Non Focaccia; non questi che m’ingombra

Reading Time: 2 minutes

C’è qualcosa che ancora non torna nell’intricata vicenda Cancellieri, e che mi spinge a tornarci sopra (del resto sono sul MIO blog e parlo un po’ di quello che mi pare, va bene??).

La Procura di Torino ha deciso di non contestare al Ministro della Giustizia alcun reato. Bene.
Gli atti saranno trasmessi, per un approfondimento, alla Procura di Roma. Bene.

Letta difende la Guardasigilli fino a che non ci saranno novità e la Guardasigilli non si dimette perché non ha commesso nessun reato. Male. Male assai.

Perché in Italia abbiamo l’assurda pretesa di far dimettere un politico -o un tecnico prestato alla politica, come nel caso della Cancellieri- SOLO se ha commesso un reato. E a volte nemmeno in quel caso.

Il fatto che il “penalmente rilevante” faccia la differenza è, di per sé, aberrante. Perché anche se non costituisce reato, il fatto che un ministro della giustizia abbia detto alla famiglia di una detenuta, sua conoscente ed amica, di disporre pure di lei per qualunque cosa, è e rimane un fatto grave che dovrebbe giustificare le dimissioni.

Il Ministro della Giustizia svolge le sue funzioni nei confronti di chiunque, non solo di quelli che gli chiedono di svolgerle in un certo modo.

Il Ministro della Giustizia è uguale per tutti. Se non sa garantire questa uguaglianza alla popolazione detenuta se ne deve andare. Non importa se abbia commesso un reato o meno.
Continua a leggere

Cancellierato

Reading Time: 3 minutes

Sull’ineffabile “Huffington Post” è apparso ieri un articolo di Luigi Manconi dal titolo “Difendo la Cancellieri dalla cultura del sospetto”.

Nobile intento. Peccato, però, che il sospetto sia una sensazione personale non suffragata da dati di fatti certi. Se un genitore ha il sospetto che suo figlio fumi deve quanto meno sgamargli sigarette e accendino. O sentirgli l’alito che sa di Monopòli di Stato. Non basta una sensazione.

E infatti quella che sta permeando l’aura del Ministro Cancellieri in queste ultime ore, rispetto al suo interessamento diretto per la salute di Giulia Ligresti, non è la cultura del sospetto. Esiste la registrazione di una telefonata la cui trascrizione è stata messa agli atti di un procedimento perché la destinataria era intercettata. Quindi non si sospetta proprio niente. Quello che è stato detto in quella occasione, dal “ti voglio bene” al “povero figlio” è certificato.

Lo scritto di Manconi, quindi, fa acqua fin dal titolo.

E tanto più quando afferma che “Di fronte a una detenuta che rifiuta di nutrirsi è buona prassi e indice di una elevata sensibilità istituzionale (e umana, il che non guasta) attivarsi per capirne le ragioni e verificare che non stia maturando una incompatibilità con lo stato di detenzione.” Ma senz’altro. Ma dovrebbe dirci Manconi quante volte, in tutti i casi (e non sono pochi) in cui un detenuto rifiuta di nutrirsi questa “buona prassi” e questa “sensibilità” vengono messe in atto dal Ministro della Giustizia in persona che chiama i familiari perché li conosce. La Cancellieri desidera esprimere la sua vicinanza alla famiglia Ligresti in un momento così difficile? Benissimo, prende il SUO telefono, in un momento in cui NON svolge il suo ruolo istituzionale e DA PRIVATO CITTADINO, se non commette reato, e non lo commette, chiama chi le pare. Ammetterà Manconi che l’interessamento del Guardasigilli in persona esula alquanto da quel concetto di “buona prassi” ch’egli invoca. Di un detenuto in stato di denutrizione si occuperanno i direttori delle carceri, i volontari, le guardie carcerarie, i magistrati di sorveglianza. Questa è la “prassi”, almeno quella ordinaria. Se poi quella del Ministro è anche “buona” non lo so.
Continua a leggere

Il ministro Cancellieri e gli scontri delle manifestazioni di Roma

Reading Time: 3 minutes
Screenshot da: corriere.it

Il Ministro Cancellieri ha fatto delle esternazioni che non sono sicuro di avere ben compreso.

Riguardano il materiale video e fotografico inerente gli scontri tra polizia e manifestanti a Roma e in altre citta’ italiane dove, c’e’ da dirlo, finalmente qualcuno scende in piazza perche’ non ne puo’ piu’. Certo, siamo sempre troppo pochi e sempre perennemente in ritardo rispetto agli altri paesi europei, Spagna in testa, in cui se una legge non va la gente riempe le piazze e le strade. Pero’… “algo es algo”, dicono gli spagnoli.

Svariati quotidiani hanno pubblicato delle foto in cui si vedono risultati di atteggiamenti e azioni non esattamente sempre condivisibili da parte delle forze dell’ordine nei confronti dei manifestanti.

La Cancellieri ha ribattuto: “Una foto è spesso l’effetto finale di qualcosa che magari si è svolto prima. Io porterei anche le foto del poliziotto cui hanno spaccato il casco in testa: foto per foto, parliamone.”

Va bene, dico io, parliamone.

Sì, una foto è l’effetto finale di un qualcosa che si è svolto prima. E quel qualcosa puo’ essere qualunque cosa. Puo’ essere il manifestante violento che spacca il casco a un poliziotto, certo. Nessuno dice che i manifestanti siano per forza tutti pacifici, o che tutti recitino il Santo Rosario dalla mattina alla sera e poi passino ai Vespri e alla Compieta.
Continua a leggere

Caso Aldrovandi: le sanzioni disciplinari vengono dal web

Reading Time: 2 minutes
La comunicazione ufficiale della Cancellieri sul caso Aldrovandi

Torno sulla dolorosissima vicenda dello stràscico del caso Aldrovandi, della condanna definitiva passata in giudicato con sentenza della Cassazione dei quattro poliziotti individuati come responsabili e della penosa e inutile sequela di insulti alla madre apparse su account Facebook facenti capo agli stessi condannati ai danni della madre di Federico.

Il Ministro dell’Interno Cancellieri ieri ha annunciato che sarà avviata una azione disciplinare “per sanzionare l’autore del gravissimo gesto”. E parla di Paolo Forlani. Il cui account Facebook, nel frattempo, è sparito.
Il comunicato, inoltre definisce “vergognose e gravemente offensive” le frasi messe in linea da due dei poliziotti condannati, all’indomani del giudizio di Cassazione. E il “gesto” non sono le percosse a seguito delle quali un ragazzo, affidato allo Stato perché fermato da una pattuglia, ma le frasi scritte in rete.

C’è qualcosa che non torna in tutto questo. Ovvero che l’azione disciplinare nei confronti degli autori delle frasi diffamatorie parta, per assurdo, per un (per ora) “supposto” reato, che non è stato giudicato neanche in primo grado.

In pratica, chi abbia materialmente scritto quelle frasi non viene sanzionato disciplinarmente per la certezza che si ha della sua condanna per un reato commesso durante l’esercizio delle proprie funzioni, ma per un fatto commesso da privato cittadino e per il quale risulta non esistere neanche un procedimento aperto (a parte la querela trasmessa alla Procura della Repubblica di Ferrara da parte della Signora Aldrovandi).
Continua a leggere