Laura o della morte laica

Reading Time: 2 minutes
laura
Ritratto presunto di Laura, la donna amata dal Petrarca.

 

Laura è il nome convenzionale con cui chiameremo una ragazza belga di 24 anni.

Le piacciono il caffé, il teatro e la fotografia, ma soffre di una grave forma di depressione da sempre e morirà l’estate prossima. Ha deciso, e la giustizia del suo paese le ha dato ragione, di volerla fare finita con la sua intollerata e intollerabile sofferenza psichica.

Non che Laura non abbia provato a curarsi, si è perfino internata in un centro di cure psichiatriche, ma senza esito. Sono svariati i suoi tentativi di porre fine da sola alla propria vita, a quella che considera “una guerra quotidiana dal giorno in cui venni al mondo”. Adesso ha potuto accedere alle procedure per l’eutanasia (regolamentata in Belgio dal 2002) attraverso il parere unanime di tre medici che hanno certificato la sussistenza di una «sofferenza fisica e/o psichica costante, insopportabile e implacabile».

Al di là di questo, è Laura che ha e deve avere il diritto di porre fine alla sua esistenza se questa non è più degna di essere vissuta. E se sia degna o no, lo stabilisce lei per prima. Poi i medici e l’apparato giudiziario.

La morte, quella di Laura come quella di ciascuno di noi, è un qualcosa che non ha nulla a che vedere con qualunque senso di colpa o di religiosità. La morte è laica per definizione, così come laico deve esere lo stato che regolamenta l’accesso all’eutanasia, in modo che chi vuole andarsene lo faccia nel modo più dolce e indolore possibile.

E adesso non c’è più nulla da fare. Nessuno potrà fermare il meccanismo liberatorio e liberante che dovrebbe essere proprio di un qualsiasi stato di diritto (cioè non il nostro), anche se qualcuno ci sta provando. E’ il professor Wim Distelmans a dire che in Belgio il 3% delle persone che in Belgio accedono all’eutanasia in un anno sono sofferenti di gravi disturbi psichiatrici.

Ora c’è solo da lasciarla andare.

 

408 grammi di diritti costituzionali

Reading Time: 2 minutes

 

L’articolo 15 della Costituzione recita:
“La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili.

La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dell’Autorità giudiziaria con le garanzie stabilite dalla legge.”
Quella della corrispondenza, dunque, è una libertà fondamentale, riconosciuta dal nostro ordinamento giuridico.

Siamo liberi di comunicare. E in ossequio a questa libertà oggi mi sono recato alla filiale locale delle Poste per far affrancare (ossia, “rendere franco da vincoli economici”) un invio per il Belgio del peso di 408 grammi. Cosa ci fosse dentro sono inviolabilmente cazzi miei.

Ho fatto la mia brava fila (una sola persona davanti, tempo di attesa 20 minuti) durante la quale alemno quattro persone sono entrate nello stanzino delle informazioni finanziarie a chiedere lumi su investimenti in denaro, sul rendimento dei “Bòtti” (i BOT), e su quello dei “Buoni” (s’intende fruttiferi).

Altri, sempre in quei 20 minuti, si sono accodati alle casse per pagare i bollettini: 3 casse aperte per pagamenti e prelievi (i primi si pagano!) e un solo sportello per raccomandate, francobolli e affrancature. In breve, per un esercitare un diritto costituzionale il rapporto è di 3 a 1.

Certo, esiste il catalogo di PosteShop dal quale è possibile ordinare ottimi libri per la nostra edificazione personale, come un certo “Belle anime porche” di Francesca Ferrando oppure oggetti imprescindibili per il vivere quotidiano come un regolabarba con lama in lega d’acciaio.

Ma io non lo voglio un regolabarba. Non lo voglio dalle Poste. Lo vendono i negozi di elettrodomestici, i supermercati, gli ipermercati. Non voglio trovare quelle cose lì al mio ufficio postale, e non voglio nemmeno essere una bella anima porca (perché bello non lo sono mai stato).

