Gazpacho

Reading Time: < 1 minute

Non pensavo che il Gazpacho potesse arrivare a piacermi tanto.

La prima volta che lo assaggiai lo trovai pessimo. Penso sia perché era stato fatto veramente male (il cocinero della mensa dell’Università, capirai…).

Comunque mi piace, e prima no. O sto invecchiando o sto rincoglionendo. O, molto più probabilmente, tutte e due le cose.

La ricetta ve la faccio ricordare da Carmen Maura, interprete di "Donne sull’orlo di una crisi di nervi" di Pedro Almodóvar.

Naturalmente nel lettore virtuale di MP3.

Blecua: un vino col nome da professore

Reading Time: 2 minutes

Trovare un vino che si chiama "Blecua" è ben più di una coincidenza, è una necessità, un obbligo, un "ça va sans dire".

Di José Manuel Blecua, indimenticato e indimenticabile maestro, con cui ho avuto la fortuna e il privilegio di studiare nei mesi che passai a Jaca come studente, vi ho già parlato in questo post:

http://tinyurl.com/mu784a

Certo, non basta a esaurire la grandezza della persona, ma è comunque curioso vedere come in un locale di degustazione vini e specialità locali esista un vino denominato "Blecua".

Mi piace pensare che sia in onore di questo grande luminare della letteratura spagnola, un uomo che aveva convertito la sua casa in un paradiso di libri, che aveva fatto del sorriso e dell’ironia un modo di essere. Lui, un vino col suo nome, lo avrebbe apprezzato molto, moltissimo.

La foto di José Manuel Blecua che amo di più è quella in cui lui (a sinistra) aggiusta la cravatta a Ernest Lluch, docente di economia a Valencia, Rettore dell’Università Menéndez y Pelayo a Santander, Ministro della Sanità Pubblica per quattro anni, sotto la presidenza di Felipe González e assassinato dall’ETA con due colpi di pistola in testa.

Tinto y joven

Reading Time: < 1 minute

…un vino joven y tinto, vale la pena di essere assaporato in un bellissimo locale (ahimé, pieno di mosche), in cui fanno bella mostra di sé botti di vino di Málaga, della Rioja, formaggi, conserve, salumi, prosciutto e tutto quanto fa spettacolo.

Che uno dice: "Ma allora cosa ci sei andato a fare in Spagna, a mangiare?"

Risposta: "Sì"

Horchata de chufas

Reading Time: 2 minutes

E ora come faccio a spiegare l’Horchata de Chufas a voi profani e ignari delle ispaniche cose?

L’Horchata de Chufas è nettare degli dèi, è ambrosia, di più, è il "brodo di giuggiole" di cui ho sempre sentito parlare e della cui esistenza ho avuto modo di renderm iedotto fin dal mio primo viaggio spagnolo del 1982 (Zoff, Gentile, Cabrini…).

L’Horchata de Chufas (scritta in maiuscolo perché è una categoria dello spirito) è una bevanda impossibile da replicare in Italia, dove manca il suo ingrediente principale (le "chufas", appunto!).

Ma sentiamo che cosa scrivono quelle testine acute dei wikipediani a proposito:

"La horchata de chufa (in valenciano: orxata de xufa) è una bevanda rinfrescante preparata con acqua, zucchero e con il latte del tubercolo ipogeo che caratterizza le radici di una pianta (il Cyperus esculentus) diffusa nella piana di Valencia e chiamato appunto chufa in spagnolo.

L’horchata è un latte vegetale ad alto tasso energetico. Ha un elevato contenuto di grassi, zuccheri e proteine, nonché sali minerali (fosforo, potassio) e vitamine (E e C). Si serve fresca, a volte gelata o in forma di granita.

La diffusione dell’horchata, bevanda estiva molto popolare in Spagna, è da ricondursi alla presenza degli Arabi a Valencia (dal secolo VIII al XI)."

La cazzata fondamentale è che l’horchata sia un latte vegetale. Latte di cosa? Di mandorle? Del latte non ha né la consistenza, né il colore, né il sapore, non è neanche da ascrivere a quella categoria di bevande (come quello di soia, ad esempio, o di riso, o di avena) che possono sostituire quello vaccino nella preparazione di dolci e bevande, si fa un formaggio dal latte di soia, ma dal latte di horchata non si fa un accidente di nulla, si beve così com’è, fresca, freschissima, come se fosse un gelato, ci si siede fuori dal locale, te la servono con una cannuccia di quelle che si piegano in cima (o anche no, non è indispensabile nè fondamentale) e uno passa il tempo a girare la cannuccia nella bevanda a mo’ di rudimentale cucchiaino perché la farina di "chufas" tende a sedimentarsi sul fondo.

