A lode e gloria del Pandoro e di tutta la sua Santa Chiesa

Reading Time: < 1 minute

Il ministro Grillo ha detto che il pandoro è come quelli del PD e chenon ha anima. Come si permette di offendere doppiamente uno dei dolci più nobili e meravigliosi della tradizione italiana. Un dolce che nasce dalla povertà. Fatto con farina, uova, burro, lievito e zucchero. Cioè quello che c’era nelle cucine delle case venete. Pochi ingredienti, i più umili. Il pandoro non si può permettere nemmeno il lusso dell’uvetta e dei canditi che rendono il panettone un dolce decisamente di destra, con i nocciolini dell’uva passa che ti si sgranellano fra i denti, no, via, il pandoro è proletario e il suo segreto è la lievitazione. È tutto lì, non c’è altro. E quando ci affondi il coltello si sbriciola un po’ mentre afferri la fetta e ti sporchi le labbra di zucchero a velo. È morbido, burroso. Se lo scaldi appena un pochino il burro si scioglie e quel colore giallo così uniforme ti dà il profumo delle cose che ti appartengono veramente. Nessun ministro della Repubblica si permetta mai più di insultare un’istituzione del paese a favore del volgare e prosaico panettone paragonandolo addirittura al PD ma soprattutto ignorando, o non sapendo proprio per niente, che se c’è qualcosa che non ha anima è proprio il governo che lei rappresenta.

Benvenuti nel club!

Reading Time: 3 minutes

grillo-dimaio-640x427

L’altro giorno mia figlia (perché non so se vi ho già detto che 17 mesi e mezzo fa mi è nata una figlia) giocherellava, buttandoli allegramente all’aria, coi libri e coi DVD di Beppe Grillo che ho pazientemente accumulato in oltre un decennio.

Nel rimetterli a posto ho provato un po’ di nostalgia, per i tempi in cui Grillo scopriva Skype e insegnandoci ad usarlo ci diceva “possiamo mandarli a casa domattina” (s’intende quelli di Telecom), oppure di quando c’era “La Settimana”, un foglio volante da stampare con i post più interessanti del blog e da lasciare nei punti strategici frequentati dall’occasionale lettore (lo studio del dentista, la libreria di turno, oppure darlo al giornalaio perché lo infilasse nei quotidiani venduti), oppure quando ci fu il V-Day, con la partecipazione di personaggi della cultura e dello spettacolo, e fiumare e fiumare di persone nelle piazze. O di quando Marco Travaglio aveva la rubrica fissa al lunedì alle 14 in streaming sul blog. O anche di quando il blog di Beppe Grillo lo scriveva veramente Beppe Grillo e non era in mano a ghostwriter, rappresentando così un filo diretto tra il pubblico e chi ne portava il nome.

Erano, soprattutto, i tempi dell'”uno vale uno” e del “via i pregiudicati dal Parlamento”. E mi ricordo che per candidarsi alle elezioni politiche con il M5S bisognava avere la fedina penale pulita. E che nemmeno Grillo poteva candidarsi essendo stato (allora) condannato solo per un reato colposo (adesso ha una collezione di sentenze per diffamazione che tra civile e penale gli hanno cambiato un po’ il quadro della situazione).
Continua a leggere

Se questo è un giornale

Reading Time: 3 minutes

Domani, se Dio vuole, chiude “l’Unità”.

Un quotidiano fondato nientemeno che da Antonio Gramsci nel 1924, anche se di questa circostanza c’è solo una breve menzione sulla testata della versione cartacea on line. Nel senso che dell’autorevolezza e del coraggio di Gramsci non è stato ereditato niente, e c’è di che esser convinti che le ceneri del grande intellettuale e pensatore ribollano all’idea di patrocinare un quotidiano la cui unica aspirazione, ultimamente, era quella di negare l’evidenza e di dare adosso ai grillini, visti come origine di ogni male.

