Laura Chiatti fa sesso dieci volte alla settimana

Reading Time: < 1 minute

I quotidiani e le testate giornalistiche on line hanno ripreso la notizia, ricavata da una intervista rilasciata a “Donna Moderna”, che Laura Chiatti fa sesso dieci volte alla settimana.

Sono quelle cose che uno, senza saperle, indubbiamente vive male e non sa dove andare a sbattere la testa. Ora, passi che una persona non sappia di quanti canti è composta la “Divina Commedia”. Passi anche che non conosca la formula della teoria della relatività di quello zuzzurellone di Einstein. Passi che non sappia come si chiama la capitale del Brasile o quali siano i poteri del Presidente della Repubblica, ma andare a dormire senza sapere quante volte alla settimana (dieci!!) Laura Chiatti si dedica alla sua vita sessuale, questo proprio è imperdonabile.

Meno male che ci hanno pensato i giornalisti a ricordarcelo. Ora, dieci volte alla settimana vuol dire, in media, due volte al giorno, ma a volte anche una sola. Chissà se sarà proprio oggi il turno dell'”una tantum”, guardate, se ci penso mi sento mancare…

La trasmissione di Celentano “non è buona”

Reading Time: < 1 minute

La trasmissione di Celentano è stata noiosa.
Somigliava più a un enorme contenitore promozionale di un disco che a una vera e propria trasmissione di denuncia o presunta tale. A cominciare da Carmen Consoli, prima ospite, tanto caruccia, per carità, ma canta con una voce da corrente alternata e scrive testi  che mi fanno venire il mal di testa, altro che lunghi e tormentati inverni dolenti e gelidi!Laura Chiatti ha interpretato l’unico personaggio in cui le è possibile calarsi, sé stessa.

Fazio sembrava stesse giocando a rimpiattino, Mogol e Gianni Bella parevano due scolaretti alla prima recita dell’asilo.

Il tutto in un contorno di studi di registrazione travestiti da cantinette stile baita degli anni ’70 con giovincelli che sembravano appena usciti da Comunione e Liberazione che suonavano la chitarra e battevano le mani al primo svolazzar di gonna.

Il tutto per dire che “Prodi è sulla strada giusta“. Ma non c’era bisogno di una trasmissione televisiva, ci bastava già l’atteggiamento di Dini sulla finanziaria!