La Wikipedia spagnola, inoltre, dice che l’horchata è ricchissima di enzimi che favoriscono la digestione. Un tubo, dopo averla bevuta vi sentite pesanti (attenzione, una horchata è poco, due sono troppe) e attirati dal centro gravitazionale dell’asse terrestre, ma sarete felici di aver assaggiato il sapore del brodo di giuggiole (burp… ohimé…).

Capuchino for President!

Reading Time: < 1 minute

 

Vi prego di voler rivolgere un pensiero affettuoso e grato al Toro "Capuchino" (adesso probabilmente trasformato in bistecche, i cui testicoli saranno già abbondantemente cucinati alla maniera catalana)  per aver incornato uno spettatore durante la corsa dei "Sanfermines" di Pamplona, così la gente impara che se swi rompono i coglioni ai tori, poi i tori si incazzano. E che c’è gente che sostiene fermamente che fanno anche bene ad incazzarsi.

La Estacion Internacional de Ferrocarriles de Canfranc (e il diavolo che se la porta)

Reading Time: 2 minutes

El Ferrocarril de Canfranc è una cattedrale nel deserto.

Canfranc è un paesino che si trova a pochi chilometri dal confine francese, una volta era veramente un pugno di case, con un bar, un ufficio di cambio e, molto più tardi, un ufficio turistico. Niente altro. A parte i Pirenei intorno, un vento che quando tira ti fa restare intirizzito lì anche a luglio, ma, soprattutto, la “Estacion internacional”.

Inaugurata da Alfonso XIII nel 1928, e da quell’anima buona del dittatore Primo de Rivera, la stazione è un edificio di dimensioni assolutamente imponenti, ciclopiche e gigantesche.

Solo che è da svariati decenni completamente abbandonata. 20 anni fa ci passavano otto treni al giorno (quattro partivano e quattro arrivavano). Quest’anno ce ne passano quattro (due all’andata e due al ritorno). Nient’altro.

Naturalmente si tratta di una stazione terminale, oltre Canfranc, verso la Francia, c’è il nulla ferroviario, la terra di nessuno, e i collegamenti interrotti ormai dalla guerra civile 1936-1939, nota per i Wikipediani, gli ignoranti e i pisani, entità che spesso coincidono).

Dedico questa icona al degno compare e puzzone Mancinelli Enio (o Falaschi Rutelio), che a Canfranc patì una delle esperienze più travagliata della propria esistenza (quasi peggio di uno stranguglione di tortilla de chorizo…).

Il Casino di Madame Sitri’ al Restaurante “La Republicana” di Saragozza

Reading Time: < 1 minute

Dunque, non appena rimesso piede in italico e berlusconiano suolo, reduce dalla visita, vent’anni dopo (ventuno, per l’esattezza), ai luoghi che furono della mia giovinezza e del mio studio matto e disperatissimo sulle sudate carte ("sudate"?? Mah…), inauguro volentieri la galleria delle immagini delle vacanze, di cui vi offrirò un florilegio, senza dimenticarmi di postare anche quelle della tre giorni a Lisbona (perché non so se vi ho già detto che sono stato a Lisbona).

Eccovi allor la prima disiata imago. E’ uno scatto effettuato al Ristorante "La Republicana" di Saragozza. Locale gradevole, e poi per chi, come me, è di bocca buona e stomaco antiaderente e resistente agli urti, è comunque un luogo in cui calmare i morsi della fame anche solo con del solomillo de cerdo a la plancha e un gazpacho che non ricordavo potesse risultarmi così gradevole, ma ve ne parlerò in un altro post.

Quel giorno decisi di indossare la maglietta del Vernacoliere, tanto per strada nessuno ci avrebbe capito nulla (e infatti molti mi guardavano con aria interrogativa, mentre me ne andavo, tronfio e sussiegoso), ma giunto al momento del desinare non ho potuto fare a meno di notare il cartello che ricorda il Casino di Madame Sitrì e le filantropiche attività che vi si svolgevano.

Il tutto in italiano (anzi, in livornese!) e in mezzo a foto, oggetti e ricordi del periodo repubblicano spagnolo (1931-1936, nota per i Wikipediani, gli ignoranti e i pisani).

Jaca! I’m coming back home…

Reading Time: 2 minutes

E allora, via, torno a casa.

