Consulta: “Inammissibile il referendum elettorale. Il quesito è eccessivamente manipolativo”

La Corte costituzionale si è riunita oggi in camera di consiglio per discutere la richiesta di ammissibilità del referendum elettorale “Abolizione del metodo proporzionale nell’attribuzione dei seggi in collegi plurinominali nel sistema elettorale della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica”, presentata da otto Consigli regionali (Veneto, Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia,Sardegna, Abruzzo, Basilicata, Liguria).
Oggetto della richiesta referendaria erano, in primo luogo, le due leggi elettorali del Senato e della Camera con l’obiettivo di eliminare la quota proporzionale, trasformando così il sistema elettorale interamente in un maggioritario a collegi uninominali.
Per garantire l’autoapplicatività della “normativa di risulta” – richiesta dalla costante giurisprudenza costituzionale come condizione di ammissibilità dei referendum in materia elettorale – il quesito investiva anche la delega conferita al Governo con la legge n. 51/2019 per la ridefinizione dei collegi in attuazione della riforma costituzionale che riduce il numero dei parlamentari.
In attesa del deposito della sentenza entro il 10 febbraio, l’Ufficio stampa della Corte costituzionale fa sapere che a conclusione della discussione la richiesta è stata dichiarata inammissibile per l’assorbente ragione dell’eccessiva manipolatività del quesito referendario nella parte che riguarda la delega al Governo, ovvero proprio nella parte che, secondo le intenzioni dei promotori, avrebbe consentito l’autoapplicatività della “normativa di risulta”.
Preliminarmente, la Corte ha esaminato, sempre in camera di consiglio, il conflitto fra poteri proposto da cinque degli stessi Consigli regionali promotori e lo ha giudicato inammissibile perché, fra l’altro, la norma oggetto del conflitto avrebbe
potuto essere contestata in via incidentale, come in effetti avvenuto nel giudizio di ammissibilità del referendum.

Roma, 16 gennaio 2020

108 Views

Allenati per la vita! Segui i corsi di tiro e sopravvivenza organizzati da Scuola ed Esercito.

Dài, tu…

Sì, proprio tu che non vuoi farti mancare nulla.

Tu che sei un giovane studente, potrai, grazie all’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia, d’intesa con il Comando Militare Esercito, partecipare a una serie di emozionanti incontri in cui potrai approfondore le tue conoscenze delle seguenti materie:

a) Diritto Costituzionale (max. 1 ora e mezza ad incontro, così impari di più e studi di meno…)
b) Cultura Militare
c) Mezzi dell’Esercito
d) Topografia ed orientamento
e) Difesa nucleare, batteriologica e chimica
f) Trasmissioni
g) Armi e tiro (con armi ad aria compressa)
h) BLS e primo soccorso
i) Superamento Ostacoli
l) Sopravvivenza in ambienti ostili

Pensa che bagaglio culturale potrai mettere da parte come credito formativo! Basta con le certificazioni linguistiche, lo studio della matematica, delle poesie a memoria e delle discipline noiose!

Vieni con noi nell’esercito, ti divertirai e potrai far sentire ancora di più che il bullismo nelle scuole è cosa malvagia, ma se impari a tirare con le armi direttamente dall’Esercito, allora sì che sei un ganzo.

E il bello è che questa non è una pubblicità progresso di quelle tipiche di valeriodistefano.com, no, è roba vera.

Scàrica il modulo di partecipazione in PDF. Come ci sei rimasto??

167 Views