Io l’Unità, quella vera, me la ricordo. Ero piccino e la domenica se volevi passava qualcuno a distribuirlo casa per casa. Lo comprava sempre il mi’ zio Piero, che allora veniva Ugo, detto Ughino, che saliva le scale due alla volta con le ginocchia un po’ dinoccolate, la boina calcata sulle 23 e la sigaretta (Nazionali Esportazione, plisss) in bocca, e incassava il prezzo del giornale. Magari si fermava a prendere un caffè, o a fare due chiacchiere, qualche commento sulla situazione politica della settimana e intanto si parlava, ci si confrontava, si discuteva, si litigava.
Se poi uno non voleva comprarselo, c’era pur sempre il circolino dell’ARCI (a Vada si chiamava “la Pista”) che lo acquistava per gli avventori e lo metteva lì a disposizione di tutti fin dalle sette di mattina. Era un po’ palloso dover aspettare che si liberasse, e, comunque, quando entrava la bonànima di Anchise e lo voleva era buona norma lasciarglielo.
Continua a leggere

La Boldrini chiama sua figlia con Skype!!

Reading Time: 2 minutes

.

Era un po’ che non parlavo della Boldrini, quand’ecco arrivarmi un tweet dall’ANSA in cui mi si comunica l’esistenza di un video in cui la Boldrini ammette di usare Skype.

Devo dire la verità, l’ANSA è stata un po’ impietosa con la Boldrini, perché ha preso un frammento del suo intervento lasciando il contesto precedente a metà (il filmato è stato ripreso durante un incontro sul tema “Una Costituzione per la rete?” e verrebbe solo da rispondere “No, grazie, la gente già conosce poco di suo quella del proprio paese”) e si è solo soffermatta sul fatto che sì, la Presidente della Camera, cioè lei, usa Skype perché ha una figlia che vive all’estero e la sera muore dalla voglia di sapere come sta.

Ora, non si capisce bene, ancora una volta, dove stia la notizia di interesse pubblico. Sul fatto che la Boldrini abbia installato una applicazione (per PC, Tablet, Smartphone o quant’altro) e la usi per comunicare con chi vuole lei, sfruttando il fatto che l’applicazione medesima permette lo scambio di videochiamate? Ma, di grazia, questa non è una notizia. Skype è il principale vettore telefonico mondiale e mi sembra più che normale che tanta gente lo usi. Beppe Grillo, buonanima, ci faceva una parte di un suo spettacolo dimostrando che bastava una connessione internet e chiamavi tuo zio in Brasile a prezzi stracciati con Skype, e quando lui lo faceva io telefonavo già con VoipStunt e spendevo meno di lui.
Continua a leggere

Poi se ne vien dove col capo giace/appoggiato al barile il miser Grillo

Reading Time: < 1 minute

Massì, massì, è tutta colpa di Grillo che ha defenestrato i parlamentari del Movimento 5 Stelle, rei di aver opinato che è stato un errore andare a dire “Io non sono democratico con voi” al neo-Presidente del Consiglio consultante perché non gli si doveva dire nemmeno il fatto suo.

Ma certo, ci mancherebbe, la questione è che nemmeno il Movimento 5 Stelle è democratico e chissà cosa vogliono questi qui, a parte rassegnare delle dimissioni che saranno fittiziamente respinte dal Senato, e andare a creare un gruppo autonomo o finire nel gruppo misto (senza più neanche l’obbligo di restituire una parte dello stipendio mensile alle casse dello stato).
La questione non è che la direzione del Partito Democratico ha imposto a un paese intero un cambio di Premier (atto decisamente democratico) senza passare per le urne (a che servono le elezioni, del resto?), non è il PDL che caccia Fini (“Che fai, mi cacci?” Sì!), no il punto è che la gente se ne va perché non è più in sintonia con chi l’ha votata, e allora, basta, se ne vada pure e più non ci percuota lo scroto.

I versi del titolo sono tratti dal XVIII canto dell'”Orlando Furioso”. A volte si dice, eh?

L’inchino e la tagliola

Reading Time: 2 minutes

D’improvviso della “tagliola” posta in essere dal Presidente Boldrini non si parla più.

La discussione è stata spostata (e mantenuta) sulle tonnellate di insulti ricevuti dalla terza carica dello Stato in seguito a un sondaggio apparso sul blog di Beppe Grillo.

Intendiamoci: quegli insulti sono veri. La Boldrini è stata pesantemente diffamata.

Naturalmente è stato preso di mira il mezzo (il blog di Grillo) al posto del diffamatore (chi materialmente ha immesso quei contenuti).

Si dà il caso che in Italia la responsabilità penale sia personale e che la diffamazione sia un reato punibile a querela di parte.