Dopo 20 anni torno in un piccolo paesino aragonese, a pochi chilometri dalla frontiera francese, in cui ho studiato (sì, quando n’avevo voglia!) presso la residenza estiva dell’Università di Saragozza, e dove, soprattutto, ho passato i periodi migliori della mia vita.

Torno a respirare un po’ d’aria di montagna che spero mi dia il senso di un’aria di democrazia, di quelle che ti mettono appetito e voglia di credere ancora in qualcosa insieme.

Ho voglia di leggere El País seduto a un bar, con camerieri semplici ma gentili, spellunzicando qualche tapa di jamón ibérico, patas bravas o qualunque altra cosa, a passeggiare tra strade amiche e conosciute, in un piccolo centro che sarà inevitabilmente cambiato e chissà se mi riconoscerà.

Il blog riprenderà i suoi regolari aggiornamenti quando tornerò, che sarà più o meno quando mi pare.

Chi fosse interessato a seguire la trasferta spagnola può linkarmi su Twitter:

http://twitter.com/valeriodistefan

oppure controllare la sezione "In Itinere", che trovate qui accanto a sinistra.

Disabilito momentaneamente i commenti, non ho voglia di collegarmi da Jaca (provincia di Huesca, miga bàe!!) per controllare se scrivete delle stronzate, anzi, possibilmente non ho neanche tanta voglia di collegarmi.

Lascio tutto sospeso in aria, in "vacanza", appunto, che ha un senso etimologico meraviglioso.

E mi dispiacerà per chi mi manda le e-mail per chiedermi consigli sulla scuola, sui ricorsi al Garante della Privacy, su come scaricare o ascolare un file .ogg, lascio la mia fornitrice di computer che scambia il disco fisso con il desktop di Windows e quando le vado a spiegare che il desktop non è altro che una cartella di Windows mi guarda come se le avessi detto che il Papa non è sposato, mantengo in sospeso il mio benzinaio che mi rincorre da settimane perché vuole affibbiarmi una scheda telefonica della ERG ma è simpatico e quasi quasi gliela compro, ho deciso di lasciare in stand-by i litigi di condominio, chi mi telefona per dirmi che "Confermiamo, Professore, Lei è stato trasferito, rallegramenti, le invio il decreto a casa" (grazie Pagannone!) e chi invece lo fa di prima mattina per dirmi che ha fissato la Chiesa e che l’anno prossimo si sposa.

Torno a casa.

Cazzi vostri, io il 4 luglio (ri)parto per Jaca

Reading Time: < 1 minute

Sono dispiaciuto di dover comunicare a quel panzone e trippone pieno di lardo del mio compare Marmugi Gino, che sicuramente ci sta seguendo in questo momento, che dopo 20 e passati anni io torno a Jaca a mangiare le patatas bravas al Bodegón e lui vada un po’ dove cazzo gli pare, ma guarda un po’ se io devo star qui a concepire uno che se ne sta sempre in Croce Rossa per controllare i VdS, e a usare il mio blog per comunicazioni personali che non gliene frega una cippa a nessuno, sì, ma io a Jaca ci vado lo stesso, chè Jaca è Jaca e chi non la conosce peggio per lui.

Come eravamo – 1982

Reading Time: < 1 minute

Poiché altri si sono cimentati nell’esposizione di immagini più o meno imbarazzanti dei propri anni più felici, ecco che ho voluto farlo anch’io, iniziando la carrellata con questo scatto che potrei intitolare “A me Segovia mi fa un baffo”.

Luogo: Jaca, Spagna, sede dei corsi estivi per stranieri dell’Università di Saragozza. Avevo già deciso che da grande sarei diventato professore di spagnolo.

Anno: 1982, l’anno dei mondiali vinti dall’Italia di Bearzot. Qui eravamo ai primi d’agosto, mi pare.

Stavo suonando un pezzo medievale per allietare la serata di commiato perché si ripartiva di lì a due giorni. Ovviamente, dopo essermi rigovernato doppia porzione di paella a la vasca alla mensa universitaria, fatti due rutti mi accinsi a ricordare alla bene e meglio le note della Pavane “Belle qui tiens ma vie” attribuita a Enrico III di Francia, non mi ricordo più se plantageneto o no, fatto sta che mi stava sui coglioni.

Avevo 18 anni, accidenti a me, e questa è la dimostrazione evidente che avevo i capelli, dietro.

PS: Però in compenso ora ho una Ramirez. : - )