Vasco Rossi di nuovo contro Nonclclopedia: “porcheria da due soldi volgare e vergognosa”

Il signor Rossi Vasco pare proprio leggermente infastidito da Nonciclopedia.

Dopo la querelle che ha tenuto banco sul web, il signor Rossi aveva fatto pace con Nonciclopedia promettendo che avrebbe ritirato la querela per diffamazione nei loro confronti perché si sono presi il lusso di prenderlo un po’ per il bavero, su, via, la satira da una parte, no quella è un’offesa dall’altra, sì ma il sito è satirico, satirico un accidente… intanto vi querelo, no, che fa, vuole veramente mandare sotto processo dei ragazzi che potrebbero essere anche minorenni, voi dovere imparare l’educazione, ma signor Rossi, guardi che quell’articolo l’abbiamo rimosso, voglio una vita che se ne frega, infatti anche noi ce ne vorremmo fregare volentieri ma la querela c’è, allora non c’incontreremo mai, ma abbia pazienza, sarà stato il gioco di qualche contributor un po’ nottambulo, che non aveva nulla da fare, e va beh, io mi addormento di sera e mi risveglio col sole, sì, ma non ci sembra il caso di farne una questione per due canzoni, no, guardate, le mie canzoni nascono da sole, vengono fuori già con le parole, ma su, dai, signor Rossi, ritiri la querela, non vede che polverone che si sta sollevando sul web? Seeeeeeeeeeeeeehhhhhhhhh!!

Allora il signor Rossi è tornato all’attacco. Ha definito Nonciclopedia un’"idea stupida, vergognosa e volgare" [1]
A dire il vero ha aggiunto anche "ignorante e ipocrita" e "porcheria da due soldi volgare e vergognosa", ma giusto per dovere di completezza.

"Andatevela a vedere, prima di parlare, questa Nonciclopedia! E piantatela di fare commenti superficiali senza conoscere direttamente quello di cui parlate! Non sopporto i pressapochismi! Nonciclopedia è una idea ‘stupida volgare vergognosa ignorante e ipocrita’! Non si può scrivere che Anna Frank se l’è voluta perchè ebrea! Questa non è ironia! questa è porcheria da due soldi volgare e vergognosa! ….altro ke ridere"

Non sappiamo, né desideriamo sapere, a dire il vero, se il signor Rossi abbia còlto il sarcasmo con cui è possibile interpretare concetti come "Anna Frank se l’è voluta perché era ebrea!" e che rieccheggiano il giustificazionismo senza giustificazione di certa ideologia filonazista da condannare (c’è gente che si ostinava e segue ostinandosi a dire frasi al limite del delirio come: "Non sono io che sono nazista è lui che è ebreo" – sostituibile con "negro", "gay", "inferiore" e quant’altro suggerisca la perversione umana).

Non sappiamo, dicevo, se il Signor Rossi abbia còlto tutto questo, ripetiamo, è una interpretazione possibile -anche se non necessaria o necessariamente ortodossa e corretta- e, sinceramente, ci interessa poco.

Quello che ci interessa è che se aveva o ha intenzione di tutelare la sua immagine dai presunti attacchi diffamatòri di Nonciclopedia lo ha già fatto, ora si sottoponga all’interrogatorio delle parti, attenda la valutazione dei due giudizi di merito e della cassazione, se ha ragione gli sarà riconosciuta. Se ha torto, vuol dire che quella di Nonciclopedia era davvero satira.

Ma i moralismi mi appaiono francamente fuori luogo. E non certo perché il signor Rossi abbia già definito altrove il signor Ligabue "Un bicchiere di talento in un mare di presunzione", o perché il signor Rossi abbia cantato a più riprese "voglio una vita maleducata" e, poi, quando la maleducazione tocca lui si adira. La morale è altro dal moralismo o dai moralismi che dir si voglia.

Penso però che il signor Rossi potrebbe smetterla di prendersela con Nonciclopedia, se no rischia di somigliarmi nella critica costante a Wikipedia, solo che Nonciclopedia fa satira davvero.

