Il primo Ministro Danese Helle Thorning-Schmidt ha perso una scarpa

Foto: Afp/Dedouach

Il primo Ministro Danese Helle Thorning-Schmidt, una signora (sì, perché in Danimarca il primo ministro è donna, da noi siamo ancora in leggera controtendenza) durante una visita ufficiale in Francia, al momento di scendere dalla macchina che la conduceva all’Eliseo per la visita al Presidente Hollande, come Cenerentola ha perso una scarpina e… ooops, è dovuta scendere dalla vettura col piedino di fuori, la calzatura in mano e un sorriso che non era d’impaccio, come a dire “Va beh, son cose che succedono”.

Appunto, son cose che succedono. Ed è proprio per questo che un evento simile non dovrebbe costituire una notizia. Può capitare a chiunque, anche un primo ministro indossa delle scarpe. Cos’è, una gaffe? Un incidente diplomatico?? No, è poco meno di un pettegolezzo (credo che a nessuno interessi dei piedi nudi o calzati della signora Helle Thorning-Schmidt), di una brezzolina lieve, di mezzo bichiere di acqua del rubinetto a livello di interesse sociale.

Ma, si sa, quando qualcuno perde la scarpina le matrigne e le sorellastre ci ricamano immediatamente sopra.

140 Views

Gli Abba contro la destra danese: “Non usate la nostra musica a scopi politici!”

Dopo Famiglia Cristiana, uno dei baluardi della resistenza democratica in Europa sono gli Abba.

Gli Abba, gruppo musicale svedese che si fece conoscere all’Eurofestival del 1974 con "Waterloo" (no, non l’ho guardato su Wikipedia, me lo ricordo, perché io davanti alla teolevisione c’ero, posso sbagliarmi di un anno ma siamo lì…), sono sempre stati l’emblema del Kitsch nord-europeo, della melodia facile, dei brani di consumo, di quelli che si sentono così volentieri presso qualche stazione radiofonica tedesca quando tieni la radio accesa nei giorni di pioggia.

Gli Abba, quelli di "Chiquitita", "Fernando", "SOS", si sono visti plagiare, in Danimarca, una delle loro canzoni più famose (quindi, non necessariamente, una delle più belle).

Certa destra xenofoba ha creato una parodia di "Mamma mia" e l’ha utilizzata per un inno di parte, dedicandola alla loro leader.

Questi quattro signori ("signori" in senso di "portatori naturali di nobiltà") sono intervenuti per impedire l’ulteriore uso della canzone a scopi di propaganda politica.

Hanno detto: "Smettetela, e subito, con questa pagliacciata!". Sono tornati dall’oblio o dalla memoria sommersa della gente per rivendicare, oltre a quella del loro lavoro, la loro dignità personale.

Se gli Abba ci insegnano la democrazia vogliamo i Ricchi e Poveri alla presidenza del consiglio (oh, qualcosa di meglio di Berlusconi faranno!…)

50 Views

Jeppe Kofod e la quindicenne

Questo signorino qui si chiama Jeppe Kofod.

E’ un parlamentare danese, vicepresidente della Commissione Affari Esteri del Partito dei Socialdemocratici, che ha avuto un rapporto sessuale con una quindicenne.

Aveva una carriera politica davanti, dal basso dei suoi 34 anni di età.

Lo hanno beccato e si è sputtanato per tutta la vita.

Non ha commesso un reato, perché in Danimarca fare sesso con una ragazza quindicenne non è reato se la minore è consenziente.

Ma intanto si toglie dai piedi e subito.
Ha detto «Ho tenuto una condotta moralmente inappropriata», «Sono il solo responsabile dell’accaduto». E fuori dai tre passi.

Niente più politica per lui.

Dell’Utri, Cuffaro e compagnia cantante sono lì a tenere una condotta moralmente più che appropriata e soprattutto a NON essere i responsabili dell’accaduto.

63 Views