Questo Natale si è presentato come comanda Iddio

Il Papa ha detto che il mondo ha bisogno di tenerezza. Gentile da parte sua, ma ci aveva già pesato Ernesto “Che” Guevara almeno 40 anni fa a dirci che bisogna vivere “senza perdere la tenerezza”. Non è una questione di ideologie, ma di paternità. Anche alle parole si può fare la prova del DNA per accertarne la genesi.

Così, il Natale catto-consumistico che volge al termine oggi, ha mostrato la sua vera essenza. Con una aggiunta. Assieme al messaggio e alla benedizione Urbi et Orbi del Papa abbiamo ricevuto il messaggio di Girone, il marò che scrive dall’India e, naturalmente, trova spazio su tutti i giornali italiani.

Ora, per carità, sta soffrendo e sarebbe anche l’ora che gli venisse contestato uno straccio di capo di accusa, così saprebbe da cosa doversi difendere. Su questo non può e non deve esserci alcun dubbio. E’ lontano dalla famiglia, siamo d’accordo, non è potuto rientrare per le vacanze di Natale, ed è triste, ma la nostra solidarietà ai marò deve fermarsi qui e non deve andare oltre.

Non dobbiamo dimenticare che sono due persone sospettate di avere sparato su due pescatori (che la loro famiglia non la rivedranno mai più) e la diffusione del testo di questo messaggio da parte delle agenzie contribuisce ad aumentare  quell’effetto di straniamento che ci colpisce quando parliamo della vicenda dei marò. Personalmente non sono sospettato di avere sparato su nessuno e mi fa piacere pensare che se io avessi scritto un messaggio del tenore di quello di Girone le agenzie di stampa lo avrebbero tranquillamente ignorato. E certamente iniziare il messaggio con “Tanti Auguri di Buon Natale a tutti coloro che credono nella Santità di questa ricorrenza” è stata una svista terrificante, perché lo Stato è composto anche da quei cittadini che non ci credono. E a loro niente auguri? Per non parlare del Buon Natale “alla gente bisognosa”, “a tutti i bambini che non possono ricevere calore”, “a coloro che per scelta, professione o missione aiutano il prossimo in difficoltà”. Sembra davvero un messaggio papale. Perché ecco quello che mi fa profondamente indignare: questo alone di santità che prelude a un (pre)concetto di innocenza per cui i santi non possono essere colpevoli.

Io non lo so se sono innocenti o no, come loro aspetto che si tenga un regolare processo in India. Ma nel frattempo mi esimerei dall’esternare messaggi di questo tipo, perché poi i processi possono concludersi anche con una condanna, e questo Natale si è veramente presentato come comanda Iddio.

(*) Il titolo del post è tratto dal primo atto di “Natale in casa Cupiello” di Eduardo De Filippo.

172 Views

Marò glacés

Nel corri-corri delle notizie riguardanti il non-processo ai due marò in India è passato di tutto, dagli appelli televisivi delle mogli agli estenuanti rinvii da parte della giustizia indiana che ancora non ha provveduto a formulare un capo di accusa nei confronti dei “nostri” due fucilieri, chè già la parola “fucilieri” è grama di per sé, se poi ci ostiniamo ad accompagnarla dall’aggettivo possessivo la retorica è servita.

Sia chiaro, tutto questo tempo senza neanche sapere di che cosa si è accusati, e, quindi, da che cosa ci si deve difendere, è inaccettabile. Perché in Italia se non si è accusati di nulla si dovrebbe essere liberi, a meno che non si stia scontando una pena per un’altra causa. E spesso si è liberi in attesa di processo anche quando si è accusati di qualcosa. Ma intanto quella è l’India e non l’Italia. Quindi, fanno con le LORO regole e con i LORO tempi.

Probabilmente giocano anche a tenere tesa la corda, ma il ragionamento che rigira la frittata è che, comunque, chi ha diritto ad avere giustizia non sono i nostri due marò, ma chi è morto. E di chi è morto l’opinione pubblica italiana si è dimenticata troppe volte.