[1] http://www.valeriodistefano.com/public/rossisvv.png

66 Views

Il Signor Rossi e Nonciclopedia hanno fatto la pace

Dunque il signor Rossi e Nonciclopediahanno fatto pace.E’ stato un lunedì da sudori freddi per la libertà di espressione in rete, ma alla fine mannaggia ar diavoletto che cià fatto litigà’. Ma molte cose ancora non tornano. Cominciamo a vederle una per una, anche dalla parte del signor Rossi.

Sul sito del signor Rossi il 3 ottobre appare una nota firmata Tania Sachs (1) in cui si afferma:
“A un anno e mezzo circa dalla denuncia per diffamazione il magistrato in questi giorni ha riscontrato che gli elementi di reato per diffamazione esistono tutti e lo ha comunicato alle parti.”
Dunque se un magistrato ha comunicato alle parti gli estremi che, a suo giudizio, sussistebbero per il reato di diffamazione, allora vuol dire che è stato emesso un decreto di citazione diretta a giudizio, perché l’avviso di garanzia o quello di chiusura delle indagini preliminari vengono notificate solo agli indagati (e non alle parti in causa).
Nonciclopedia, da parte sua, affermava che
“Allo stato attuale non c’è stato alcun processo. Nessun magistrato ha contattato gli amministratori (che di conseguenza non hanno motivo di sentirsi in “torto”) (2)
Che non ci sia stato nessun processo è abbastanza comprensibile, ma il punto è che Nonciclopedia afferma che nessun magistrato ha contattato gli amministratori”.
Ora, se un magistrato ti “contatta”, è
a) per sentirti come persona informata sui fatti (anche attraverso la polizia postale, come in questo caso);
b) per sentirti come parte lesa;
c) per indagarti formalmente.

Tania Sachs prosegue:
“In seguito alla comunicazione del magistrato, gli amministratori di quel sito hanno deciso autonomamente di chiudere il sito perché si sono evidentemente accorti di essere nel torto.” (1)
Quanto riportato dalla signora Sachs non è, evidentemente, del tutto corretto, perché il sito Nonciclopedia non ha mai chiuso, ha semplicemente cambiato la home page con link e aggiornamenti sullo stato della “querelle”.

Lo stesso giorno, sempre sul sito del signor Rossi, appare un’ulteriore nota dal titolo Nonciclopedia: le precisazioni dell’avvocato” (3) (4).
E’ singolare vedere come la nota non sia firmata. Come non appaia, cioè, il nome dell’avvocato. Normalmente le note, specie se destinate alla pubblicazione, quando si tratta della difesa di un personaggio pubblico come il signor Rossi,  si firmano.

Comunque si legge: “In seguito a tale denuncia ed all’iscrizione della notizia di reato nell’apposito registro, l’Autorità inquirente, evidentemente ritenendo fondate le accuse mosse dall’Artista, ha effettuato le indagini preliminari volte ad individuare i soggetti che hanno concorso nel reato in questione.”

Quindi, secondo gli avvocati del signor Rossi le indagini si sono concluse. Non si sa, però (e qui sta il conquibus) se “i soggetti che hanno concorso nel reato in questione” siano stati effettivamente individuati. Se sì, chi sarebbero?
Contro chi sarebbe stata formulata l’accusa?
E’ un atto segreto? Non credo, visto che lo stesso giorno la signora Sachs dice che alle parti sarebbe arrivata una comunicazione. Quindi se tutte le parti l’hanno ricevuta, l’identità degli indagati dovrebbe essere pubblica.

Gli avvocati del signor Rossi proseguono chiarendo che “Nessuno, e tantomeno Vasco, ha mai messo in dubbio il diritto di satira e la libertà di pensiero e di espressione delle proprie opinioni, (…)” ed è un brano che personalmente trovo davvero molto interessante dal punto di vista stilistico, perché il signor Rossi non viene chiamato “il nostro assistito”, “il nostro cliente”, “il nostro patrocinato”, “l’Artista” (con quella “A” iniziale maiuscola che esprime rispetto e incute un po’ di timore reverenziale), bensì più confidenzialmente “Vasco”.
Io e il mio avvocato ci chiamiamo per nome e ci diamo del tu quando parliamo al telefono o prendiamo un caffè. Ma il mio avvocato, quando parla in mia vece e mi rappresenta in qualunque sede non scrive “Valerio mi significa quanto segue:”, oppure “Ritengo le Sue richieste nei confronti di Valerio del tutto destituite di fondamento”.

