42 am
00000044.pdf  1,084,504   1/12/12  10:42 am
00000045.pdf  815,295   1/12/12  10:42 am
00000046.pdf  963,982   1/12/12  10:42 am
00000047.pdf  1,039,526   1/12/12  10:42 am
00000048.pdf  1,048,264   1/12/12  10:42 am
00000049.pdf  1,141,872   1/12/12  10:42 am
00000050.pdf  1,105,662   1/12/12  10:42 am
00000051.pdf  1,123,651   1/12/12  10:42 am
00000052.pdf  1,063,749   1/12/12  10:42 am
00000053.pdf  1,065,819   1/12/12  10:42 am
00000054.pdf  984,206   1/12/12  10:42 am
00000055.pdf  963,373   1/12/12  10:42 am
00000056.pdf  897,728   1/12/12  10:42 am
00000057.pdf  964,820   1/12/12  10:42 am
00000058.pdf  948,424   1/12/12  10:42 am
00000059.pdf  1,028,776   1/12/12  10:42 am
00000060.pdf  1,221,932   1/12/12  10:42 am
00000061.pdf  953,782   1/12/12  10:43 am
00000062.pdf  1,204,618   1/12/12  10:42 am
00000063.pdf  1,306,487   1/12/12  10:43 am
00000064.pdf  1,270,094   1/12/12  10:42 am
00000065.pdf  1,320,880   1/12/12  10:42 am
00000066.pdf  771,785   1/12/12  10:42 am
00000067.pdf  1,096,250   1/12/12  10:42 am
00000068.pdf  973,910   1/12/12  10:42 am
00000069.pdf  815,976   1/12/12  10:42 am
00000070.pdf  859,615   1/12/12  10:42 am
00000071.pdf  797,418   1/12/12  10:42 am
00000072.pdf  1,199,305   1/12/12  10:42 am
00000073.pdf  1,189,622   1/12/12  10:42 am
INTERO.pdf  75,782,573   1/12/12  10:43 am
65 Views

Frattini indagato per abuso d’ufficio sulla base di un esposto di un cittadino


(screenshot da Repubblica.it)

Dunque Frattini è indagato ufficialmente dalla procura della Repubblica di Roma per abuso d’ufficio.

Solita retorica. Da una parte la magistratura dice che l’iscrizione nel registro degli indagati e la trasmissione degli atti al Tribunale dei Ministri sono un atto dovuto, dall’altra il politico indagato risponde che si sente sereno e attende con assoluta tranquillità il corso della giustizia.

Cazzo, avessi sentito mai un magistrato dire una cosa del tipo "Non dovrei nemmeno iscriverlo questo qui nel registro degli indagati, ma lo faccio per uno scrupolo di coscienza professionale, magari un giudice potrebbe anche assolverlo, perché potrei anche avere torto a formulare questa accusa", così come non ho mai sentito un politico indagato dire "Non sono affatto tranquillo,  anzi, me la sto facendo sotto."

La cosa che fa pensare è che l’indagine è partita sulla base di un esposto di un militante vicino a Futuro e Libertà. Un cittadino. Magari dalle idee politiche un tantinellino discutibili, ma pur sempre un cittadino. Che ha informato la magistratura di un evento di cui è venuto a conoscenza. E cioè che Frattini avrebbe acquisito delle documentazioni da Santa Lucia che attesterebbero che la famosa casa di Montecarlo è di proprietà di Tulliani, cognato del Presidente della Camera. E che non poteva farlo perché non era di sua competenza.

Ora,  Frattini ha  risposto in Parlamento, cioè in seduta pubblica usando quelle documentazioni. Com’è che la Magistratura agisce sulla base dell’esposto di un cittadino e non in base all’evidenza della pubblicità dell’agire di Frattini?
Voglio dire, se io vedo il mio vicino che tutte le sere riceve le visite, poniamo il caso, di una puttana minorenne ma non troppo, poniamo il caso di diciassette anni e mezzo, e vedessi la traviata uscire dalla sua casa tutte le sere con un mucchio di soldi in una busta, poniamo il caso conferitigli a titolo di pagamento della sua prestazione sessuale, lo vedo solo io. E’ chiaro che la Magistratura non lo può sapere se non glielo dico.