Siamo fin troppo impegnati a pensare che i nostri due fucilieri vivano -almeno nelle nostre sicurezze immaginarie- cristallizzati, ghiacciati, confettati, glassati a un capo d’accusa (che DEVE essere formulato) e, quindi, a un procedimento da cui verrà fuori una sentenza di colpevolezza o di assoluzione, con l’aggravante che se verranno assolti (da cosa non si sa ancora) si chiuderà la LORO posizione giudiziaria, ma non il diritto alla giustizia dei due morti nelle Acque Internazionali (se non sono stati loro, allora chi è stato? Se invece sono stati loro a sparare ma lo hanno fatto in modo assolutamente legittimo quali sono le leggi che permettono a un pescatore di morire in acque internazionali senza che nessuno sia punibile?).

E noi facciamo le bizze, richiamiamo l’ambasciatore, vogliamo riportarli indietro ad ogni costo, ma qualcuno ha ammazzato due pescatori credendoli pirati e prima di riaverli in Patria, bisognarebbe che ci dicessero che con certezza non sono stati loro.

102 Views

Quando c’era (ancora) la festa de l’Unità

da un'opera di Federico Maria Sardelli

Le feste de l’Unità non ci sono più. Fanno parte di quelle cose di una volta che abbiamo completamente perduto. Come il Dolce Forno Harbert. O le palline clic-clac.

Alla Festa de l’Unità c’era il gioco del tappo, quello del maialino d’India (un povero porcellino costretto a rifugiarsi in una casetta numerata, chi aveva quel numero vinceva il premio in palio -solitamente una pianta-), e si entrava tra gli stand accompagnati da un odore di fritto che ti impregnava anche le mutande, frammisto alla fumicaia delle salsicce arrosto e delle bistecche alla brace che venivano cotte lì per lì, con contorno di fagioli all’olio e pepe, perché, si sapeva, il compagno comunista mangiava bene e scorreggiava meglio. Il vino era quello dei fiaschi che veniva messo sul tavolo così alla sans façon e bevuto nei bicchieri di plastica bianchi.

Poi si andava al dibattito della serata con lo stomaco appesantito, la testa brilla e nessuna voglia di discutere, bastava tirare qualche improperio alla Democrazia Cristiana (allora esisteva anche lei), rimpiangere Terradioboiacini o aver qualcosa da ridire su Berlìnguere, che in Toscana quanto ad accenti non siamo secondi a nessuno.

Ma alle feste del PD cosa servono, il sushi??

155 Views

Il caso dei due marò: riflessioni sollecitate

Questo post è dedicato a Patrizia P. che mi ha sollecitato a riflettere in proposito.

A dire il vero non solo lei, ma anche altri, sia pure alla spicciolata, mi hanno chiesto che cosa ne pensi io della vicenda dei due “marò” prigionieri in India perché sospettati di aver ucciso due pescatori, due persone, non si sa bene se in acque internazionali o meno, cittadine indiane, dopo averli scambiati per pirati.

Ora io già ho fatto fatica a capire che cosa fosse un “marò”, pensavo fosse una invocazione alla Santa Vergine in napoletano.

E ho fatto fatica anche a capire quello che è successo. E, soprattutto, il perché di tanta incondizionata -e, oserei dire, acritica- solidarietà nei confronti dei nostri militari.

Allora, questi due nostri soldati avrebbero ucciso (secondo le accuse) due persone di nazionalità indiana. Quindi avrebbero commesso un omicidio.
Ora, potrebbero averlo commesso con tutte le attenuanti del caso. Che sono, appunto, attenuanti.
Potrebbero dire di aver agito per legittima difesa, perché si sono trovati attaccati in acque internazionali e non potevano fare altro che uccidere per salvaguardare la propria incolumità. Ma, appunto, bisogna vedere se la reazione è o no proporzionale al pericolo. Dubito che una imbarcazione di pirati abbia lo stesso armamentario di una nave militare. Questi “assalitori” non potevano essere neutralizzati in modi meno definitivi? I nostri militari dovrebbero difendere un ordine precostituito, non creare ulteriori azioni per fomentare il “disordine”. Sono addestrati e pagati per questo.