Alla fine, il “tutto è bene quel che finisce bene” (5), il lieto fine, il principe che sposa Cenerentola, la Bella che si innamora della bestia (“Bella” è maiuscolo, la “bestia” è minuscola, ci avete mai fatto caso?), il “vissero tutti felici e contenti”. Sul sito personale del signor Rossi è pubblicata una lettera che “i ragazzi di Nonciclopedia ci hanno scritto”.

Ma c’è un ultimo conquibus da risolvere. Le versioni della lettera dei “ragazzi di Nonciclopedia” sono diverse.
Quella pubblicata sul sito del signor Rossi recita infatti: Tania Sachs, la portavoce ufficiale del rocker, ha assicurato di poter ritirare la querela contro Nonciclopedia. ” mentre la versione pubblicata da  Nonciclopedia dice: “Tania Sachs, la portavoce ufficiale del rocker, ha assicurato che ritirerà la querela contro Nonciclopedia.”
Ora, se la grammatica, la sintassi e il vocabolario non sono un’opinione, una cosa è assicurare “di poter ritirare” una querela, altra cosa è assicurare “che ritirerà” la querela. Nella seconda c’è maggiore certezza, la prima lascia spalancata una possibilità che rimane pur sempre una possibilità.
E poi, scusate, ma la diffamazione è un reato perseguibile su querela di parte. La querela l’avrà firmata (necessariamente) il signor Rossi. Oppure sarà stata formalizzata dai suoi avvocati. Non vedo come la signora Tania Sachs possa affermare “che ritirerà la querela” o  “di poter ritirare la querela” contro Nonciclopedia. Non mi pare che sia lei la presunta vittima dell’inqualificabile reato.

Ma non importa. Tutto finisce a tarallucci e vino anche se la Coca Cola ti fa digerire.


(1) http://www.valeriodistefano.com/public/vascorossi01.png
(2) http://www.valeriodistefano.com/public/vascorossi02.png
(3) http://www.valeriodistefano.com/public/vascorossi03.png
(4) http://www.valeriodistefano.com/public/vascorossi04.png
(5) http://www.valeriodistefano.com/public/vascorossi05.png
(6) http://www.valeriodistefano.com/public/vascorossi06.png

116 Views

Il Signor Rossi querela. Nonciclopedia chiude. Anzi, no.

Dunque è accaduto ancora, e questa volta nel modo più eclatante e primapaginistico possibile.

L’ennesima querela per diffamazione via internet sarebbe stata sporta, avrebbe avuto il suo seguito, e stavolta a farne le spese sarebbe stato il sito "Nonciclopedia".

"Nonciclopedia" è un sito geniale, assolutamente incomparabile. Forte del suo slogan "L’enciclopedia priva di qualsiasi contenuto" è un sito chiaramente e dichiaratamente satirico, parodia dichiarata e nemmeno tanto sfrontata della più nota Wikipedia, mediante l’uso del software MediaWiki si opponeva come speculare nonsense rispetto al progetto faraonico oggetto di sberleffo.

Al suo interno numerosissime voci sullo scibile umano ma alla rovescia, un’enciclopedia, insomma "dai toni satirici, contenendo voci demenziali, comiche e spesso politicamente scorrette", secondo quanto riferito dalla stessa Wikipedia (che ha dovuto dedicare una pagina alla sua parodia, pensate…), per un totale di 112.000 pagine. Non male.

"Nonciclopedia", insomma, è lo sberleffo, è la dissacrazione del mito, è la negazione di tutto, è il ridurre al vil livello terreno tutto quanto l’opinione pubblica mette su un piedistallo. In una parola, "Nonciclopedia" è satira. E’ una diretta emanazione di quello che viene comunemente chiamato il diritto di critica.

A prendersela con "Nonciclopedia" sarebbe stato stato il signor Rossi Vasco.

Non conosco i contenuti della pagina di "Nonciclopedia" dedicata al signor Rossi e che possano averlo indotto a interessare i suoi legali già nel febbraio 2010, a sporgere querela contro gli ignoti estensori dei contenuti, ma da quello che c’è da dire è che:

a) "Nonciclopedia" non ha affatto chiuso, come erroneamente riferito da molti quotidiani, blog e altri organi di informazione in rete. Nel momento in cui sto scrivendo queste righe la home page è la seguente:



*

ma le funzioni di ricerca (vedere l’opzione in alto a sinistra) sono perfettamente utilizzabili.

b) La "chiusura", per ammissione degli stessi amministratori, avviene non per costrizione ma per scelta.

c) Sembra che nessun amministratore o estensore della voce sul signor Rossi sia stato raggiunto da avvisi di garanzia o quant’altro.