Ma che diamine, Frattini va in Parlamento, ne parlano tutti i giornali, l’abuso d’ufficio è perseguibile d’ufficio, ci voleva l’esposto del privato cittadino per far partire un’indagine?

Pare di sì, perché in Italia la notitia criminis non può passare attraverso l’osservazione della realtà da parte dei magistrati. E’ la logica del sentito dire. Io ti indago perché ho sentito dire da qualcun altro che tu hai fatto questo, non sono io che mi prendo la briga di verificarlo direttamente.

La calunnia, si sa, è un venticello.
128 Views

Nichi Vendola a “Che tempo che fa”

Non so se avete visto "Che tempo che fa" su Rai Tre, stasera.

Io stavo mangiando una bresaolina lèggia lèggia con un po’ di limone, un filino d’olio extravergine d’oliva, cui ho fatto seguire un assaggio di un aspic di carne e cotiche di piede di porco (perché con quattro fettine di bresaola e via si sta difficilmente in piedi) e mi sono apparsi due tipi che hanno detto di chiamarsi Paolo e Luca, conosciuti dal grande pubblico come "Le Iene", cui è stato affidato il compito intellettualmente gravoso di condurre il Festival di Sanremo.

Uno di loro ha detto (ma per scherzare, nèh?) che ama andare in palestra per sentire l’odore del sudore dei maschi, poi ha parlato della nipotina appena nata che appena l’ha presa in braccio le ha "cagato addosso".

Che, voglio dire, sono argomenti che quando uno mangia, la domenica sera, fanno anche piacere. Insomma, uno digerisce meglio, fa spazio tra i succhi gastrici e non ha bisogno dell’apporto serale e caritatevole dello storico Digestivo Antonetto.

Poi è arrivato Nichi Vendola.

Fazio, da conduttore e portatore degli interessi dell’azienda, quando il Presidente della Regione Puglia ha detto che la Fiat fa una macchina tutto sommato mediocre gli ha, di rimbalzo, ribattuto: "E’ una sua opinione, Presidente…"

Ma certo che è una sua opinione, scusa, lo chiami per un’intervista, quello esprime una considerazione personale, di chi deve essere l’opinione, del lattaio all’angolo? Del fioraio del cimitero monumentale? Ne avranno anche loro, indubbiamente, e allora, se ti interessano,  vai e intervista loro. Se inviti Vendola è chiaro che le opinioni sono sue.

No, la considerazione di Fazio era molto più sottile: "E’ una Sua opinione" ma, soprattutto "se ne assume ogni responsabilità" (perché guai a dire che la azienda automobilistica di bandiera fa delle vetturette "mediocri"). Solo che la seconda parte della considerazione Fazio non l’ha detta.

Ma una domanda tremenda gliel’ha fatta. C’è da vergognarsi del servizio pubblico a sentir rivolgere a un politico la seguente questione:

"E’ meglio vincere male o perdere bene?"

Dico, ci si può anche svegliare alle tre di notte e mettersi a piangere per una cosa del genere.

Ma che razza di domanda è?

E lì Nichi Vendola avrebbe avuto l’occasione di mettere l’assist in gol, di prendere al volo l’occasione per una rovesciata di buon senso e di buona politica.

Avrebbe potuto dire: "E’ molto meglio vincere bene!" (perché, notoriamente, la scelta obbligata in Italia è quella tra il male maggiore e il male minore). Avrebbe vinto le elezioni, anticipate o no che fossero, a mano bassa.

Avrebbe potuto dirlo ma non l’ha fatto. Ha preferito rispondere "E’ meglio perdere bene", come per dire che lui perderà, e perderà di sicuro.

E a questo punto c’è da vergognarsi della politica.

E’ il ritorno alla normalità dopo l’ebbrezza delle feste. Domani è solo lunedì.