Può darsi benissimo che, trattandosi di un delitto commesso in acque internazionali, sia competente il tribunale del paese di origine dei militari. Non mi intendo di trattati internazionali, ma prendiamolo per buono. Resta comunque il fatto che l’azione è stata commessa in danno di due cittadini di uno stato sovrano, guarda caso uno dei più vicini alle acque internazionali al momento del fatto. Cosa penavano che avrebbe fatto, l’India, applaudito??
Comunque, se esiste una violazione del diritto internazionale si muovano (e bene! e in fretta!) i canali diplomatici affinché quella che è l’attuale presunta ingiusta carcerazione preventiva posta in essere in uno stato straniero diventi la GIUSTA e LEGITTIMA misura (preventiva o meno) nello stato di appartenenza.

E’ inutile che si dica “liberateli!”, che si organizzino manifestazioni a favore del loro ritorno in libertà perché ci sono degli omicidi di mezzo. Uno può dire: “ma hanno ammazzato dei delinquenti!” Ammesso che sia così, E ALLORA?? Forse che all’assassino di Lee Harvey Oswald (che, a sua volta, aveva ucciso il Presidente degli Stati Uniti John Fitzgerald Kennedy) è stato risparmiato l’arresto?

Stiamo perdendo il senso delle cose. Sarebbe stato commesso un delitto, IN OGNI CASO ci sono persone che sono morte. Deve essere permesso ai “marò”, accusati di questo delitto, di difendersi davanti al loro giudice naturale e secondo le leggi che caratterizzano la giurisdizione in tema di reati commessi in acque internazionali. Ma per l’articolo 4 del codice penale indiano vige l’extraterritorialità, perché le vittime sono indiane, e anche il peschereccio centrato dalle raffiche.

E’ per questo che si è sollevato il conflitto di giurisdizione. Non è che sono stati “trascinati” nelle carceri indiane a caso. Sono stati loro a sparare? Non sono stati loro?? Ce lo diranno le perizie balistiche. Sono colpevoli? Non sono colpevoli?? Ce lo diranno i dati giudiziari indiani e/o italiani. MA NON E’ CHE QUEI DUE PESCATORI SONO MORTI DA SOLI.

Stanno ciurlando nel manico. Tutti. Non è possibile assolvere aprioristicamente chiunque agisca perché (legittimamente) attaccato alla bandiera e allo Stato. Come non è possibile condannarlo (e infatti non stanno subendo la condanna di nessuno). Ma di certo qualcuno il comando di abbandonare le acque internazionali per entrare in un porto indiano deve per forza averlo dato. Il comandante? L’armatore?? Com’è che una nave può godere della giurisdizione italiana e va dritta dritta in bocca a quella indiana??

E siccome questo errore madornale è stato commesso, non resta che attenderne le conseguenze. Ovvero che sia un giudice INDIANO a decidere sulla questione di giurisdizione. E che, se mai venisse dichiarata la giurisdizione italiana, le famiglie delle vittime (che dubito riescano a costituirsi parte lesa in un giudizio del genere) possano vedere qualche spicciolo in più del risarcimento stabilito dallo stato indiano (fino ad ora 7000 euro circa).

