Alle Thermae di Bagno Vignoni

Non ho che da proporzionarVi anche codesto isplendido dagherrotipo in cui appajo colla esposizione della Gazzetta del Rancore direttamente sul locus amoenus, ancorché m’è d’obbligo indicarVi gl’immondi piedacci in primerrimo piano (c’erano anche le ciabattine da piscina ma GIMP è pietoso e ve n’ha fatto sconto).
147 Views

Cascata delle Marmore con Periartritico

E giacché l’albergo ove tròvomi a passar l’acque e ad arrazzarmi come un gambero spellato nel vano scopo d’addivenire ad una bronzatura che mi dia aspetto pur vagamente accettabile (e hai voglia te la mi’ moglie che mi spalma col latte rinfrescante al mentolo, macché…), dicevo qualcosa dell’albergo ma ora mi son confuso… ah, sì, già, l’albergo mi dà una connessione wi-fi assolutamente compresa nel prezzo, allora vi posso rompere tranquillamente i cogl… ragguagliare colle disiate lustrazioni della villeggiatura. Quivi tròvomi alla Cascata delle Marmore, ove son passato per un’oretta (o minutino, non rammento) e per farmi accedere al Belvedere ho dovuto pagare anche sette eurini -o sesterzi babilonesi, non rammento…).
156 Views

Analisi del sangue

L’altojermattina mi recai presso il reparto "vampirizzazioni & succhiamenti" della locale A.S.L. per sottopormi a un vil prelievo di sangue allo scopo di rendermi edotto su una serie di valori che mi sono stati prescritti e il cui elenco è più lungo della fedina penale di Totò Riina.
Ecco il braccio sinistro incerottato proprio nel punto ove amo di più fare il gesto dell’ombrello.
Vi prego di ossequiare la cara reliquia.

141 Views

Le mani sporche con l’accento e l’apostrofo

L’incommensurabile Baluganti Ampelio si è prodigato nella donazione di codesta maravigliosa imago senz’eguali di cui gli devo, commosso, le gratie imperiture.

Vi si ravvisa un manifesto della USL 6 di Livorno (Settore Controllo Infezioni Ospedaliere) dedicato all’importanza di lavarsi le mani. Una campagna dedicata all’istruzione e all’educazione de’ baNbyni che dimanda agl’infanti se le mani sono

a) Molto sporche
b) Sporche
c) Un p’ò sporche
d) Pulite

e a parte l’approccio da questionario a risposta multipla dell’Invalsi si noti, come ce la fa notare il Pio Baluganti, l’ortografia di "un po’".

Probabilmente, non rammentando se si scrive con l’apostrofo (‘) o con l’accento (ò) qualcuno ha ben pensato di lasciarli tutti e due, ad ulteriore edificazione culturale de’ pargoli.

Châpeau!!
187 Views

Ma dove vai, bellezza in bicicletta?

Cammino sul marciapiede e ho la netta e piacevole sensazione che mi sto facendo un notevole quantitativo di cazzi miei.

E’ bello avere la consapevolezza di essere in regola. Stai camminando, e, oltretutto lo fai nella parte che ti è stata assegnata. Cosa ti potrà mai accadere?

Ecco cosa accade, la ragazza in bicicletta viaggia, anche lei, sul marciapiede. Mi vede, rallenta il velocipede e suona il campanello, come a chiedere strada, come a dire "Scànsati, chè ho da passare io!"

Avrà sì e no diciotto, vent’anni, mi guarda con un’aria come per dire "Allora? Ti sposti o no??"

In quel momento ho una bòtta micidiale di vecchiaia. Mi sento come quei vecchietti al parco che se la prendono con chi sporca, con chi non raccatta gli stronzetti del cane con la paletta lasciandoli in giro per ogni dove, e con i bambini che giocano a pallone mentre loro si godono le meritate panchine e rischiano di vedersi raggiungere da un "Super Tele" nero e azzurro in pieno cranio.
Ecco, mi sento proprio così, come uno di quei signori che hanno passato la sessantina e vanno a "Mi manda Rai Tre" perché hanno ricevuto una fregatura con una pancera per dimagrire comprata con una televendita.

"La strada per le biciclette è quella in mezzo ai due marciapiedi!" le dico con la logorrea dell’età che avanza.
"Lo so, ma col traffico che c’è, in strada vado come minimo ad ammazzarmi… e spostati, ragazzo!"  mi risponde, mentre mi supera sul marciapiede, ma sulla sinistra perché le regole del codice della strada si rispettano. Ha il pancino di fuori, come si addice a quelle della sua età, e sul fondoschiena fa bella mostra di sé un tatuaggio. Ha un po’ di ciccia che straborda, alla prima gravidanza sarà a rischio obesità.

Però mi ha chiamato "Ragazzo!"  Ho 47 anni suonati e nemmeno me la ricordo l’ultima volta che qualcuno mi ha chiamato "ragazzo".

Chissà se ci credeva anche…

[Nella foto raddoppiata il "ragazzo" di cui trattasi…]

196 Views

Una bici non si ama si lubrifica, si modifica..

Il Giro d’Italia che ti passa sotto casa è un momento che passi pensando a Paolo Conte mentre canta che lui sta lì e aspetta Bartali.
Ma anche quella di fare l’imbecille con una bandanina rosa che ho comprato a un prezzo non proprio favorevolissimo ma la volevo e basta:

Dice mia moglie che andrebbe messa a mezza fronte stile Marco Pantani, ma oggi la bandana rosa, la camicina blu, la maglietta a righe (che chissà perché me la metto tutte le volte che devo fare le foto da bischero) il giubbottino marrone mi rendono policromo.
Inoltre serve a celare egregiamente la pelata e ad avere un profilo sbarazzino e inutilmente giovanile:

Fino alla maglia Rosa!

133 Views