Montante & Contante

Io sono profondamente contrario all’uso generalizzato dei pagamenti elettronici (mediante bancomat o carta di credito) a discapito del contante. Almeno per importi molto piccoli e quotidiani. Come il caffè al bar, il giornale in edicola, il pranzo al fast food, la ricarica telefonica, la spesa al supermercato, la prestazione del barbiere, le sigarette dal tabaccaio, l’ordinazione su Amazon.
Al commerciante la transazione elettronica COSTA (la banca che gli concede il POS si trattiene una percentuale sul prezzo finale del prodotto) e potrebbe “caricare” questo costo sull’utente finale con conseguente aumento dei prezzi.
Ma, soprattutto, il contante è sinonimo di anonimato, e l’anonimato è un valore. Perché dovrei lasciare una traccia elettronica solo perché scelgo di bere un caffè nel bar Tale piuttosto che nel bar Talaltro? Per non parlare della spesa al supermercato, in cui il pagamento elettronico è relazionato all’emissione di uno scontrino numerato in cui viene dettagliato tutto ciò che compro, nei minimi particolari (perfino l’etto di prosciutto del banco della salumeria riporta l’origine: San Daniele, Parma, toscano, nostrano etc…). Si avrebbe così un ulteriore mezzo per profilare i gusti e le abitudini dell’utente, le banche avrebbero una base di dati formidabile, compresi i dati sensibili (il sistema del pagamento elettronico incrociato con lo scontrino funziona anche per le farmacie, per cui sarebbe relativamente semplice verificare se quel giorno, con quel pagamento, ho comprato una scatola di profilattici, piuttosto che un antipressivo triciclico, piuttosto che un’Aspirina, anzi, per le farmacie il database si amplia ulteriormente perché lo scontrino è deducibile dalla dichiarazione dei redditi, e il cerchio della tracciabilità si allarga).
Perché non posso acquistare un’automobile in contanti? Cos’hanno i miei soldi, puzzano? Si presume forse che provengano da attività illecite? Se è così bisogna dimostrarlo. Se non lo si dimostra non vedo perché negarmi il diritto di pagare cash.
Dice: ma c’è da combattere l’evasione fiscale. Senz’altro. Ma perché i cittadini dovrebbero essere obbligati a pagare anche cifre ridicole con un dispositivo elettronico SOLO perché lo stato non riesce a mettere una pezza alla piaga dilagante dell’evasione, magari con leggi estremamente più severe (rendiamoci conto che per un reato ridicolo come la diffamazione sono ancora previsti tre anni di carcere, mentre per le piccole evasioni fiscali non è prevista nessuna sanzione detentiva e se diffami una persona crei un danno SOLO a quella persona, mentre se evadi il fisco crei un danno a tutta la comunità) e controlli incrociati più capillari. Gli strumenti, ancorché a volte inadeguati, ci sono. Si tratta di usarli. Il mio bancomat non fermerà di certo le mafie, il flusso immenso di soldi neri della criminalità organizzata, ma neanche il malcostume spicciolo del dentista che ti dice che ti fa il lavoro a 300 euro senza fattura e a 400 con la fattura (e beati voi se spendete solo 400 euro dal dentista!). Ma, soprattutto, davanti al pericolo dell’eccessiva profilazione dell’utente finale, rivendico il mio diritto a pagare in contanti e a sparire, anziché far parte di un numero indefinito di dati a disposizione dei poteri forti.

260 Views

Anonimato bislacco

L’altro giorno c’è stato un accesso stravagante sul mio classicistranieri.com.

E’ un signore che ha utilizzato un link anonimo per cercare di nascondere i suoi dati. Nulla di male, lo può fare. Anche se non vedo cosa ci sia da nascondere se si naviga in un sito che offre cultura. Certo, oggigiorno la cultura è una cosa da cui bisogna vergognarsi, quindi è meglio che non si sappia troppo in giro.

Ma la cosa curiosa è che di questo signore si sa che si è collegato da Mestre (Ve), che ha usato un Mac con sistema operativo Safari.

Alla faccia dell’anonimato (che è qualcosa di molto, molto più serio)!