138 Views

All India radio – Broadcasting Schedule

kHz       kW       Station                 01-apr-09    

3945 50 Gorakhpur 0130-0230 Nepali (Nepal), 0230-0300 HS, 1330-1430 Nepali (Nepal), 1430-1735 Urdu (Pakistan)
4760 10 Leh s0130/w0213-0400/0413/Sun 0430 1130-1700
4760 8.5 Port Blair 2355-0300 1030-/1700/1730
4775 50 Imphal 0000/0030-0215 1030-1700/1730
4800 50 Hyderabad 0020-0215 1130-1742
4810 50 Bhopal 0025-0215 1130-1742
4820 50 Kolkata 0025-0215 1220-1744
4830 50 Jammu 0025-0445/Sun 0450 1030-1741 (Off air)
4835 10 Gangtok 0100-0401(Sun 0415) 1030-1600
4840 50 Mumbai 2355-0400 1230-1730
4850 50 Kohima 0000-0415 1000-1600/1630/1700 (Irregular)
4860 50 Delhi (Kingsway 0025-0440,1220-1330 HS, 1330-1430 Nepali (Nepal),1430-1930 Urdu (Pakistan)
4880 50 Lucknow 0025-0430(Sun 0415v), 1215-1741
4895 50 Kurseong 0055-0400 1130-1700(Sat, Sun 1741)
4910 50 Jaipur 0025 0430(Sun 0415) 1130-1741
4920 50 Chennai 0015-0245 1200-1739
4940 50 Guwahati 0000-0415 1135-1700(Sat 1741)
4950 50 Srinagar s0025/w0120-0215 1120-1739
4960 50 Ranchi 0025-0445 1100(Sun 1130) -1741 (Off air)
4965 50 Shimla 0025-0200 1235v-1730(Sat, Sun 1741)
4970 50 Shillong 0025-0400 1056-1630
4990 50 Itanagar 0020-0400 1000-1630
5010 50 Thiruvananthapuram 0020-0215 1130-1740
5015 50 Delhi (Kingsway 1220-1841
5040 50 Jeypore 0025-0435 (Sun 0445, Sat 0545 v), 1130-1741
5050 10 Aizawl 0025-0400 1130-1630
5965 50 Jammu 0630-0930 (Off air)
5985 50 Ranchi 0630-1000 (Off air)
5990 500 Bengaluru 0100-0200 Sindhi (Pakistan)
6000 10 Leh 0700(Sun 0630)-0930
6020 50 Shimla 0215-0410, 0700 (Sun 0415-1000)-0930 1130-1230
6030 100 Delhi (Kingsway 0200-0310)
6030 50 Delhi (Kingsway 1215-1430)
6040 50 Jeypore 0700-0936
6045 100 Delhi (Kingsway 1430-1930 Urdu (Pakistan)
6065 50 Kohima 0430-0510 0700-0900 (Irregular)
6085 10 Gangtok Irregular
6085 50 Delhi (Kingsway 1220-1310 1330-1340 1345-1420 1430-1440 1445-1630/1700/1730v, 1730-1740
6100 100 Delhi (Kingsway 0230-0330 1430-1530
6100 50 Delhi (Khampur 0900-1200 (Vividh Bharati, DRM NVIS)
6110 50 Srinagar 0225-0509 (Sun 1115), 0600-1115
6150 50 Itanagar 0700-0900
6155 250 Delhi (Khampur 0015-0430 Urdu (Pakistan)
6165 250 Delhi (Khampur 1230-1500 Sindhi, 1500-1600 Baluchi (Pakistan)
6190 50 Delhi (Kingsway 0730-1030
7210 50 Kolkata 0230-0401v (Sat,Sun 0501), 0700-1000(Sun 1030)
7220 50 Delhi (Kingsway For special broadcasts
7230 50 Kurseong 0620-1030
7235 50 Delhi (Kingsway 0215-0320 0330-0340 (Sun 0355)
7240 50 Mumbai 0530-1035
7250 50 Gorakhpur 0700-0800 Nepali (Nepal), 0830-1130 Urdu (Pakistan), 1130-1140 HS
