La morte di Eleonora Bottaro: alcune motivazioni della Corte d’Appello

“L’ordinamento non pone il diritto di vita o di morte dei figli nelle mani dei genitori, al contrario i genitori sono custodi della vita dei figli, che hanno l’obbligo di proteggere“ “sottrarre la figlia all’unica cura che la scienza medica conosce e che, fortunatamente, è anche una cura con elevata possibilità di successo, non è una scelta che risponda a prudenza e perizia. La salute di un figlio non può essere lasciata al mero arbitrio del genitore che senza alcun vincolo possa adottare qualunque scelta a suo piacimento, come se il figlio fosse una sua mera estensione secondo una prospettiva che, dietro una apparente modernità, finisce per negare al figlio la sua natura di soggetto autonomo portatore di diritti propri” (…) “I genitori erano convinti che Eleonora non dovesse sottoporsi alla chemioterapia. Hanno scelto di sottrarla all’unica cura riconosciuta come tale dalla medicina, e di lasciare che il tumore guarisse da solo” (…) “Il genitore viene meno ai suoi doveri di cura e tiene una condotta gravemente negligente e imprudente, quando a una di queste teorie prive del minimo valore scientifico affida la vita del figlio”.

Sono questi alcuni stralci delle motivazioni della sentenza di appello che ha condannato a due anni di reclusione ciascuno (pena sospesa) i genitori di Eleonora Bottaro, che rifiutarono la chemioterapia come cura della leucemia che aveva colpito la figlia, a favore delle teorie del medico tedesco (radiato dall’ordine, e successivamente deceduto) Ryke Geerd Hamer. Ancora Maalox.

213 Views

Ora sappiamo che è un delitto il non rubare quando si ha fame

Una signora 80enne di Genova ha rubato per fame. Pane, carne e una bottiglia di limoncello. Valore totale della merce 20 euro. Al processo il suo legale ha invocato la scriminante dello stato di necessità. Il giudice non ha sposato la tesi della difesa e ha condannato la signora alla pena di due mesi e venti giorni di reclusione. Per 20 euro. Per la fame. Per pochi beni di prima necessità (perché a volte è necessario anche l’alcol, ci sono da affogarci dentro la povertà, l’emarginazione e la depressione di una condizione di indigenza). Sono i casi in cui dura lex sed lex, questo sì, ma la giustizia svirgola clamorosamente il tiro nella porta della valutazione della effettiva gravità dei fatti e della proporzionalità tra quest’ultima e la pena comminata.

“Così lo impiccheranno con una corda d’oro/è un privilegio raro/rubò sei cervi nel parco del re/vendendoli per denaro”.

119 Views

DDL anticorruzione definitivamente approvato alla Camera: lo scandalo della sospensione della prescrizione dopo il primo grado.

La montagna del governo del rancore ha partorito il topolino del ddl anticorruzione, passato definitivamente alla Camera e in fase di trasformazione in legge con la firma del Presidente della Repubblica, a suggello di un atto che contiene uno dei più solenni attacchi allo stato di diritto degli ultimi anni, quella norma sulla prescrizione, il cui decorso si interrompe dopo il primo grado di processo. La norma entrerà in vigore dal 2020 (nel frattempo qualche processo di qualche politico eccellente dovrà pure andare a sentenza definitiva, e per tutto il 2019 la prescrizione sarà ancora in vigore) e da allora potremo avere processi lunghissimi, praticamente sine die, non importa se il processo di primo grado si sia concluso con una sentenza di assoluzione o di condanna, ma quello che è certo è che il principio della ragionevole durata del processo va a farsi benedire e il cittadino indagato che si è visto assolvere in primo grado dovrà aspettare un tempo indeterminato prima di vedere sancita definitivamente la propria non colpevolezza in merito ai reati ascrittigli, mentre chi è stato condannato dovrà attendere ugualmente un tempo altrettanto indeterminato prima di difendersi ulteriormente dalle accuse.