107 Views

Il decreto-frittella anti-femminicidio

Il decreto anti-femminicidio è nato, e come tutte le cose un po’ fighttòfile, lo si annuncia, debitamente, su Twitter.

Lo hanno chiamato proprio così, “anti-femminicidio”. C’è l’antipulci, l’antizanzare, l’antitetanica, l’antivipera (questa parola è bella, si è anti l’animale e non anti l’effetto del suo veleno). Ora c’è l’anti-femminicidio. E l’eliminazione del trattino è solo questione di tempo e di uso della parola.

Non è una cosa che una donna se lo spruzza addosso e non viene più picchiata e violentata fino alla morte dal marito, dal compagno, dal fidanzato o dal padre (perché se le càpita per colpa dello spacciatorello di turno, come nel caso di una giovane di Castagneto Carducci, quello non è femminicidio??). Non ci si inietta una dose di anti-femminicidio per fermare gli effetti di queste violenze e, eventualmente, ritornare in vita. No, non è così che funziona.

Decreto profondamente deludente. Assolutamente mancante di punti di appoggio seri e convincenti.

Intanto c’è da chiedersi se sia stato effettivamente e chiaramente definito il reato di femminicidio. Se esista, cioè, al di là di ogni ragionevole dubbio, una condotta che venga definita “femminicidio”. E, eventualmente, in che cosa differisca il “femminicidio” dall’omicidio tradizionale. Perché una donna uccisa dal marito perché lo voleva lasciare sia diversa da una donna presa a fucilate da uno sconosciuto. Sono domande a cui il governo (che NON è il legislatore, ma che a lui, in questo caso, si sostituisce) DEVE dare una risposta. Risposta che non c’è.

Ci sono, però, i provvedimenti.

a) Querela irrevocabile. Vuol dire che una volta presentata una querela, questa non può più essere rimessa, ovvero ritirata, e continuerà a produrre effetti sia che la vittima continui a volerlo o no.
Quella di presentare querela, oltre che una facoltà è un diritto. A cui, certamente, si può rinunciare. Io posso denunciare per diffamazione uno che mi ha offeso, magari perché in quel giorno ero arrabbiato, basta che lui mi abbia diffamato davvero. Poi, magari, con il tempo, il tipo mi chiede scusa, io mi convinco che forse ho un po’ esagerato, abbiamo fatto pace, magari è nata anche una bella amicizia, e io DEVO poter rinunciare a quel diritto che ho esercitato, se questa è la mia intenzione.
Chi querela per “femminicidio” è in genere una donna che ha subito delle violenze atroci. Ma, allora, non si capisce perché chiamare “femminicidio” il reato o i reati per cui si procede, visto che la donna è ancora viva. Saranno molestie, percosse, violenze sessuali o meno, lesioni più o meno gravi. Ma la donna è viva, tant’è che propone querela. E vogliamo toglierle non solo il diritto di ritirarla, ma anche il diritto di avere paura. Per sé, e per i propri figli. E, eventualmente, di proteggere la sua persona e quella dei suoi cari. Perché lo stronzo quando è querelato minaccia. Se sa che la donna non può più ritirare nulla, allora si sente perduto, e chi non ha più nulla da perdere non ci pensa due volte ad andare fino in fondo.
Sarebbe bastato rendere perseguibili di ufficio e non più a querela di parte quei tanti reati connessi con il maltrattamento. Ad esempio le lesioni con prognosi inferiori ai venti giorni. Perché non è che lo stronzo, se ti fa un occhio nero guaribile in 15 giorni ti ha fatto qualcosa di bello e di piacevole.
Oppure l’obbligo per il medico curante, per il pronto soccorso, per gli assistenti sociali di segnalare alla magistratura quello di cui vengono a conoscenza durante il loro lavoro.
Oppure poter esercitare l’azione penale anche su denuncia (scritta e sottoscritta) di una persona che non sia necessariamente la diretta interessata ma magari qualcuno che le sta vicino (genitori, parenti stretti, un’amica, il parroco).
Perché una donna che non può ritirare una querela, dove la mandi? A lavorare, dico, ammesso che lavori. A far istruire i propri figli, a rifarsi una vita per proteggerla dallo stronzo di cui sopra che non ha nulla da perdere??