7250 250 Panaji 1615-1730 Persian, 1730-1830 Malayalam (W. Asia ) (Ex 7115)
7255 250 Aligarh 1315-1415 Dari, 1415-1530 Pushtu, 1530-1545 English (Afghanistan, Pakistan)
7270 100 Chennai 0000-0045 Tamil, 0045-0115 Sinhala (Sri Lanka), 0130-0430 HS (Ex 7360)
7270 100 Chennai 1000-1100 English, 1115-1215 Tamil, 1300-1500 Sinhala (Sri Lanka)
7280 50 Guwahati 0600-0930 0945-1130 (Sun 0530-1130)
7290 50 Thiruvananthapuram 0230-0430(Sat 1000, Sun 1030), 0630-1000
7295 10 Aizawl 0700-0930(Sun 1000)
7315 50 Shillong 0656-0930 (Ex 7130)
7325 50 Jaipur (Sun v0430-0500), 0630-0931 (Ex 7120 )
7335 50 Imphal 0225-0400/0530(Sun 0500), 0630(Sun 0600)-1000 (Ex 7150
7340 100 Mumbai 0015-0430 Urdu, 0830-1130 Urdu, 1130-1140 HS, 1230-1500 Sindhi, 1500-1600 Baluchi (Pakistan) (Ex 7195
7370 50 Delhi (Kingsway 0030-0040 (Ex 7150)
7370 100 Delhi (Kingsway 0100-0200 Sindhi (Pakistan) (Ex 7125)
7370 100 Delhi (Kingsway 1550-1615/1630/1700/1730v 1730-1740 (Ex 7140)
7380 50 Chennai 0300-0430(Sun 0500), 0610-0930 (Sun 1130) (Ex 7160)
7390 8.5 Port Blair 0315-0400 (Sat 0415,Sun 0500), 0700-0931(Sun 1000) (Ex 7115)
7410 250 Delhi (Khampur 1315-1415 Dari, 1415-1530 Pushtu (Afghanistan, Pakistan), 1745-1945 English, 1945-2045 Hindi, 2045-2230 English (W. Europe)
7410 * 250 Aligarh 1615-1730 Hindi (W. Asia)
7420 50 Guwahati 0130-0230 Nepali, 0230-0300 HS, 0300-0430 Bangla, 0700-0800 Nepali, 0800-1100 Bangla, 1215-1330 Tibetan, 1330-1430 Nepali, 1445-1515 Bangla,1515-1600 HS,1600-1730 Bangla, 1730-1740 HS
7420 50 Hyderabad 0225-0400(Sat 0505,Sun 0500), 0545-0930 (Sun 0530-1030) (Ex 7140
7430 50 Bhopal 0225-0447 (Sun 1031), 0700-0931(Ex 7180
7440 50 Lucknow 0700(Sun 0430)-1000, 1005-1006(Ex 7105
9425 500 Bengaluru 1320-0043 (National Channel)
9445 500 Bengaluru 1745-1945 English (W NW Africa), 2045-2230 English(W. Europe)
9470 250 Aligarh 1320-0043 (National Channel)
9575 50 Delhi (Kingsway 1215-1330 Tibetan (Tibet), 1330-1420 1430-1440 1445-1630/ 1700/1730v, 1730-1740 HS
9595 250 Delhi (Khampur 0015-0430 Urdu (Pakistan)
9595 100 Delhi (Kingsway 0700-0800 Nepali (Nepal), 0810-0830 HS, 0830-1130 Urdu (Pakistan), 1130-1140 HS
9595 250 Delhi (Khampur 1615-1715 Russian (E. Europe
9620 250 Aligarh 1230-1500 Sindhi, 1500-1600 Baluchi (Pakistan)
9635 250 Aligarh 0100-0200 Sindhi (Pakistan)
9690 500 Bengaluru 1330-1500 English (E SE Asia)
9705 250 Panaji 2245-0045 English (E SE Asia)
9810 250 Panaji 0130-0230 Nepali (Nepal)
9820 250 Panaji 1300-1500 Sinhala (Sri Lanka), 1530-1545 English
9835 100 Delhi (Kingsway 0000-0045 Tamil (Sri Lanka)