Così chiunque sia inciampato (casualmente o per espressa volontà) nelle maglie della giustizia, ci resterà a lungo (tanto non c’è fretta, l’unica scadenza è quella richiesta per interporre appello, per il resto non c’è altro), o, quanto meno, ci resterà un tempo sufficiente a farlo disilludere dalla convinzione di poterla fare franca non perché è innocente, ma, si veda il caso, perché lo Stato non è stato capace di assicurarlo alle patrie galere in tempi ragionevolmente accettabili. E allora lì la colpa è dello Stato, non c’entra niente il mariuiolo di turno, qualunque crimine abbia commesso. Ma è comunque un principio di equità che fa parte del nostro ordinamento giuridico: se io Stato, per imperizia o carico di lavoro, non riesco a concludere un procedimento in tre gradi di giudizio entro un tempo prestabilito, devo rinunciare a esercitare l’azione penale. Perché in tutto quel tempo che è passato, il reo può essere totalmente cambiato, e la persona che rischia di andare in carcere anche dopo 7-8 anni non è più la stessa persona che ha commesso quel delitto anni addietro.

E’ stato un regalo, quello della sospensione dei tempi di prescrizione, di un governo che sta dimostrando la sua inefficienza sulla pelle dei cittadini e, sostanzialmente, dei più deboli tra i deboli, quelli “attenzionati” (oggi le persone colte dicono così) dalla giustizia. Per una giustizia ingiusta e senza tempo, che ha deficienze croniche e ormai irrisolvibili.

56 Views

Saverio Tommasi condannato per diffamazione

Ho appena saputo che Saverio Tommasi, persona straordinariamente eclettica e poliedrica, molto gentile e disponibile, è stato recentemente condannato per diffamazione.

Tommasi è stato accusato di aver diffamato Pisana Bachetti, la super testimone della vicenda dello scorso 5 luglio 2016 a Fermo, durante la quale perse la vita Emmanuel Chidi Namdi.

La frase che avrebbe fatto scattare il putiferio era: “una bufalara, una che quando vede un immigrato impazzisce”.

Il Tribunale di Firenze ha condannato Saverio Tommasi alla pena di 5 mila euro di multa, pubblicazione della sentenza di condanna sul giornale La Nazione a sue spese e risarcimento del danno rimesso al giudice civile con provvisionale di 20 mila euro, oltre alle spese legali.

Sembra francamente troppo. Ma non voglio entrare nel merito della vicenda, per quella ci sono i giudici e i giudici si sono espressi.

Voglio solo esprimere a Saverio, in un momento certamente duro per lui, tutta la mia solidarietà e umana comprensione. Coraggio, Saverio, so che riuscirai a venirne fuori comunque vadano il giudizio di appello e di Cassazione, In una Italietta in cui “non scampa tra chi veste da parata chi veste una risata” si rischia sempre di ritrovarsi invischiati in qualche ingranaggio giudiziario più grande di noi. Ma è la fiducia nel domani che ci lascia la speranza di poter andare avantia testa alta, come, sono certo, stai facendo tu.

107 Views

Silvana De Mari: «L’atto sessuale tra due persone dello stesso sesso è una forma di violenza fisica usata anche come pratica di iniziazione al satanismo»

Silvana De Mari


«L’atto sessuale tra due persone dello stesso sesso è una forma di violenza fisica usata anche come pratica di iniziazione al satanismo».

«il movimento Lgbt vuole annientare le libertà di opinione e sta diffondendo sempre di più la pedofilia»

Sono solo due delle esternazioni che sono costate a Silvana De Mari, dottoressa e scrittrice di libri fantasy, una condanna per diffamazione nei confronti del movimento gay. Il Giudice Melania Eugenia Cafiero, pur assolvendo l’imputata da alcuni capi, l’ha condannata a 1500 euro di multa (contro i 1000 richiesti dal Pubblico Ministero) nonché al risarcimento di 2500 euro di provvisionale al Coordinamento Torino Pride e a Rete Lenford.

64 Views

Processo Raggi: comunque vada nessuno si dimetterà

da: en.wikipedia.org
da: en.wikipedia.org

Tutti ad aspettare che la Raggi venga assolta o condannata per vedere quale sarà il suo infame o splendido destino di sindachessa della Capitale.