118 Views

Berlusconi ottiene la fiducia della Camera

E così è stata espressa la fiducia alle prostitute, alla politica che si compra a buon prezzo, alla nipotina del Presidente Moubarak, al fondo che non è stato raggiunto perché non basta ancora, all’Italia che se ne va alle suddette prostitute, all’Italia che si compra a buon prezzo, all’italia nipotina di qualche zietto presidente, all’Italia che non ha ancora raggiunto il fondo.
110 Views

La mail a deputati e senatori per il B.-Day

E’ inutile, non c’è niente da fare, stiamo aspettando il 14 dicembre (dopodomani, ormai) come se si trattasse della data oltre la quale tutto non sarà più come prima.

Attendiamo il voto di fiducia o di sfiducia alla Camera dei Deputati come se fosse una finale di Coppa del Mondo di calcio o l’ora X dell’impatto di un meteorite sulla terra.

E ci chiediamo chi vincerà il match o se il sassolino dallo spazio andrà a colpire qualche zona abitata del pianeta piuttosto che andare a scaraventarsi nell’Oceano.
Si comincia già a guardare gli altri in cagnesco, a tirare dritti, a fare gesti scaramantici e a grattarsi le parti intime, a evitare di parlare dell’argomento perché si fa finta di rispettare le opinioni altrui, quando, invece, non ce ne importa un fico secco.

Il previsionismo la fa da padrone, dunque.

E alle Camere prevedono già che ci saranno manifestazioni di protesta. E siccome hanno la sfera di cristallo, deputati e senatori hanno ricevuto una mail preventiva in cui si scrive testualmente:

“Si comunica che il giorno 14 dicembre prossimo, in concomitanza con la discussione presso le Camere delle mozioni sulla fiducia al Governo, sono previste manifestazioni di protesta che potrebbero interessare le zone circostanti le sedi del Parlamento.

Allo scopo di tutelare l’ordine pubblico, la Questura di Roma ha predisposto una serie di servizi, comprendenti anche posti di blocco volti ad impedire l’avvicinamento dei manifestanti ai palazzi del Senato e della Camera dei Deputati, in modo da evitare il ripetersi di episodi come quello del 24 novembre scorso, allorché alcuni manifestanti tentarono di accedere dall’ingresso principale di palazzo Madama.

In considerazione delle difficoltà che il dispositivo di sicurezza potrebbe comportare nell’accesso al Senato, l’Amministrazione ha richiesto alla Questura di garantire il transito dei Senatori e dei dipendenti, previa esibizione del tesserino di riconoscimento personale e del contrassegno di transito dell’autovettura; eventuali difficoltà che dovessero essere frapposte al transito dal personale di polizia presente sul territorio potranno essere segnalate telefonicamente alla Centrale operativa del Senato (tel. 06 xxxxxxxx), che provvederà – compatibilmente con la situazione – ad esperire ogni azione utile alla soluzione del problema. Si suggerisce, tuttavia, di anticipare l’arrivo in Senato alle prime ore della mattinata, in quanto successivamente l’eventuale concentrazione dei manifestanti in corrispondenza dei posti di blocco potrebbe rendere fisicamente impossibile il transito”.

Così nessuno potrà più avvicinarsi per tirare le uova alle sedi del Parlamento impegnate a contare i voti pro o contro Berlusconi, ivi compresi quelli dei trànsfughi dell’Italia dei Valori che hanno il mutuo da pagare.

58 Views

Rinviata la decisione della Corte Costituzionale sul legittimo impedimento

Sicché la decisione della Corte Costituzionale sulla legittimità o meno del "legittimo impedimento" è stata rinviata dal 14 dicembre al 10 o al 25 gennaio (non si sa ancora bene).

Non è certamente un rinvio tecnico, visto che ce lo conferma lo stesso neo presidente della Consulta De Siervo, che tende a precisare, si badi bene, "noi non siamo di parte".

Vorrei anche vedere il contrario!

De Siervo, però, sostiene che serva un clima più tranquillo per giudicare, e che, probabilmente, questa tranquillità non sarebbe garantita dalla concomitanza del voto di fiducia in Parlamento sul governo Berlusconi, prevista per la stessa data.

Ora:

a) la data del 14 dicembre per la decisione sul "legittimo impedimento" era stata prevista dalla Corte Costituzionale ben prima che venisse calendarizzata alla Camera per la discussione della mozione di fiducia, quindi in un momento in cui non c’era minimamente da dubitare sulla serenità di giudizio che avrebbe dovuto caratterizzare la decisione;

b) i poteri costituzionalmente garantiti (e il potere giudiziario è un potere costituzionalmente garantito) sono, proprio per questo, indipendenti.