Voglio qualcuno che mi dica “Buongiorno, cosa posso fare per Lei?” e non che mi faccia “Doveva compilare il cedolino della raccomandata” (che loro NON mettono a disposizione) oppure “Non si è portato neanche una penna?” (no, perché, dovevo??).

Voglio che mi ridiano quello per cui sono nate: garantire a tutti i cittadini l’esercizio di un diritto costituzionale. Ma l’invio per il Belgio costa 9,50 euro e senza ricevuta. Vada, vada…

L’Italia dei Valori (ennesima non opposizione) e il disastro di www.italiadeivalori.be

Reading Time: 2 minutes

Va bene, ho votato "Italia dei Valori" alle ultime elezioni europee e questo non è un mistero per nessuno.

La prossima volta annullerò la scheda. O, semplicemente non andrò a votare.

Perché non posso credere che questa "unica opposizione" sia talmente credulona da pensare che il problema della pubblicazione delle intercettazioni si possa risolvere semplicemente con l’acquisto di domini e spazi web all’estero, come se l’azione del pubblicare dall’Italia e, quindi, di "spedire" dei contenuti oltre frontiera non fosse già di per sé l’illecito che la legge vuol far passare nel nostro sistema giuridico.

Non ci posso credere invece devo arrendermi.

Devo arrendermi all’evidenza che questa gente tutta internet e informazione cada miserevolmente su un concetto così semplice come quello che prevede che se risiedi all’estero e sei all’estero mentre pubblichi una intercettazione sul tuo sito estero, la cosa è legale, mentre se produci un contenuto in Italia e sei il responsabile italiano di un dominio detenuto all’estero (sì, carcerato) rispondi alla legge italiana lo stesso. Come glielo andiamo a spiegare che se si compra un dominio, ad esempio, .cn (Cina) poi non è detto che quel server sia residente per forza in Cina, anzi, magari si trova negli Stati Uniti e che se immetti in rete dei contenuti dall’Italia che vìolino le leggi statunitensi poi ti fanno un culo così?

Nulla da fare. Hanno comprato il dominio

http://www.italiadeivalori.be

No, dico, in Belgio, vi rendete conto?? Ci sono migliaia di estensioni in Internet, ma proprio il Belgio… Transeat!

Come se non bastasse, su www.antoniodipietro.it si legge testualmente:

"Inoltre, quando verremo a conoscenza di queste intercettazioni, le faremo leggere in Parlamento dai nostri deputati e senatori, in modo tale che abbiano validità di atto pubblico e possano così essere diffuse sul web."

Cioè, fatemi capire… quando venite a conoscenza di intercettazioni (cioè di un atto pubblico, pubblicamente disponibile alle parti in causa) le leggerete in auta a Montecitorio e a Palazzo Madama perché così poi diventano pubbliche (un atto pubblico che diventa pubblico) e la gente può poi pubblicarle anche se erano già pubbliche prima??

Cazzo, è roba da non credersi.

Da quando mi insegnavano gli insiemi alle elementari ho sempre saputo che se A appartiene a B e B appartiene a C allora A appartiene a C. E B che cazzo c’entra?

Se un documento è pubblico all’origine (A) sarà pubblico anche nel suo uso finale (C).

Ma se il docomento è pubblico ma non pubblicabile (A) non lo sarà nemmeno l’uso finale (C).

E secondo voi dopo la "purificazione" della lettura in aula (come si leggeva la Bibbia nelle sinagoghe) blogger, giornalisti, radio e tv potranno pubblicarle a loro volta liberamente? Ma neanche per sogno. Il blogger si vede arrivare la finanza in casa e chiude per soggiorno obbligato a Sing-Sing, una bella abbronzaturina a scacchi e viandare.

L’ennesima non opposizione si è mossa.