Non illudetevi. Sia che venga assolta o condannata (e ormai mancano poche ore, questo post esaurirà la sua valenza nel momento in cui sarà emessa una sentenza), alla Raggi non accadrà un bel tubo di niente. E’ vero che il regolamento del Movimento 5 Stelle prevede che le persone condannate in primo grado debbano dimettersi, ma è anche vero che dalle ultime dichiarazioni qualcuno ha detto che si valuta “caso per caso”.

Per cui, se uno con un patteggiamento a una pena minima volesse far politica nel Movimento, probabilmente verrebbe escluso dalla scena, mentre se a rischiare dieci mesi di condanna è la Raggi, bisogna valutare “caso per caso”.

E naturalmente non sarà mai il caso di chiederle di fare un passo indietro se il tribunale la riconoscerà colpevole di falso. La Raggi è personcina troppo preziosa per chiederle di lasciare la capitaneria di Roma e andare a nuove elezioni che il Movimento rischierebbe di perdere sonoramente visti i precedenti.

Se verrà assolta aveva ragione Travaglio e finirà tutto a tarallucci e vino.

Ma ormai è questione di ore.

44 Views

Per David Puente Pietro Pacciani è il mostro di Firenze

(screenshot da www.davidpuente.it/blog/)
(screenshot da www.davidpuente.it/blog/)

David Puente è un “blogger”, “laureato in Scienze e Tecnologie Multimediali presso l’Università degli Studi di Udine”, “esperto informatico” e “debunker”. Questo, almeno, quello che si ricava dalle prime sommarie informazioni che si ricevono quando si digita la stringa “David Puente” nel motore di ricerca di Google.

Fa parte del quadriumvirato di persone che facevano da consulenti a Laura Boldrini, quando era ancora Presidente della Camera, per lo smascheramento delle cosiddette “bufale”, o “fake news” che dir si voglia. Oggi, come gli altri tre suoi compagni di viaggio, vive una visibilità istituzionale decisamente più modesta ed isolata.

Quello del “debunker” è un mestiere che va molto di moda. Si tratta di ridare verità a quelle notizie che verità non hanno e ristabilire un principio di realtà dei fatti ch3e altrimenti sfuggirebbe al lettore più disattento, oppure più semplicemente più sprovveduto. Lodevole iniziativa. Per essere un debunker affidabile bisogna essere prima di tutto autorevoli. Non basta, cioè, che quello che si scrive a confutazione di una tesi o di una ipotesi sia vero in sé, bisogna anche essere delle persone credibili, perché se si prende il vizietto, come è già successo, di andare a fare le pulci ai giornali nazionali con maggiore e più ampia diffusione perfino sugli errori di ortografia, poi non ci si può permettere il lusso di sbagliare un verbo in francese dichiarando al contempo un titolo di studio come quello del “diploma in lingue”. E’ già successo e succederà di nuovo. Questo blog è qui anche per segnalarlo (ma non solo).

Ebbene, David Puente, nel suo blog, come vedete nello screenshot, ha “sbugiardato” la paternità di un intervento su Facebook a nome di tal “Matteo Salvini”, che a corredo del suo testo, in cui parla del valore degli anziani nella società italiana attuale, ha messo una foto di Pietro Pacciani, segnalandolo, o dando per scontato che la gente lo valutasse come un umile e innocuo vecchietto, di cui poter andare orgogliosi nelle feste comandate, con cui bere un bicchier di vino o condividere il piacere di una partita a briscola. Puente chiarisce dunque che quel post non proviene da Matteo Salvini quello vero, ma da un account omonimo che non ha il bollino blu (ormai su Facebook ci trattano come le banane Chiquita) e che ha un numero di “like” decisamente basso per trattarsi di un personaggio così popolare.
Solo che nel dirlo, si lascia scappare quanto seque:

Da un bel po’ vedo condiviso lo screenshot di questo post Facebook dove Matteo Salvini avrebbe condiviso la foto di Pacciani (il mostro di Firenze) con evidente apprezzamento:

Dunque, secondo Puente, Pietro Pacciani sarebbe il mostro di Firenze.
Ora, c’è un problema. Non esiste nessuna sentenza definitiva passata in giudicato che stabilisca la responsabilità penale di Pacciani in ordine ai reati che gli sono stati contestati.
Il processo di primo grado finì con una condanna, quello di appello con una assoluzione, poi ci fu il giudizio di Cassazione che rimandò il tutto a un secondo processo di appello da celebrarsi in presenza di alcune testimonianze non acquisite nel procedimento precedente. Ma quel secondo giudizio di appello (che avrebbe dovuto essere confermato, se mai, da un altro secondo e definitivo giudizio di Cassazione) non si celebrò mai per il semplice fatto che Pacciani morì. La morte del presunto “reo” estingue il reato, quindi la colpevolezza di Pacciani resta ancora avvolta nel limbo. Secondo la nostra Costituzione ognuno è innocente fino a sentenza definitiva; la sentenza definitiva non c’è e quindi non si può dire che Pacciani sia il mostro di Firenze. Puente lo dice e pazienza, si assumerà la sua brava responsabilità.

Ma al di là di questo, chi debunka i debunker? (Non guardate me!)

121 Views

La sconfitta a metà di Roberto Saviano

Io non so se sono io che sono pessimista e non so guardare all’essenza delle cose che considero quella di Saviano una sconfitta e anche sonora, o se è lui che, evidentemente più ottimista, dice trattarsi di una “Vittoria a metà”.

Fatto sta che ha intentato una causa di dimensioni enciclopediche per le minacce ricevute dalla criminalità organizzata e i boss dei Casalesi, Bidognetti e Iovine, sono stati assolti con formula piena. E’ stato solo condannato un avvocato, oltretutto a una pena risibile, un anno di reclusione e siamo sempre solo in primo grado. La sentenza, oltre che Saviano, riguarda anche la giornalista Rosaria Capacchione, oggi senatrice del PD, perché nel frattempo ha deciso di non farsi mancare nulla.

Ecco, a dirla tutta a me non sembra tutto questo gran risultato. Voglio dire, non è che c’è da gioire, sia pure a metà, con una sentenza di questo genere, e i “guappi di cartone” saranno anche tali, ma intanto sono stati assolti, sintomo di una impunità che in Italia premia sempre. E di processi-montagna che partoriscono condanne-topolino. Poi, soprattutto, titoli sui giornali a piovere, chè non si dica mai d’aver perso un’opportunità per strillare ai quattro venti che Saviano ha vinto a metà.

62 Views

Errani humanum est

Vasco Errani è stato condannato a un anno per falso ideologico.

Si è dimesso “immediatamente”. Cioè alla fine del giudizio di secondo grado.

Dopo le sue dimissioni ha avuto intorno il corteo dei boy-scout che lo pregavano di restare al suo posto di “governatore” (bruttissima e insignificante parola per denominare un più semplice “presidente”) dell’Emilia Romagna -mentre il sindaco di Venezia per un avviso di garanzia è stato subito liquidato, sempre grazie alle contropressioni degli stessi boy-scout di cui sopra- ma lui si è appellato al suo senso dello Stato.

Lo stesso senso dello Stato che aveva dimostrato Nichi Vendola quando annunciò che si sarebbe fatto da parte in caso di condanna. E bisogna dire a parziale favore di Errani che anche lui era stato assolto in primo grado.

Ma dimettersi al momento del rinvio a giudizio non si può?? Quando si dice di voler affrontare da comune cittadino un procedimento penale a proprio carico non ci si può dimettere solo “in caso” di condanna. Errani è rimasto attaccato alla poltrona per tutto il tempo che è stato necessario per l’avviso di garanzia, l’udienza preliminare, il rinvio a giudizio, il primo grado, il secondo grado e che miseria. Oltretutto per fatti che risulterebbero in qualche modo connaturati alla propria funzione (sarebbe più da capire se avesse obliterato un biglietto usato cancellandone il timbro con la gomma).

Confida nella Cassazione? Va benissimo. Ma intanto l’Emilia Romagna va a votare. Ed è sempre troppo tardi.

68 Views

La bella addormentata nei Boschi

E allora il Ministro per i Rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi ha stabilito, in Parlamento, che per il momento “Il governo non chiede dimissioni di ministri o sottosegretari sulla base di un avviso di garanzia.

Ecco qua, voilà, c’est l’unique question, come scriveva Albert Camus ne “Lo straniero”.