Per cui, mi si spieghi perché il fatto che il potere politico debba decidere sul Presidente del Consiglio può influire sulla serenità di giudizio della Corte Costituzionale che è un potere a parte, ma soprattutto indipendente.

Il rinvio, dunque, acrà solo l’effetto di prolungare per circa un mese o qualcosa di più l’effetto del legittimo impedimento sul Presidente del Consiglio che:

a) se sarà messo in minoranza resterà in carica per il disbrigo degli affari correnti fino all’insediamento di un nuovo esecutivo (dunque, continuerà a usufruire del legittimo impedimento se e fino a quando sarà ancora legge dello stato a tutti gli effetti);

b) se incasserà la fiducia avrà la possibilità di pensare alle contromosse da prendere nel caso la consulta dovesse giudicare incostituzionale il legittimo impedimento.

Il rinvio non sarà certo un regalo a Berlusconi, ma non è neanche un segnale coerente per il paese.

E’ come se un treno ritardasse la partenza solo perché deve salire un passeggero che, guarda caso, quel giorno deve arrivare con la coincidenza di un autobus di un’autolinea pubblica.

"Il clima è troppo surriscaldato, vogliamo evitare letture politicizzate della sentenza", ha proseguito De Siervo.

E io che pensavo che la giustizia facesse il proprio corso a prescindere da tutti e da tutto.

Ma questo, forse, vale solo per i comuni cittadini.
78 Views

Aspettando Godot e il B. Day del 14 dicembre

C’è un’aria strana in giro, come quella della quiete prima della tempesta, come di una tromba d’aria che si annuncia con un soffio di vento appena appena percettibile, ma guarda te che razza di metàfore che trovo di prim a mattina…

Tutto è sospeso, rimandato, aggiornato al 14 dicembre. Il B-Day. Il giorno in cui sapremo se quest’omino umile, dai modi garbati e sensibile ai cambiamenti, disposto a rendere giustizia, omaggio e rispetto ai diversi poteri dello Stato, cadrà sotto il peso dei traditori finiani o sarà salvato dai voti dei radicali schierati a difesa unica e immarcescibile di Pannella, ormai diventato l’ombra di se stesso (non lo votavo nemmeno quando votavo radicale, figuratevi…).

Nel frattempo tutto è chiuso, la Camera dei Deputati, per esempio, giusto per dimostrare al paese che quello che, con un’ipèrbole, viene chiamato il "disbrigo degli affari correnti" viene trasformato in un fancazzismo pròno alla questione di fondo, che, per inciso, dovrebbe essere quella di rappresentare gli italiani nella funzione legislativa e non certo quella di starsene a casa (pagati, eh, s’intende, chè in Italia ci sono solo due categorie di persone pagate per non fare nulla dalla mattina alla sera, i politici e gli insegnanti…).

Siamo tutti lì come degli imbecilli ad aspettare. Come se da questa decisione della Camera dei Deputati di salvare o meno un omino di bassa statura coi capelli incatramati dipendesse non solo l’esito del governo del paese, ma addirittura la sorte di tutti noi, delle istituzioni, dei servizi, delle libertà individuali. Qualcuno sta attribuendo a questo evento poteri sinistramente divinatòri, sempre per la tradizione tutta italiana di cedere alle lusinghe del pensiero determinista e raziocinante, per cui "Se Berlusconi si salva supero un esame", "Se Berlusconi va giù mi ubriaco di champagne…" e quant’altro.

Ci riempiranno di pronostici e dibattiti: "Ballarò", "Anno Zero", i telegiornali, le testate giornalistiche sul web e non. Per fortuna che la trasmissione di Fazio e Saviano è finita se no ci saremmo dovuti sorbire l’insostenibile litania degli elenchi di chi aspetta senza sapere che cosa.

Il 14 dicembre saremo liberi non tanto da Berlusconi (che ha ottime probabilità di sfangarla anche stavolta) ma dell’immobilismo che in suo nome ci viene imposto. E staremo tutti peggio.
62 Views