Blecua: un vino col nome da professore

Reading Time: 2 minutes

Trovare un vino che si chiama "Blecua" è ben più di una coincidenza, è una necessità, un obbligo, un "ça va sans dire".

Di José Manuel Blecua, indimenticato e indimenticabile maestro, con cui ho avuto la fortuna e il privilegio di studiare nei mesi che passai a Jaca come studente, vi ho già parlato in questo post:

http://tinyurl.com/mu784a

Certo, non basta a esaurire la grandezza della persona, ma è comunque curioso vedere come in un locale di degustazione vini e specialità locali esista un vino denominato "Blecua".

Mi piace pensare che sia in onore di questo grande luminare della letteratura spagnola, un uomo che aveva convertito la sua casa in un paradiso di libri, che aveva fatto del sorriso e dell’ironia un modo di essere. Lui, un vino col suo nome, lo avrebbe apprezzato molto, moltissimo.

La foto di José Manuel Blecua che amo di più è quella in cui lui (a sinistra) aggiusta la cravatta a Ernest Lluch, docente di economia a Valencia, Rettore dell’Università Menéndez y Pelayo a Santander, Ministro della Sanità Pubblica per quattro anni, sotto la presidenza di Felipe González e assassinato dall’ETA con due colpi di pistola in testa.

José Manuel Blecua Teijeiro: il Maestro è nell’anima, e in fondo all’anima per sempre resterà

Reading Time: 2 minutes



Ognuno di noi ha dei maestri.
Il mio si chiamava José Manuel Blecua Teijeiro, filologo, cattedratico di letteratura spagnola prima a Saragozza e poi a Barcellona.
E’ stato Membro Onorario della Real Academia de la Lengua.
L’elenco della sua produzione e delle sue edizioni critiche è sterminato.
Qualche imbecille su Wikipedia gli ha dedicato qualche riga, ma è sempre poco.
Era un uomo elegante, educato, sempre sorridente, che ispirava fiducia, tenerezza, confidenza.
Ha conosciuto praticamente tutto il mondo letterario spagnolo del ‘900.
E’ stato e rimane uno degli studiosi più entusiasti, fecondi ed autorevoli della Spagna del nostro tempo.
Non ha mai fatto gelosamente tesoro della sua infinita erudizione, della sua cultura sterimata, del suo modo di lavorare certosino e attento.
Era quello che si dice un gentiluomo.
Su Internet, che, ne sono convinto, non gli sarebbe piaciuta, si trovano poche sue fotografie.
Una di queste lo ritrae mentre aggiusta la cravatta a Ernest Lluch, professore di dottrine economiche presso l’Università di Barcellona, strenuo difensore di una scelta costituzionale al problema basco, ucciso il 21 novembre 2000. Non posso metterla in linea direttamente come vorrei, ma la trovate linkata a questo indirizzo.

Di José Manuel Blecua Teijeiro ho ritrovato alcune registrazioni del 1988, quando alla residenza estiva dell’Università di Saragozza parlava di poesia spagnola contemporanea.
Continua a leggere