Quindi la Boldrini può benissimo querelare gli autori di quelle ingiurie pubbliche e sottostare al giudizio di un giudice terzo. Esattamente come ogni cittadino.

Invece stasera va da Fazio. A far che? Forse che io, se vengo diffamato, ho la possibilità di andare ad esporre il mio pensiero in televisione? E che cos’è “Che tempo che fa?” un tribunale?? Sì, lo so, io non sono il Presidente della Camera. E non è solo per questo che non ho mai usato nessuna ghigliottina con nessuno.

Non ci sono parole per questa distrazione di massa che a colpi di falso giornalismo inizia a spostare l’attenzione dell’opinione pubblica su un “Belìn” messo lì da Grillo, o sul fatto che, tanto per cambiare, Grillo è un pregiudicato perché ha ammazzato tre persone in un omicidio colposo.
Continua a leggere

Grillo parla dei giornalisti “critici” sul suo blog. E fa bene!

Reading Time: 4 minutes

Si parla molto (e, francamente, non riesco a capirne il perché) di Beppe Grillo e del suo segnalare sul suo blog alcuni giornalisti che si caratterizzano per una certa vis polemica e per una certa vivacità di linguaggio nei confronti suoi e del Movimento 5 Stelle.

Fa bene. Molto bene. Il web ha la memoria corta e i cittadini ancora di più. Si tende sempre a dimenticare quello che si è letto da una parte (quella del lettore finale) e si tende sempre a scrivere articoli infarciti di volgarità e inesattezze dall’altra (quella degli addetti all’informazione). Quindi c’è bisogno di conservare in un luogo accessibile uno “storico” della tecnica, se non dell’insulto, almeno dello sberleffo.

Grillo ha cominciato con Maria Novella Oppo, giornalista de l’Unità, il quotidiano politico che percepisce una delle più alte percentuali di finanziamento pubblico agli organi di stampa ideologicamente schierati.

I passaggi denunciati da Grillo recitano:

“‘Ogni giorno una pagliacciata dei grillini […] Fanno casino […] Dimostrano di non saper fare e di non aver fatto niente per il popolo italiano […] Inscenano gazzarre […] Sono succubi di Berlusconi’. Qualche giorno fa: ‘Casaleggio va elucubrando ai danni dell’Italia’. E ancora: ‘Grillo vuole tutto, soprattutto il casino totale […] Un brulichio di piccoli fan [sono] divenuti per miracolo parlamentari e tenuti al guinzaglio perché non si prendano troppe libertà”.
Continua a leggere

Lettera al Senatore Francesco Russo (PD)

Reading Time: 4 minutes

Senatore Russo,

ho letto la Sua lettera a Beppe Grillo, che riporto qui sotto per comodità dei lettori del mio blog e, nello spirito della libertà di opinione e di critica, ho deciso di risponderLe.

Cominciamo dal fondo (in cauda venenum).

Beppe Grillo non è un parlamentare, è vero. Non è necessario esserlo per esercitare i propri diritti politici, in particolare quello di formare un movimento. Così come non è necessario essere incensurati. Se il vostro alleato Silvio Berlusconi prendesse anche solo minimamente atto di questo, non assisteremmo al gioco al rimando e al perdere tempo della Giunta per le Elezioni che dovrebbe sindacarne l’incompatibilità con la carica che riveste.

Grillo è stato condannato per un delitto colposo e non doloso. Mettere sullo stesso piano i 14 mesi per omicidio colposo plurimo cui è stato condannato Grillo, con le pene cui vengono condannati i parlamentari (si pensi, appunto, ai 4 anni di reclusione per il vostro alleato Berlusconi) è semplicemente inaccettabile.
Il titolo della Legge Severino reca chiaramente “disposizioni in materia di incandidabilita’ e di divieto di ricoprire cariche elettive e di Governo conseguenti a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi”. Quindi è evidente che con quella condanna Grillo potrebbe benissimo candidarsi, e che, se non lo fa, è solo per il suo senso civico, fermo restando che, comunque, sarebbe una condanna di entità inferiore ai due anni.
Continua a leggere

Il “pregiudizio positivo” e altri incidenti di Jovanotti

Reading Time: 5 minutes
Jovanotti nel 2008 (da www.wikipedia.org)

Io il mare dentro una conchiglia non l’ho mai sentito.
Quand’ero piccino il mi’ zio Piero e la mi’ zia Iolanda mi portavano al mare, pigliavano le conchiglie a riva e mi dicevano di metterle all’orecchio, ché “si sente il mare”. Io lo facevo, ma non sentivo niente. Ci guardavo dentro per vedere se ci fosse qualche onda che faceva ciaff ciaff. Macché! Poi mi sono reso conto che il rumore che si sente è l’effetto fisico delle conchiglie che si chiudono all’orecchio. Nulla di prodigioso.