A dire la verità, appare un po’ singolare la coincidenza della supposta chiusura di "Nonciclopedia" per le doglianze del signor Rossi, con i preannunciati scioperi di Wikipedia contro l’obbligo di rettifica nel ddl intercettazioni. Ma a volte anche le coincidenze possono avere in sé una qualche profezia ad orologeria.
"Casuali" o no che siano le coincidenze, comunque, la pagina Facebook "Salviamo Nonciclopedia" conta quasi 60.000 adesioni. In queste ore il ritmo di crescita è esponenziale, e non è escluso che prima di stasera ci possa essere il sorpasso di "Salviamo Nonciclopedia" sull’account personale di Vasco Rossi. In ogni caso è una goduria vedere i numerini che crescono in modo vertiginoso. E si può persino avere un tiepido moto di simpatia nei confronti di Facebook.

Quali sono i motivi che mi fanno dubitare della veridicità di questa notizia?
L’ho già detto, la coincidenza con la forma di protesta di Wikipedia contro il decreto sulle intercettazioni, l’annunciata chiusura del sito (che rimane sempre lì) ma anche il fatto che non sia successo nulla di nulla agli amministratori che sarebbero stati sentiti dalla polizia postale sul funzionamento del Wiki e dell’iniziativa in particolare. Capisco che si possa avere paura e ci si possa anche sentire in diritto-dovere di cautelarsi. Ma il nulla è, appunto, il nulla. E poi perché chiudere un sito intero su iniziativa volontaria, quando sarebbe bastato rimuovere la pagina dedicata al signor Rossi? E, possibilmente, farsi una pubblicità stratosferica.


E se, invece, la notizia fosse vera?
Se la notizia fosse vera si dimostrerebbe ancora una volta che l’italiano medio (il "signor Rossi", appunto) non ha alcuna considerazione della rete come strumento di espressione paritaria del pensiero.
Pesce grande mangia pesce piccolo. E’ sempre stato così. La democrazia della rete è un’illusione, una pura e semplice utopia.
E’ bello per il signor Rossi usare Internet, Facebook, scagliarsi contro la censura, difendere i deboli, iconizzare le albechiare dèdite all’autoerotismo, esprimere il proprio pensiero, farci sapere come va la loro salute, di quali sostanze abbia fatto uso in passato e quali medicinali assuma attualmente (circostanze che, come è noto, devono per forza essere divulgate, se no il mondo non saprebbe come e di che vivere), ma il signor Rossi non vuole che un altro signor Rossi lo critichi.
Per cui, tanto per cambiare, alla diffamazione non si ricorre tanto perché è stato leso un diritto. Ma perché si vuol dimostrare chi è che comanda nella rete di tutti.
La grande sfida del futuro non è combattere per i propri diritti, ma per il primo posto di supermoderatorissimo della Rete e del pensiero altrui.

Per quello che mi riguarda, mi vanto di non aver mai acquistato un disco del signor Rossi e di consigliare a tutti l’ascolto del brano "Alba chiava" degli ineguagliabili Squallor.
E a "Nonciclopedia" la mia incondizionata solidarietà.
66 Views

NonNotizie – Londra: diventa padre a 13 anni

Londra – Un bimbominkia di soli 13 anni, Alfie, è diventato papà pochi giorni orsono; la madre di 15 anni, Chantelle, ha dichiarato, da buona pornobimba, che il suo "ragazzo" e lei erano desiderosi di avere la figlia. Il fattaccio è avvenuto quando i due hanno deciso di scoprire l’ebrezza dell’atto sessuale, nuovo ad entrambi. L’uso del preservativo sembrava andare contro la morale – aspetta, quale morale? Dicevamo, il condom non è stato utilizzato, sia perchè il neo-papà Alfie non aveva trovato i preservativi dei Pokèmon, sia perché i profilattici per mosche non sono ancora stati inventati. Continua la lettura di NonNotizie – Londra: diventa padre a 13 anni”
114 Views

Silvio Berlusconi(Tm) – Istruzioni per l’uso

(i nostri tecnici vi consegneranno l’Unità Silvio Berlusconi(Tm) senza spese supplementari da parte Vostra)

Grazie per aver acquistato il modello base di Silvio Berlusconi™. Prima di utilizzarlo vi chiediamo di leggere questo manuale con attenzione al fine di scongiurare possibili imprevisti (come ad esempio la terza guerra mondiale) causati da un errato uso del vostro nuovo acquisto.