“Abbiamo giurato sulla Costituzione, che contempla il principio fondamentale della presunzione di innocenza; l’avviso di garanzia è un atto dovuto a tutela dell’indagato e non una anticipazione della condanna.

Lo sapete qual è il grande difetto di questo tipo di ragionamento? Che non fa una grinza. Perché è vero che la Costituzione prevede la presunzione di innocenza fino a sentenza definitiva passata in giudicato (e, quindi, non è il solo avviso di garanzia a non costituire prova di colpevolezza, ma, a questo punto, neanche il rinvio a giudizio, neanche la sentenza di primo grado, neanche la sentenza di secondo grado). E’ sacrosanto che l’informazione di garanzia non costituisce alcuna anticipazione di condanna (e ci mancherebbe solo che fosse così!). Sì, sì, è proprio così.

Però una grinza la fa: un insegnante può ricevere un avviso di garanzia in cui gli si contestano reati sessuali nei confronti di minori. Per la Costituzione non è colpevole, ma non per questo la gente continua a mandare i propri figli da quell’insegnante (“Vài, vài pure cara, c’è la presunzione di innocenza, non potrà farti niente!“), e quell’insegnante, se non proprio dopo l’avviso di garanzia, viene sospeso dal servizio in attesa che una sentenza chiarisca la sua colpevolezza o meno. Un insegnante.

“Rispettiamo la scelta del Pd”, dice Alfano. Quando “rispettare” vuol dire “non criticare”.

68 Views

Wikipedia e la diffamazione di Beppe Grillo contro Rita Levi Montalcini

Wikipedia è, probabilmente, uno dei contenitori più grandi di dati giudiziari riguardanti i VIP di qualunque tipo, provenienza e settore di appartenenza (pubblico, politico, dello spettacolo, della politica).

Si tratta sostanzialmente di cose di poco o pochissimo conto. Patteggiamenti, soprattutto, o condanne a pene particolarmente miti. Naturalmente ci sono anche le condanne a pene superiori. Del resto, cosa sarebbe la voce di Wikipedia dedicata a Wanna Marchi senza la maggior parte delle riche dedicate alla sua vicenda processuale?

Ci sono anche le assoluzioni. Così, se una persona vuole mettere da parte le imputazioni per le quali è stata portata davanti a un giudice da innocente, se le ritrova sulla enciclopedia più incomprensibile del web a beneficio dell’eternità. Basta pensare ai processi in cui il defunto Franco Califano è stato coinvolto, e di cui no potrà liberare l’immaginario della gente nemmeno adesso che non c’è più.

C’è una insistenza particolare, a volte, nelle voci di Wikipedia. Una volontà di sottolineare, anzi, di rimarcare in maniera sovrabbondante e ridondante che una persona non è esattamente pulita, che qualche sporcizia ce l’ha.

Riguardo al pregiudicato Beppe Grillo, sulla pagina di Wikipedia che lo riguarda apprendiamo che ha patteggiato una pena (quindi non si tratta di una condanna in senso stretto) per aver diffamato Rita Levi Montalcini. Wikipedia ce lo dice nella sezione “Cause e condanna per diffamazione


e nella sezione “Altri fatti controversi

Non si tratta di due fatti diversi. Si tratta dello stesso evento. Non ce ne sono “altri” (come per dire “ulteriori”, o anche “di diverso tipo”, oppure “dello stesso tipo ma con differenti dinamiche”).

Non se ne accorgono, non gliene importa. Ripetere un fatto non è renderlo più grave o più evidente, ma riempe ugualmente i vuoti redazionali.

Beppe-Grillo

107 Views

“Sono un deficiente!” Condannata la professoressa

Qualcuno mi ha chiesto che cosa io pensi della condanna definitiva, ormai passata in giudicato, inflitta dalla Corte di Cassazione a una docente di scuola media (scusate, io continuo a dire “scuola media” e non “scuola superiore di primo grado”) che aveva fatto scrivere cento volte a un alunno la frase “sono un deficiente” (però, pare, senza la “i”), per essersi approfittato della debolezza di un compagno di classe. In breve, per aver usato la prevaricazione e aver commesso un atto di cosiddetto “bullismo”.