b) Se alla violenza assiste un minore la pena è aumentata di un terzo. La presenza del minore deve essere dimostrata in giudizio, ed è l’accusa che la deve dimostrare. Alla difesa basterebbe poter dire “no, no, il bambino era a letto, dormiva e non ha visto nulla”. Vale il sì dell’accusa come il no della difesa, in mancanza di prove valide e sufficientemente solide.
Guardiamo il reato di percosse. L’art. 581 del Codice Penale stabilisce che:
“Chiunque percuote taluno, se dal fatto non deriva una malattia nel corpo o nella mente, è punito, a querela della persona offesa con la reclusione fino a sei mesi o con la multa fino a euro 309. Tale disposizione non si applica quando la legge considera la violenza come elemento costitutivo o come circostanza aggravante di un altro reato.
Cioè, io ti meno davanti a un minore, ma se tu non subisci nessuna “malattia nel corpo” (se, ad esempio, mi limito a darti degli schiaffettini superficiali, che non lasciano lividi, magari anche così, per stuzzicarti un po’) io posso essere condannato con la reclusione fino a sei mesi (a meno che i miei schiaffettini non facciano parte di un disegno più ampio e di un delitto maggiore) aumentati di un terzo. Questo se il giudice è talmente rigido da applicare il massimo della pena. O se gli schiaffettini erano continuati nel tempo e il fatto era di particolare gravità.
Se la pena base dovesse essere di tre mesi (metà del massimo) l’aggravante del minore si annullerebbe con la concessione delle attenuanti generiche, e lo stronzo schiaffeggiatore stavolta se ne tornerebbe con una condanna a tre mesi (o a quattro se il reato è continuato), condizionale assicurata, e se patteggia il rito gli consente uno sconto maggiore.
E’ un caso limite, ma è molto esemplificativo. Ah, naturalmente il tutto è perseguibile a querela di parte, ci mancherebbe altro.

c) Il diritto al gratuito patrocinio per le vittime di violenza. Ma non è un istituto che è sempre esistito? Dove sarebbe la novità?? Chi non può permettersi un avvocato deve poter accedere alla giustizia a spese dello stato sia che sia una vittima sia che si tratti di un imputato e debba esercitare una difesa. Lo sanno anche i muri. E in che cosa consisterebbe la grande novità introdotta da questo punto? Non è ancora chiaro.

d) Anonimato. Riferisce Alfano: “da oggi di dà la possibilità a chi sente o sa di una violenza in corso di telefonare alle forze di polizia non anonimamente, ma dando nome e cognome: a mantenere anonimato e protezione ci pensa lo Stato. Si può quindi intervenire su denunce fatte da terzi soggetti, magari il vicino di casa che ha sentito delle urla”
Allora, se io devo dare il mio nome e cognome, o, comunque, declinare le mie generalità alla polizia a cui telefono per riferire di una violenza in atto, NON SONO anonimo. Sono sempre identificabile dall’autorità giudiziaria. Magari lo stato provvederà a mascherare i miei dati agli occhi del presunto colpevole e della vittima, ma se vengo chiamato in un pubblico processo a testimoniare e a riferire che sì, ho sentito dei rumori e delle liti quella sera, poi difesa e parte civile le mie generalità le vogliono. E questo non è anonimato. E le “denunce fatte da terzi soggetti” non è che vanno firmate? Da quando in qua le forze dell’ordine si muovono sulla base di un signor X che riferisce di essere il signor Y e che dice che il signor Z sta picchiando la moglie??? Non esiste più la responsabilità di chi scrive?

Laura Boldrini esulta: “#Femminicidio, violenza contro le donne, #stalking: bene il decreto del #governo, segno di nuova consapevolezza” (su Twitter, naturalmente!)

Tolgono i diritti alle donne e la chiamano “consapevolezza”.