9835 250 Delhi (Khampur 0215-0300 Pushtu, 0300-0345 Dari (Afghanistan, Pakistan)
9835 50 Delhi (Kingsway 1330-1630/1700/1730v, 1730-1740
9870 500 Bengaluru 0025-0435 0900-1200 1245-1740 (Vividh Bharati)
9890 100 Delhi (Kingsway 0730-0830
9905 * 250 Aligarh 1615-1730 Persian, 1730-1945 Arabic (W.Asia)
9910 250 Aligarh 0215-0300 Pushtu, 0300-0345 Dari (Pakistan, Afghanistan)
9910 250 Delhi (Khampur 1315-1415 Dari, 1415-1530 Pushtu, 1530-1545 English (Afghanistan, Pakistan)
9910 * 250 Aligarh 2045-2230 English (Australia/NZ), 2300-2400 Hindi, 0000-0045 Tamil (SE Asia)
9950 250 Delhi (Khampur 1515-1615 Swahili, 1615-1730 Hindi (E.Africa)
9950 50 Delhi (Khampur DRM :1745-1945 English, 1945-2045 Hindi, 2045-2230 English (W. Europe)
9950 * 250 Aligarh 2245-0045 English (NE Asia)
11585 250 Delhi (Khampur 1230-1500 Sindhi, 1500-1600 Baluchi (Pakistan),1615-1730 Persian, 1730-1945 Arabic (W.Asia)
11620 250 Aligarh 0100-0430 Urdu (Pakistan)
11620 250 Delhi (Khampur 0830-1130 Urdu (Pakistan),1130-1140 HS, 2245-0045 English (E SE NE Asia)
11620 500 Bengaluru 1215-1315 Burmese (Myanmar)
11620 250 Delhi (Khampur 1330-1500 English (E SE Asia)
11620 500 Bengaluru 1515-1600 Gujarati (E. Africa), 1615-1715 Russian (E. Europe), 1745-1945 English, 1945-2045 Hindi (Europe)
11620 2x500 Bengaluru 2045-2230 English (Australia/NZ/Europe)
11645 250 Delhi (Khampur 2245-0045 English (NE Asia)
11710 50 Delhi (Kingsway 1115-1140 HS, 1215-1315 Burmese (Myanmar)
11715 250 Delhi (Khampur 0130-0230 Nepali (Nepal)
11715 250 Panaji 2045-2230 English (Australia/NZ)
11730 250 Delhi (Khampur 0400-0430 Persian, 0430-0530 Arabic (West Asia), 0530-0600 Urdu (Haj Season)
11735 500 Bengaluru 0215-0300 Pushtu, 0300-0345 Dari (Pakistan, Afghanistan)
11740 250 Panaji 2300-2400 Hindi, 0000-0045 Tamil,(SE Asia), 0045-0115 Sinhala (Sri Lanka)
11775 250 Panaji 1215-1330 Tibetan (Tibet), 1330-1430 Nepali (Nepal)
11830 50 Delhi (Kingsway 0125-0340 (Sun 0355)
11840 250 Panaji 0315-0415 Hindi (West Asia)
11840 250 Delhi (Khampur 1145-1315 Chinese (NE Asia)
11850 50 Delhi (Kingsway 0700-0800 Nepali (Nepal)
11935 100 Mumbai 1745-1945 English (E.Africa)
11985 250 Delhi (Khampur 0000-0045 Tamil, 0045-0115 Sinhala (Sri Lanka)
11985 500 Bengaluru 0215-0300 Kannada (W.Asia)
12025 250 Panaji 1615-1730 Hindi, 1730-1830 Malayalam (W. Asia )
13605 500 Bengaluru 1515-1615 Swahili (E.Africa), 1745-1945 English, 1945-2030 French (W NW Africa)
13605 2x500 Bengaluru 2245-0045 English (E SE Asia)
13620 500 Bengaluru 1730-1945 Arabic (W. Asia), 1945-2030 French (W NW Africa)