Volevo tacere in merito, perché non mi diverto (più) a parlare di scuola. Ma di questa storia avevo già parlato nel 2006, quando la docente fu incriminata e, successivamente, quando arrivò la sentenza di primo grado in cui fu assolta dalle accuse.

In questi giorni la Cassazione ha definitivamente sentenziato che la professoressa è colpevole e condannata a 15 giorni di reclusione. Reclusione che non sconterà mai, potendo usufruire dell’indulto e, naturalmente, data l’esiguità della pena comminata, della sospensione condizionale della pena.

Si possono dire tante cose. Ad esempio ci si può chiedere quali siano gli strumenti che gli insegnanti hanno a disposizione per proteggere gli allievi più deboli dalle vessazioni dei prepotenti, di quelli che chiamano “Jonathan” un bambino solo perché ha atteggiamenti un po’ effemminati. Intanto, per esempio, non si obbliga il bulletto di turno a scrivere cento volte una frase che contiene un vero e proprio autoinsulto (anche se va detto che l’insegnante aveva precedentemente spiegato al bambino che “deficiente” è colui che è manchevole di qualcosa, ma dovrebbe spiegarlo anche al senso comune, che legge in questa parola un giudizio sulle sue facoltà mentali).

Voglio dire, si trovano altri metodi. Si può, burocraticamente, annotare sul registro e riferire tutto al dirigente. Magari per scritto. Poi, se il dirigente non convoca chi di dovere e le sanzioni non vengono applicate, a quel punto non è più colpa dell’insegnante.
Quella della “nota sul registro” è mera burocrazia, nient’altro che questo. Ma anche la burocrazia ha un suo perché, non è solo scartoffie. Perché è vero che i “provvedimenti” (soprattutto per un fatto così grave) non li prende certo il singolo docente, ma sono sempre affidati a un organo collegiale.

L’insegnante ha voluto fare un po’ di giustizia sommaria, applicare il principio dell'”occhio per occhio”, perché visto che un ragazzino debole era stato umiliato, allora che si umìli anche il bulletto. E non funziona così, che diàmine, non funziona così. Non funzionava così nemmeno ai tempi del codice di Hammurabi.

Intanto però l’insegnante, oggi 60enne, è andata in pensione. Ha evitato il procedimento disciplinare e un eventuale licenziamento e NON mi risulta sia stata interdetta dai pubblici uffici, circostanza di cui nessuno ha parlato. Si è detta amareggiata della sentenza, questo è umanamente comprensibile. Ma se fosse successo a un suo collega più giovane in età o in servizio le conseguenze avrebbero potuto essere ben più pesanti.

Questa vicenda non è la dimostrazione del fatto che i bulli hanno sempre ragione, ma, casomai, del fatto che gli atti di soverchiante prepotenza e di temporanea dimostrazione di chi detiene il potere non pagano, chiunque sia a metterli in atto.

E ora, per favore, parliamo d’altro.

119 Views

La professoressa se la fa con gli studentelli (e si becca 34 mesi!)

(screenshot da: www.corriere.it)

Le notizie hanno una tragica caratteristica: la gente se ne dimentica.

Appaiono sui giornali e quando non esiste più una sola goccia d’inchiostro su quel fatto, il fatto viene completamente infilato nel cestino di una memoria virtuale e collettiva che si riformatta a basso livello ogni giorno.

Della prof. molisana di matematica che aveva fatto quelle cosine lì ai suoi alunni di scuola media, come se fosse una cosa normale, non si ricorda più nessuno.
Tranne i magistrati, che le hanno schiaffato 2 anni e 10 mesi con il rito abbreviato.

Il che significa che se la signorina fosse stata giudicata col rito ordinario, la sua pena avrebbe di gran lunga superato i tre anni di reclusione.
Per cui, se la pena fosse passata in giudicato, questa precaria della docenza e del sesso minorile sarebbe andata dritta in galera, altro che affidamento in prova ai servizi sociali.

Non sappiamo nulla, però, delle pene accessorie. Non è dato di sapere se sia stata anche interdetta o meno dai pubblici uffici e per quanto tempo.

Perché magari si sono dimenticati di impedirle di continuare a far danni nella scuola pubblica.

80 Views