La dama bianca

E’ già diventata “la dama bianca” la neoarrestata Federica Gagliardi, accompagnatrice di Berlusconi al G8 di Toronto del 2010.

E’ una severissima ingiustizia giornalistica. La “dama bianca” quella vera, Giulia Occhini, compagna di Fausto Coppi, fu condannata a tre mesi di carcere per adulterio, cioè per amore.

La Gagliardi è stata beccata con 24 chili di cocaina (che è pur sempre una “dama bianca” anche quella, a suo modo) nel bagaglio a mano di un volo che, voglio dire, 24 chili di bagaglio a mano, ma che cazzo ci deve portare una persona sull’aereo?

C’è sempre questo becerismo di massa che gioca con le parole e riadatta maglie un po’ strettine della storia passata a quella presente, quando l’unica maglia da ricordare con la dama bianca era quella biancoceleste di un uomo solo al comando. Il suo nome era Fausto Coppi.

255 Views

La figlia di Beppe Grillo segnalata alla Prefettura per uso personale di sostanze stupefacenti

La figlia di Beppe Grillo, Luna, è stata fermata e pare abbia consegnato spontaneamente alle forze dell’ordine un quantitativo di cocaina per uso personale.

Per questo motivo, come d’obbligo, è stata segnalata in Prefettura come “consumatrice di sostanze stupefacenti”.

E’ una delle tante procedure da medioevo che abbiamo in Italia, e che non fa altro che dare pane ai denti dei giornalisti, quegli stessi giornalisti che rivendicano una stampa libera e indipendente (con i contributi pubblici!) e si indignano perché la Lega Nord ha fatto loro lo sgambetto sul decreto di riforma del reato di diffamazione.

E’ ovvio che l’attenzione è sviata. Si colpisce, mettendola sui giornali, la figlia di Beppe Grillo per insinuare qualcosa sul padre, come se padre e figlia fossero la stessa persona.

Ma quello che non si dice è che abbiamo un sistema giuridico e giudiziario al collasso per cui se detieni un certo quantitativo per uso personale di cocaina vieni segnalato alla Prefettura, fermo restando che non si tratta di un reato, mentre se fai un uso smodato di alcol, anche se ti fermano non vieni segnalato alla Prefettura come consumatore abituale di una sostanza stupefacente (non ci sono dubbi che l’alcol lo sia, viene segnalato sulla tabella ufficiale delle droghe dall’Organizzazione Mondiale della Sanità) e si aspetta che accada il danno irreparabile per poter prendere dei provvedimenti. Che so, che uno vada a schiantarsi contro qualcun altro e lo ammazzi.

Ma l’alcolismo non fa notizia come la figlia di Beppe Grillo. Perche’ se la figlia di Grillo tira di coca piu’ o meno abitualmente magari hai la possibilita’ di mettere in cattiva luce il padre, mentre se qualcuno beve non si ha la possibilita’ di sputtanare nessuno.

E’ l’informazione, bellezza.

73 Views