I miei conigli fanno la cacca

image

I miei conigli fanno la cacca. Fanno anche la pipì, se è per quello, non è una novità e nemmeno una notizia.

Come lettiera per quelli che i benpensanti chiamano “i loro bisognini”, uso un pellet di legno morbido che tende a disfarsi con l’uso, perché ogni cilindretto di legno ha un’altissima proprietà assorbente.

Cacca e pellet impregnato vanno, naturalmente, nel sacchetto del biologico. E invece no. Abbiamo trovato un avviso che questo genere di rifiuti va nel secco. Cioè, è tutto perfettamente riciclabile e lo devo mettere nell’indifferenziato a bruciare come se fosse un pezzetto di polistirolo.

Raccolta differenziata del cazzo!

275 Views

Nadia Cartocci e’ su Facebook e noi la vogliamo alle pari opportunita’

Vorrei pregarvi di unirvi a me nella proclamazione unilaterale, monocratica, monolitica e setticèmica (setticèmica?) di Nadia Cartocci a donna-oggetto di culto dell’anno.

Nadia Cartocci è un personaggi della trasmissione radiofonica “Il ruggito del coniglio” (condotta dagli inossidabili Dose e Presta, tra i pochissimi a resistere all’epurazione destroide di Radio Due, che ha salvato solo loro, Caterpillar e “610”, che è, notoriamente, una trasmissione del cazzo), e rappresenta la classica ragazzina fissata con Facebook. Una dissacrazione, non solo del più amato e, per fortuna, odiato social network ma anche e soprattutto della cieca fiducia che i giovincelli inutilmente vi ripongono vieppiù, considerando come un tesoro insostituibile circostanze come quella di avere centinaia di amici o essere iscritta al nuovo gruppo più di tendenza, non importa se si tratta, come prevedibile, dell’ennesima stronzata.

Il personaggio di Nadia Cartocci (che è innamoratissima di Romeo Baciapolpi, giovi dirlo) è interpretato dalla doppiatrice Ilaria Stagni, che rende onore al cinema italiano con una serie di doppiaggi impeccabili tra i quali mi piace ricordare, oltre ai cartoni dei Simpson (che io non guardo mai perché a spregio li aborro assai, ma mi rendo conto che per un doppiatore dev’essere un vitalizio), anche Scarlett Johannson in “Match Point”, gran bel tòc de tusa che la xé!

Vi offro un frammento della trasmissione in modo che possiate godere del potenziale di ilarità del personaggio medestimo stesso proprio lui, confermandovi che la foto che vedete in questo post è quella della medesimissima Ilaria Stagni (non quello di Nadia Cartocci, bisogna sempre divvi tutto, è come mette’ una fotografia di Walt Disney insieme a Paperino!).

Vogliamo Nadia Cartocci Ministro della Pari opportunità!

378 Views

Speriamo che sia femmina!

La notizia è di quelle che fanno tremare le vene ai polsi: Beppe non è Beppe, ma è una Beppa.

Beppe, per la cronaca, era il coniglio creduto maschio (si intravede nella foto, è quello grigio che ho tra le mani) e che è stato posto a guardia indefessa del server di valeriodistefano.com dei cui cavi, come di tutto l’apparato elettrico di casa Di Stefano, è rimasto appassionato divoratore.

E invece si scopre che è una femmina, con tutto quello che ne consegue, trattandosi di conigli.

Chomsky, il maschio creduto e confermato tale, ha fatto l’unica cosa che poteva fare, e va’ truvanno mo’ chi è stato ch’ha cugliuto ‘bbono ‘o tiro, tra 20 giorni sapremo come va a finire.

Se qualcuno vuole un coniglio si faccia vivo (si accettano anche prenotazioni, tanto qui le attività proseguiranno a tambur battente…).

150 Views