Da quando faccio fisioterapia per curare i miei gravi acciacchi ho capito che la frase per cui “la vertigine non è paura di cadere ma voglia di volare” non è vera. Se hai problemi di deambulazione la paura di cadere ti viene e come! Con o senza stampelle.

Per questo non mi piace Jovanotti. Ed è per questo che mi preoccupa la gente che lo va a sentire e che considera il suo verbo come oro colato.

Jovanotti ha rilasciato delle dichiarazioni a dir poco criticabili a Massimo Gramellini de “La Stampa” in una fortunata intervista pubblicata ieri.

“A me piacciono cose che non stanno insieme nella stessa compilation, Elton John e De André, il pop e Miles Davis. Ricordi quel film dove Nanni Moretti diceva ironicamente: “Ve lo meritate Alberto Sordi”? Il guaio è che a me piacciono sia Moretti sia Sordi.”
Continua a leggere

Il blog di Beppe Grillo è un magazine on line

Reading Time: < 1 minute
Cliccare sull'immagine (da www.beppegrillo.it) per ingrandirla

Poi uno dice “ma ci sarà qualcosa che ti dà noia di Beppe Grillo”?
Eccoci, pronti a fare autocritica dall’interno: sul blog è apparsa (chissà da quanto tempo, ma io l’ho vista solo ora -abbiate pazienza, in sei mesi di ospedale di cose ne accadono tante fuori, e le cose sono tante ad accadere ma io sono solo uno a scrivere) la scritta che definisce la risorsa web di Grillo come “Il primo magazine solo on line”.

Cazzo è un “magazine”? Dovrebbe essere una sorta di giornale, di periodico, di quotidiano, ma è proprio questo che non mi piace. Questo blog che leggete non è né un giornale, né un periodico, anzi, è proprio caratterizzato da una forte aperiodicità, non pretende di dare delle notizie ma di riportare il mio pensiero. Questo è il senso del blog. E’ talmente poliedrico che sfugge a qualsiasi denominazione. Ergo, se gliene affibbi una (“magazine”, addirittura) lo pieghi a quello che non è.

Un blog è qualcosa di agile ma allo stesso tempo rozzo, primordiale e immediato. E’ un giornalino della parrocchia. “Magazine”?? Ma via… no, grazie, abbia pazienza, Grillo, oggi son disturbato di stomaco.

Bersani: “Mica volevo far l’alleanza con Grillo, son mica matto!”

Reading Time: < 1 minute

Pierluigi Bersani ha pronunciato la fatidica frase “Mica volevo far l’alleanza con Grillo, son mica matto!”

Già, perché se l’avesse fatta, poi avrebbe dovuto rinunciare al rimborso elettorale e avrebbe dovuto dimezzare le entrare dei parlamentari del suo gruppo e questo, si sa, non è bello.

Magari gli sarebbe perfino toccato di votare Rodotà col rischio di vederlo eletto Presidente della Repubblica. O di votare l’ineleggibilità di Berlusconi e non ritrovarselo come alleato di governo.

Beh, certo, non è mica matto!

Il passo del Gambaro

Reading Time: 2 minutes

Le sorti della senatrice Gambaro, che ora prende in considerazione l’ipotesi di dimettersi, ora ci ripensa e dice “Resto!”, stanno assumendo lo stesso tenore di interesse del Processo di Norimberga.

Sembra che tutto giri intorno a questo caso che appare, sinceramente, più che marginale e che di per sé non varrebbe “due colonne su un giornale”, come diceva il Poeta.

Se solo, appunto, l’informazione nazionale non ne abbia amplificato ad libitum certe caratteristiche che mi sembrano, peraltro, false.

