Liberazione e la grazia per Annamaria Franzoni

 247 total views



"Liberazione" si definisce "quotidiano comunista". Come il Manifesto.
Solo che di "comunista" ha solo una tinteggiatura di facciata. Come il Manifesto.

In questi giorni Liberazione si è fatta promotrice di un appello alla grazia per Annamaria Franzoni, indulgendo all’umana pietà per una mamma che non può vedere i propri figli.
Ci sarebbe da spiegare a Lorsignori che c’è anchce un bambino di tre anni che, per responsabilità riconosciuta della madre, una madre non può più averla. E neanche un padre, e neanche una vita.

Basta essere madri e si riesce a sovvertire qualunque tipo di diritto costituito e costituzionale.
Ammazzi il figlio? Ti diamo la grazia perché sei una madre, picchi tuo figlio o lo abbandoni in un cassonetto perché sei fuori di testa? Conta pure sull’umana comprensione di questi buonisti extraparlamentari, perché sei una mamma e solo per te la canzone vola.

Ci sono molti padri che per effetto della carcerazione non riescono a vedere i loro figli? Quello non importa. Come se non fosse un diritto per un bambino avere anche un padre (oltre che una madre rompicoglioni).

La vera Liberazione che si dovrebbe festeggiare è quella da questo giornalismo cialtrone e di maniera e dopo il catto-comunismo e il comunismo radicale ci mancava solo il comunismo franzoniano!