A Castiglioncello “Il Filo di Paglia” di Daniela Quaglierini e Matteo Sardi

Reading Time: 2 minutes

castiglioncello

Lascio volentieri la penna a Daniela Quaglierini e Matteo Sardi, che da Castiglioncello mi rendono partecipe della loro iniziativa “IlFilodiPaglia”, che testimonia la vulcanica eruttività di idee e attenzione al prossimo di entrambi. Pubblico volentieri una presentazione della fattoria per bambini e mi pregio di invitarvi a seguire l’iniziativa, soprattutto se siete di Castiglioncello (e lo so che ho tanti lettori lì, per cui guardate di fare ammodino!)

Sta nascendo nella splendida cornice del Casale del Mare a Castiglioncello ed è una nuova realtà, unica nel suo genere sul territorio.

E’ la Fattoria Laboratorio IlFilodiPaglia.

IlFilodiPaglia è una vera fattoria, anche se sembra quasi dipinta, tra olivi e viti, che accoglierà degli inediti contadini: i bambini e ragazzi del luogo ed i giovani villeggianti estivi ed invernali.
“La nostra fattoria, che ha ricevuto proprio in questi giorni il Patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Rosignano Marittimo” – ci spiegano i due fondatori del progetto, Daniela Quaglierini (naturopata pediatrica, zooantropologa didattica, istruttore pony, docente e formatore scientifico) e Matteo Sardi (operatore zootecnico, zooantropologo didattico, istruttore pony e tiro con l’arco) – è un vero e proprio laboratorio, una fucìna di idee e lavori creativi tutti a tema naturale, in cui i ragazzi si troveranno ad essere i protagonisti dei tempi, luoghi, ritmi della campagna.”
Continua a leggere

Il senso di Baluganti Ampelio per un libro delle edizioni E/O

Reading Time: < 1 minute

Oggi me n’andai in escursione a Castiglioncello, ove m’incontrai col caro e immancabile Baluganti Ampelio, che viense (passato remoto!) a rendermi pariglia di visita (sì, perché ci vado sempre io a trovarlo nel mentre che sta in ciabatte a movimentare i poponi, e sarebbe anche l’ora ch’egli mòva un gocciolino il culo e s’approssimi vieppiù) insieme colla Regina Consorte Ofelia (o Argene, ora non rammento) che però sta sempre zitta, e l’Infanta Marusca, la quale porta ormai il quarantemmèzzo di piede. Durante l’incontro al vertice (o visitina) ebbi modo di recargli in dono d’ambasciata codesto volume pretioso et casto che il Baluganti va mostrando colla consapevole contentezza d’un bimbo che si balocca

mentre qui sopra lo si sbircia mentre isfoglia il pregiato incunabolo col suo consueto interesse per le cose belle.