13645 * 250 Aligarh 1115-1200 Thai (SE Asia)
13645 500 Bengaluru 1515-1600 Gujarati (E.Africa)
13695 500 Bengaluru 0315-0415 Hindi (W.Asia)
13695 500 Bengaluru 1000-1100 English (NE Asia, Australia/NZ), 1115-1215 Tamil, 1215-1245 Telugu (SE Asia) (ex 13710)
13710 500 Bengaluru 1330-1500 English (E SE Asia)
13770 500 Bengaluru 1615-1730 Hindi (W. Asia)
13795 500 Bengaluru 0000-0045 Tamil, 2300-2400 Hindi (SE Asia)
15020 * 250 Aligarh 1000-1100 (NE Asia)
15040 100 Delhi (Kingsway 1215-1315 Burmese (Myanmar
15040 250 Delhi (Khampur For special broadcasts
15050 500 Bengaluru For special broadcasts
15050 250 Delhi (Khampur 1115-1215 Tamil, 1300-1500 Sinhala (Sri Lanka)
15075 500 Bengaluru 0215-0300 Kannada (W.Asia), 0415-0430 Gujarati, 0430-0530 Hindi (E.Africa)
15075 2x500 Bengaluru 0315-0415 Hindi (W.Asia, E.Africa)
15075 250 Delhi (Khampur 1615-1730 Hindi, 1745-1945 English (E. Africa)
15135 50 Delhi (Kingsway 0125-0205 0215-0310 (Sun 0355)
15140 250 Delhi (Khampur 1615-1715 Russian (E. Europe)
15155 * 250 Aligarh 1745-1945 English (W NW Africa)
15175 250 Panaji 1515-1600 Gujarati (E. Africa)
15185 250 Panaji 0315-0415 Hindi, 0415-0430 Gujarati, 0430-0530 Hindi (E. Africa, Mauritius)
15185 50 Delhi (Kingsway 0730-0930 1115-1140
15205 50 Delhi (Kingsway For special broadcasts
15410 500 Bengaluru 1000-1100 English (NE Asia) (Ex 15235)
15410 250 Panaji 1115-1200 Thai (SE Asia) (Ex 15235)
15260 50 Delhi (Kingsway 0700-0930 HS, 1000-1100 English (Sri Lanka)
15770 250 Aligarh 0400-0430 Persian, 0430-0530 Arabic (W.Asia), 0845-0945 Indonesian, 1115-1215 Tamil, 1215-1245 Telugu (SE Asia)
15795 500 Bengaluru 1145-1315 Chinese (NE Asia)
17510 250 Delhi (Khampur 0845-0945 Indonesian (SE Asia), 1000-1100 English (Australia/NZ)
17670 250 Delhi (Khampur 1515-1615 Swahili, 1615-1730 Hindi, 1745-1945 English (E.Africa)
17705 500 Bengaluru 1145-1315 Chinese (NE Asia)
17715 250 Delhi (Khampur 0315-0415 Hindi, 0415-0430 Gujarati, 0430-0530 Hindi (E. Africa, Mauritius)
17740 500 Bengaluru 1115-1200 Thai (SE Asia)
17800 500 Bengaluru 1000-1100 English (NE Asia)
17810 250 Panaji 1115-1215 Tamil, 1215-1245 Telugu (SE Asia)
17845 250 Delhi (Khampur 0400-0430 Persian, 0430-0530 Arabic (W.Asia), 0530-0600 Urdu (Haj Season)
17860 100 Delhi (Kingsway 1115-1215 Tamil (Sri Lanka), 1220-1245 HS
17875 500 Bengaluru 0845-0945 Indonesian (SE Asia)
17895 500 Bengaluru 1000-1100 English (Australia/NZ)

S = Summer
W = Winter
V = Varies
HS = Home Service

* = Temporarily off air

(via Alokesh Gupta)

last update april 2, 2009
96 Views