Giornali e televisioni hanno preso la palla al balzo per fare da cassa di risonanza alle strasentite critiche per cui Grillo sarebbe un despota, che non c’è democrazia nei suoi programmi politici, che è volgare, suda, bestemmia, sputa e ha il brutto vizio di buttare fuori chi a lui non è gradito. Nientemeno farebbe anche una operazione di ripulisti dei commenti sgraditi sul suo blog, da cui scriverebbe anche i suoi “Diktat” sulle epurazioni.

Beh, intanto viene da dire che se il blog è suo, a meno che non commetta reato, ci fa quel che vuole. Che è un concetto semplice ma sottovalutato. Ci scrive cosa gli pare, ci mette la pubblicità che gli pare, ed esprime le opinioni che vuole su chi vuole. Punto e basta. Il suo è uno dei blog più frequentati al mondo? E cosa ci può fare?? Si vede che da quel punto di vista è bravo a far girare le idee e quello che pensa.
Continua a leggere

La Boldrini contro il discorso di Grillo

Reading Time: 2 minutes

Grillo scrive sul suo blog che “La scatola di tonno è vuota” e che “Il Parlamento, luogo centrale della nostra democrazia, è stato spossessato dal suo ruolo di voce dei cittadini” che “Il Parlamento è incostituzionale in quanto il Porcellum è incostituzionale e ora pretende di cambiare la Costituzione su dettatura del PDL e del PDmenoelle”. E ancora “E’ un simulacro, un monumento ai caduti, la tomba maleodorante della Seconda Repubblica”.

Cose che, voglio dire, ricondotte al linguaggio di Grillo, ed estrapolate dai suoi stilemi linguistici (Grillo ormai ci ha assuefatti col “PDL e il PDmenoelle”) sono anche vere. Peccato che con la legge del Porcellum anche il Movimento 5 Stelle abbia nominato i suoi specifici candidati in parlamento.

Ma quelle di Grillo sono opinioni. La metafora del Parlamento come sepolcro imbiancato di una politica che non trova più il dialogo con i cittadini ne è un esempio chiarissimo.

Laura Boldrini, Presidente della Camera dei Deputati ha definito il discorso di Grillo “offensivo, un attacco alla democrazia e all’immagine dell’Italia”.
Ma il vero attacco alla democrazia non è tanto il discorso di Grillo, quanto l’etichetta di “offesa”.
Se la Boldrini pensa che il Parlamento sia stato offeso, visto che è il presidente di uno dei due rami che lo compongono, può tranquillamente querelare Grillo.
Continua a leggere

M5S: gli hacker, le e-mail e le foto hard

Reading Time: 2 minutes

image

E così qualcuno ha perso una ottima occasione per andare a fare una passeggiata all’aria aperta.
La notizia del giorno, strisciante come una biscia di botro, insinuante fino a sconfinare nella pruderie è che tra le e-mail hackerate a Grillo, Casaleggio e ai parlamentari del Movimento 5 Stelle ce ne sarebbero di personali e hard. Tutto verrà pubblicato se i capi del M5S non diranno quanti quattrini prendono dalla politica.
Bruttissima cosa andare a ravanare nei computer altrui. Ancora peggio minacciare di esporre al pubblico ludibrio le foto di una persona che si masturba e vuole scambiare il risultato visivo finale con chi le pare, Perché la sessualità fa parte della vita privata di ciascuno di noi e dobbiamo renderne conto a noi stessi in prima persona, al partner in subordine e al destinatario delle nostre performances in terza analisi. Basta. Finisce lì.
Non ha nulla a che vedere con la professione o con l’attività politica.
Sono azioni che non fanno altro che attizzare il prurito della curiosità e lo schifoso esercizio dello stigma: fai le cosacce? Sei brutto e sporco e appena tutti ti avranno visto sarai distrutto non per quello che hai fatto in politica, ma per come ti comporti nel tuo privato, dimensione in cui hai il diritto di fate quello ti pare. Continua a leggere

Il portafoglio rubato di Roberta Lombardi

Roberta Lombardi - M5S
Reading Time: < 1 minute

Roberta Lombardi - M5S

Roberta Lombardi, capogruppo del Movimento 5 Stelle alla Camera, è stata vittima di un atto indubbiamente spiacevole.
Le è stato rubato il portafoglio in cui erano custoditi scontrini e ricevute delle spese sostenute per il gruppo parlamentare e che dovevano esserle restituite. Poca roba, circa 250 euro in un mese.

