Montecitorio: i “profili di rilevanza penale” della Ferranti

Reading Time: < 1 minute

La Presidente della II Commissione Giustizia della Camera Donatella Ferranti (PD) ha scritto ieri alla Presidente della Camera Boldrini.

Nella lettera comunicava le ragioni del rinvio dei lavori della commissione ed esprimeva il proprio convincimento che certi comportamenti posti in essere dal Movimento 5 Stelle costituiscano illecito penale.

Ora, però, se un deputato ha notizia di un fatto ed è convinto che quel fatto sia penalmente punibile non scrive al Presidente della Camera, va direttamente all’ufficio di polizia di Montecitorio, sottoscrive una formale denuncia e la magistratura se ne occupa.

Poi, certo, comunicherà alla Presidente il perché e il percome la commissione non si è potuta riunire e, se del caso, la Presidente prenderà provvedimenti disciplinari.
Mi risulta infatti che la Boldrini sia laureata in giurisprudenza ma che in questo momento non svolga la funzione di magistrato giudicante.

Quindi non è del Presidente della Camera il compito di perseguire i reati.

La nota della Ferranti, quindi, rappresenta un po’ l’ennesimo tentativo di gridare “al lupo! al lupo!!” senza che si sappia quali di questi comportamenti infrangerebbero, a suo dire, le norme del codice penale (cos’è successo, chi è stato e in quali circostanze).

Che non è esattamente una bella cosa in un momento di una tale fragilità per la democrazia parlamentare.

Il PD respinge un emendamento abrogativo della salva-Previti

Reading Time: 4 minutes

ANDREA COLLETTI. Signor Presidente, con questo emendamento andiamo a cancellare un comma dell’articolo 47-ter dell’ordinamento penitenziario, aggiunto dalla famigerata «legge Cirielli», ovvero soprannominata, dai colleghi del PD, «legge salva Previti».
Allora, andiamo a citare qualcosa. «Cercano di salvare Previti con altra norma ad personam» (Massimo D’Alema). «Purtroppo, alcune norme quando le avremo abolite – per inciso, adesso abbiamo l’opportunità di abolirne almeno una – avranno fatto effetto e chiuderemo le stalle quando i buoi saranno scappati, perché molte leggi sono legate a scadenze precise.
Una volta al Governo faremo subito un provvedimento per sospendere gli effetti delle leggi ad personam e dopo le scriveremo» (ottobre 2005). Stiamo ancora aspettando.
La Cirielli è una legge a fini privati, è stato compiuto un altro grave strappo istituzionale. Ebbene, rammendiamo questo strappo istituzionale, siamo qui apposta.
Una Camera a gettoni decide secondo interessi penali e criminali di questo o quell’esponente della maggioranza (Luciano Violante, 15 dicembre 2004). Parliamo di un amico di Berlusconi, neanche di un nemico, di Violante. La salva Previti è una porcata (Anna Finocchiaro, 14 dicembre 2004). Ci avevano dato dei matti quando abbiamo parlato di scandalo; lo scambio eccolo qua, la salva Previti (Gavino Angius, 5 luglio 2005), e via discorrendo. Titolo di la Repubblica: l’opposizione grida allo scandalo contro una legge ad personam scritta direttamente nello studio dell’avvocato Previti. Ora finalmente dopo otto anni, anzi sette anni e mezzo, abbiamo l’opportunità, grazie ad un emendamento del MoVimento 5 Stelle, di cancellare questa norma salva Previti. Oltretutto abbiamo trovato che non è solo salva Previti perché, aiutando gli ultrasettantenni, salva anche un noto pregiudicato che ha fatto una manifestazione ieri proprio qui vicino.
Continua a leggere