Nella confezione:

    * 1 Silvio Berlusconi™ base
    * 3 bandane colorate
    * 2 buste di capelli finti di Pippo Baudo
    * 12 paia di trampoli da pagliaccio equilibrista
    * 1 Mariano Apicella con mandolino annesso
    * 1 Emilio Fede con leccalecca gigante
    * 365 DVD software
    * Il numero di telefono del suo migliore amico

Installazione e messa a punto:

Dopo che i tecnici avranno trasportato a casa vostra il pacco contenente il vostro nuovo Silvio Berlusconi™, disponete gli oggetti contenuti nella confezione in ordine alfabetico sul pavimento così da poter iniziare la fase di installazione. Dopodiché consultate la guida sottostante per cominciare. Attenzione! – nascondete i vostri oggetti di valore e i vostri soldi in luoghi sicuri PRIMA di ultimare l’installazione del vostro Silvio Berlusconi™. Il produttore declina ogni responsabilità circa misteriosi ammanchi che potrebbero verificarsi in casa vostra.

   1. Il Silvio Berlusconi™ base è l’esatta riproduzione di un errore umano (più o meno). Quindi andrà montato esattamente nello stesso modo. Unica eccezione è la bolla d’aria: questa andrà piazzata nell’apposito alloggiamento nel cranio.
   2. Quando avrete assemblato arti, torso, testa e cazzo (non ho detto testa di cazzo) procedete a piantare con una pinzatrice industriale i capelli finti sul cranio pelato. Disponeteli nell’ordine che più vi aggrada componendo di volta in volta sempre nuove forme e colori!
   3. Se il risultato non vi piace, coprite il tutto con una bandana fornita in dotazione!
   4. Se l’uso della bandana non è ottimale per risolvere il problema, chamate l’anas che bitumerà il tutto.
   5. Applicate sotto i piedi del nano i trampoli forniti nella confezione (Attenzione! – l’errata applicazione dei trampoli potrebbe comportare l’errato funzionamento del vostro Silvio Berlusconi™ che potrebbe anche mettersi a piangere e urlarvi del Kapò).

Una volta ultimata l’installazione premete il pulsante inserito al posto della prostata e caricate uno dei 365 DVD software della personalità.

Software della personalità:

Il vostro Silvio Berlusconi™ ora è pronto come una Playstation 3 a funzionare in base al DVD che sceglirete di infilargli nell’apposita fessura. Spingete quindi il DVD dentro l’ano del nano ed assicuratevi così un Berlusconi™ diverso ogni giorno dell’anno! Alcuni esempi:

    * DVD 1 – Silvio Berlusconipresidente del consiglio: il vostro Silvio parlerà e si dimenerà tutto il giorno come un vero politico italiano magna magna. Promulgherà leggi razziali e darà del nazista a qualsiasi tedesco provi a contraddirlo. Schiacciagli la prostata come Big Jim per fargli fare le corna! Scagliagli contro l’intera magistratura!
    * DVD 5 – Silvio Berlusconiimprenditore piduista: proprio come in Sim City, costruisci tutte le Milano che vuoi utilizzando i soldi sporchi della mafia di cui nessuno terrà conto! Arricchisciti alle spalle degli italiani fingendo di esserti fatto da solo! Supera le ricchezze di Bill Gates, acquista tutti i giornali e le televisioni italiane per monopolizzare l’informazione! Produci programmi di dubbio gusto come Drive in e Lucignolo!
    * DVD 12 – Silvio Berlusconi™ cantautore napoletano: il tuo sogno è avere un piccolo Gigi D’Alessio tutto per te? Con Silvio Berlusconi™ cantautore napoletano potrai finalmente godere della mitica musica partenopea senza dover dare i soldi a cani e porci. Accendi Mariano Apicella: grazie ad un sistema di calamite Silvio Berlusconi™ si avvicinerà magicamente a lui e insieme inizieranno a comporre! (Attenzione! – la coppia Berlusconi™-Apicella può provocare 21 tra le più note malattie mortali).
    * DVD 77 – Silvio Berlusconi™ operaio della FIAT: stanco di fare l’imprenditore? Trasforma il tuo Silvio Berlusconi™ in un vero operaio della FIAT! Fagli sudare la pagnotta e non dargli neanche la tredicesima! Fallo lavorare durante le festività e quando ti chiede un giorno di ferie sbattilo in cassa integrazione!
    * DVD 129 – Silvio Berlusconi cagnolino da compagnia: affianca il tuo Silvio Berlusconi™ ai prodotti superiori della stessa serie, come Georgie™, My Little Tony™ e Winnie The Putin™ e stupisci della sua straordinara mutazione! Vedrai il piccolo Silvio, da leccato, farsi leccante; da potente ossequiato e querelante diventerà un umile servitore accondiscendente! Due personaggi al prezzo di uno!
    * DVD 234 – Silvio Berlusconi™ membro di Star Trek: manda il tuo Berlusconi™ nello spazio e fagli esplorare nuovi mondi con il suo classico sorriso stampato sul volto! Fagli scambiare Emilio Fede (accessorio non incluso) con una forma di vita aliena da riportare sulla Terra per farci gli esperimenti scientifici e un telegiornale più intelligente del TG4.
    * DVD 69 – Silvio Berlusconi™ membro dei membri: manda il tuo Berlusconi™ nel lupanare e fagli governare il nuovo ordine mondiale basato sul sistema mignottocratico.

Uso:

L’uso di Silvio Berlusconi™ base è piuttosto semplice. Una volta acceso tramite il pulsante installato al posto della prostata il vostro Silvio inizierà da subito a studiare l’ambiente circostante per diventarne l’assoluto padrone incontrastato nel minor tempo possibile. Per questo motivo sconsigliamo l’accensione dentro casa vostra. Attenzione! – una volta acceso non riuscirete a spegnerlo neanche tirandogli il cavalletto della vostra macchina fotografica.

Pulizia:

Silvio Berlusconi™ base si pulisce da solo sfregandosi addosso banconote da 500 euro. L’unico accorgimento sarà cambiare di tanto in tanto i capelli finti piantati sul cranio che tenderanno ad ingiallirsi col tempo.
Per quanto riguarda la coscienza, siamo spiacenti, resterà sporca. La sua pulizia è umanamente impossibile.

Risoluzione dei problemi:

Qualora riscontriate dei problemi durante l’utilizzo del vostro Silvio Berlusconi™ fate riferimento alla lista di controllo che segue. Se il problema persiste, ma la magistratura non riesce ad incastrarlo, asportate la prostata del vostro Silvio Berlusconi™ per spegnerlo definitivamente.

"Il mio Silvio Berlusconi™ continua a ripetere che è colpa del governo precedente, in modo casuale e incontrollato"
    Provate a dirgli che al governo c’era lui durante il precedente quinquennio. Se non dovesse funzionare, dategli semplicemente ragione e promettetegli di votarlo incondizionatamente.
"Il mio Silvio Berlusconi™ afferma di essere comunista"
    Se siete in presenza di Putin, non è un problema. Altrimenti controllate di aver inserito correttamente il software.
"Il mio Silvio Berlusconi™ fa sesso con Sandro Bondi"
    Non è un problema, luridi guardoni da quattro soldi!
"Il mio Silvio Berlusconi™ spara stronzate in televisione"
    È un problema soltanto se la televisione è spenta. Se è accesa, è normale, fa parte della sua campagna mediatica.
"Il mio Silvio Berlusconi™ cresce"
    Il modello base non è stato progettato per crescere. Deve rimanere sempre della stessa altezza per preservare il corretto funzionamento delle parti interne. Se questo problema dovesse verificarsi per più di 2 giorni consecutivi, terminate il vostro Silvio Berlusconi™ a martellate sul cranio per scongiurare una possibile catastrofe.
"Il mio Silvio Berlusconi™ mi dà del coglione"
    È normale. Hai votato Veltroni.

da: Nonciclopedia

68 Views