Non sarebbe nemmeno una notizia, in verità, se non fosse per il fatto che quei soldi non potranno più essere rendecontati alla gente nell’operazione trasparenza.

Quello che stupisce è che dopo l’accaduto la Lombardi si sia precipitata indovinate dove? Su Facebook, per chiedere al “popolo della rete” cosa fare in un caso come questo. Il popolo della rete come oracolo, come panacea di tutti i mali, come rimedium rimediorum, la rete come posto in cui ogni soluzione, ogni informazione è possibile, come se la democrazia e la partecipazione, nonché l’accesso alle informazioni non passino attraverso la verifica della loro attendibilità, ma vengano dati per buoni per il solo fatto che sono sulla rete.

Poi c’è la gente che si vede soffiare il portafoglio e 250 euro li dà per persi e ci beve sopra.

Wikipedia e la diffamazione di Beppe Grillo contro Rita Levi Montalcini

Reading Time: 2 minutes

Wikipedia è, probabilmente, uno dei contenitori più grandi di dati giudiziari riguardanti i VIP di qualunque tipo, provenienza e settore di appartenenza (pubblico, politico, dello spettacolo, della politica).

Si tratta sostanzialmente di cose di poco o pochissimo conto. Patteggiamenti, soprattutto, o condanne a pene particolarmente miti. Naturalmente ci sono anche le condanne a pene superiori. Del resto, cosa sarebbe la voce di Wikipedia dedicata a Wanna Marchi senza la maggior parte delle riche dedicate alla sua vicenda processuale?

Ci sono anche le assoluzioni. Così, se una persona vuole mettere da parte le imputazioni per le quali è stata portata davanti a un giudice da innocente, se le ritrova sulla enciclopedia più incomprensibile del web a beneficio dell’eternità. Basta pensare ai processi in cui il defunto Franco Califano è stato coinvolto, e di cui no potrà liberare l’immaginario della gente nemmeno adesso che non c’è più.

C’è una insistenza particolare, a volte, nelle voci di Wikipedia. Una volontà di sottolineare, anzi, di rimarcare in maniera sovrabbondante e ridondante che una persona non è esattamente pulita, che qualche sporcizia ce l’ha.

Riguardo al pregiudicato Beppe Grillo, sulla pagina di Wikipedia che lo riguarda apprendiamo che ha patteggiato una pena (quindi non si tratta di una condanna in senso stretto) per aver diffamato Rita Levi Montalcini. Wikipedia ce lo dice nella sezione “Cause e condanna per diffamazione”
Continua a leggere

La figlia di Beppe Grillo segnalata alla Prefettura per uso personale di sostanze stupefacenti

Reading Time: < 1 minute

La figlia di Beppe Grillo, Luna, è stata fermata e pare abbia consegnato spontaneamente alle forze dell’ordine un quantitativo di cocaina per uso personale.

Per questo motivo, come d’obbligo, è stata segnalata in Prefettura come “consumatrice di sostanze stupefacenti”.

E’ una delle tante procedure da medioevo che abbiamo in Italia, e che non fa altro che dare pane ai denti dei giornalisti, quegli stessi giornalisti che rivendicano una stampa libera e indipendente (con i contributi pubblici!) e si indignano perché la Lega Nord ha fatto loro lo sgambetto sul decreto di riforma del reato di diffamazione.

E’ ovvio che l’attenzione è sviata. Si colpisce, mettendola sui giornali, la figlia di Beppe Grillo per insinuare qualcosa sul padre, come se padre e figlia fossero la stessa persona.

Ma quello che non si dice è che abbiamo un sistema giuridico e giudiziario al collasso per cui se detieni un certo quantitativo per uso personale di cocaina vieni segnalato alla Prefettura, fermo restando che non si tratta di un reato, mentre se fai un uso smodato di alcol, anche se ti fermano non vieni segnalato alla Prefettura come consumatore abituale di una sostanza stupefacente (non ci sono dubbi che l’alcol lo sia, viene segnalato sulla tabella ufficiale delle droghe dall’Organizzazione Mondiale della Sanità) e si aspetta che accada il danno irreparabile per poter prendere dei provvedimenti. Che so, che uno vada a schiantarsi contro qualcun altro e lo ammazzi.
Continua a leggere