Nuovi sottosegretari crescono: Carlo Sibilia

Reading Time: < 1 minute

sibilia

Tra i nuovi sottosegretari che hanno giurato a Palazzo Chigi c’è anche Carlo Sibilia, che nel 2014 scrisse che lo sbarco sulla Luna è stato una farsa. Il tweet è ancora regolarmente disponibile in rete e ve ne offro uno screenshot recente. Insomma, secondo Sibilia, sulla Luna non ci saremmo mai andati.

Serena Riformato, una giornalista di Repubblica, lo ha definito in un suo articolo “Complottista immaginifico e maestro nell’arte del tweet incauto”. Sibilia è famoso per aver proposto il matrimonio tra specie diverse “purché consenzienti” (immagino sia desiderio di tutti sposarsi con il proprio canarino, o con un ippopotamo, o con un orang-utan, il problema è strappare loro il consenso) e per aver paragonato la vaccinazione obbligatoria prevista dal decreto Lorenzin a un TSO.

Ha il ricorso facile alla querela per diffamazione. Tra i destinatari dei suoi atti giudiziari ci sono Matteo Renzi (non so che esito abbia avuto questo ricorso), Elvira Santaniello (archiviata), Enrico Mentana (in corso), Ettore Ferrini (archiviata).

Adesso è sottosegretario al Ministero dell’Interno. O metteteci un po’ un toppino!

Sparatoria a Palazzo Chigi: era SOLO uno squilibrato

Reading Time: < 1 minute
Screenshot da elpais.com

Letta e i suoi dell’inciucio giurano al Quirinale, nel frattempo davanti a Palazzo Chigi si spara.

Sarebbe un copione da film di fantapolitica. Purtroppo quattro persone sono rimaste ferite e, soprattutto, si dice che l’attentatore sarebbe affetto da una patologia psichiatrica.

Uno squilibrato, dunque, e subito la psicosi dell’informazione. Sulle prime battute si è parlato di “attentato”. Orrore, indignazione, “atto sacrilego contro le istituzioni”. La notizia arriva e viene immediatamente gonfiata. I media sembrano quasi dispiaciuti che l’autore sia un paziente psichiatrico, perché la visione di un attentato alle istituzioni proprio mentre ministri e ministre stavano nel salone delle feste tra cravatte e lustrini e giuravano davanti al Capo dello Stato era decisamente più ghiotta. Potevano essere terroristi, gente arrabbiata, un disperato sul lastrico e invece no, invece è solo uno psicopatico. Ma tu guarda…

Su Facebook la solita e noiosissima tiritera contro Grillo, che ormai è responsabile di tutto, anche delle pallottole degli altri. E questa, probabilmente, è la parte più macabra e incredibile della domenica almodovariana che a mezzanotte finirà anche lei.