L’eterna prescrizione. Se proprio dovete incappare in un reato fatelo subito

Reading Time: < 1 minute

Può accadere a chiunque (e dico CHIUNQUE) di incappare in qualche reato. Se mettete sotto una vecchietta e la mandate all’ospedale potete essere accusati di lesioni colpose. Ci sono poi i reati “tipici” di una categoria. La diffamazione per i giornalisti o l’abuso d’ufficio per i politici. Ecco, se proprio dovete capitare tra le maglie della giustizia fatelo adesso che è la settimana di Natale e ci sono ancora gli sconti per la prescrizione, perché a partire dal 1 gennaio entra in vigore la sospensione sine die dei tempi voluta fortemente dal ministro Bonafede e non contrastata dagli alleati di governo del PD e dalla stampella di Italia Viva. Dal 1 gennaio, infatti, se sarete giudicati in primo grado, potrete contare su una sospensione “a vita” della prescrizione. Dovete fare un concorso? Una gara d’appalto? Dovete produrre i vostri certificati dei carichi pendenti e del casellario giudiziale? La vostra posizione sarà “congelata” senza un termine preciso entro il quale il processo deve concludersi. Praticamente a vita perché non ci sarà più l’urgenza di celebrare le udienze di appello e di Cassazione. Un cittadino sarà libero di essere imprigionato nella sua condizione di indagato o di imputato senza che questa condizione cessi nei tempi ragionevoli previsti dalla Costituzione per il giusto processo. Siamo agli ultimi giorni, siòre e siòri.

Fondazione Open: iniziano le indagini sui PC e sugli smartphone sequestrati. Tra le parole chiave “Lotti” e “Boschi”

Reading Time: < 1 minute

I computer e gli smartphone che sono stati sequestrati ai responsabili della Fondazione Open (che ha sostenuto e finanziato le iniziative politiche del leader di Italia Viva Matteo Renzi) dalla Guardia di Finanza lo scorso 26 novembre, saranno sottoposti al vaglio di un perito informatico che cercherà, tra le altre cose, e secondo quello che riferisce un trafiletto del Corriere della Sera, la presenza delle parole “Lotti” e “Boschi” assieme ad altre parole più generiche come “emendamento”, “legge”, “norma”, “contributo” all’interno della memoria fissa dei dispositivi.