73 Views

Severgnini, l’anonimato e gli pseudonimi



Di Beppe Severgnini ho già parlato, en passant, qualche mese fa.
Non ho assolutamente nulla contro di lui, lo considero uno scrittore ed opinionista leggero, ideale e divertente da leggere in aereo per passare quelle due o tre ore da Roma a Dublino (o Londra, O Berlino, o Parigi, O Budapest, o…) e/o viceversa, giusto per distrarsi dalla tensione che ci prende quando siamo in quota e che ci fa aggrappare alla moquette dell’aereo direttamente con le dita dei piedi. Quei libri comprati nelle librerie internazionali degli aeroporti di tutti il mondo, e di cui poi regolarmente ci dimentichiamo con un sorriso assieme al nostro carico di souvenirs, carte d’imbarco scadute, passaporti da rimettere a posto, calzini sporchi da lavare, e una scheda da 2 Gb di foto che avremmo voluto far vedere ai nostri amici di Facebook.
E, comunque, quella di Servergnini è una letteratura di "genere", da gentleman d’antan, da ritrattista dei vizi e costumi degli italiani, e mi va anche bene, ma recentemente ha scritto un articolo sull’anonimato in rete (1) che mi ha lasciato alquanto interdetto, dal titolo "Blog, forum o gorillaio (abbasso l’anonimato!)". Evviva, almeno fin dal titolo sappiamo come la pensa Severgnini e possiamo decidere se andare avanti nella lettura o meno.

Scrive il Nostro:
"La questione è quella dell’anonimato. E’ stato detto e scritto, anche da parte di persone informate e perbene, che rappresenta la libertà. Non sono sicuro di questa equivalenza, in una società aperta. Temo possa diventare, invece, un invito all’irresponsabilità e una copertura per l’ignavia; a lungo andare, la ricetta per l’irrilevanza. Non sapere chi dice una cosa rende questa cosa meno interessante: non viviamo dentro un romanzo di Sciascia."

Ora, l’affermazione secondo cui non si vive dentro un romanzo di Sciascia mi pare facilmente confutabile. Di uomini, mezzi uomini, ominicchi e quaqquaraqquà è pieno il mondo e Severgnini è troppo intelligente per non essersene accorto. Chiaramente è una captatio benevolentiae.
L’anonimato, in rete e non, sicuramente rappresenta la libertà anche in una società aperta. Si va dalla libertà di non indicare il mittente in una lettera alla fidanzatina per paura che la mamma di lei ci sgàmi alla libertà di fare squilli anonimi con il #31# premesso al numero di telefono dell’amante per evitare che la sgàmi il marito e la corchi di mazzate. Sono solo due degli usi (il primo è un po’ romantico e assai rétro, lo ammetto…) più diffusi e quotidiani di anonimato.
Ci possono essere migliaia di motivi per cui uno decide di restare anonimo, e possono essere tutti legittimi e perfino di beneficio (se non altro per evitare le mazzate di cui sopra). Ma questo l’ho detto tante volte.

Poi, parlando del suo blog "Italians", ospitato dal Corriere on line, chiarisce:
"Da tre mesi abbiamo introdotto la possibilità di commentare le dieci lettere quotidiane (le migliori tra quelle che arrivano). Immediato successo (di numeri) e immediati problemi (di comportamento). Firmandosi Lettore 98765, Scarpette Rosse o VendicatoreBrianzolo – nomi di fantasia, non voglio gratificare gli esibizionisti – molti hanno preso a tempestare il blog di ripetuti, petulanti, lunghissimi, anonimi commenti."

Il problema di Severgnini non è, dunque, l’anonimato ma lo pseudonimato, di cui, si sa, la rete è piena.

Severgnini confonde un vezzo con un diritto. Il fatto che Internet sia piena di gente che pensa di potersi rendere invisibile firmandosi "Lambretta" o "Paciughina58", oppure ancora "SciurCumménda" (nomi anche i nostri di fantasia, e comunque, seguendo il ragionamento di Severgnini, di esibizionisti ne abbiamo molti, e gli spammer, grazie al cielo, non mancano…) , non significa che questo sia anonimato.
Scambiare l’anonimato per maleducazione, o pretesa di impunità, in rete è profondamente sbagliato. Perfino un blog scalcinato come questo registra gli indirizzi IP di tutti i commentatori. Scegliersi uno pseudonimo in rete è un po’ come pretendere di andare in giro con una macchina e non voler essere identificati dal numero di targa. Indignarsi per questo significa non sapere come funziona la rete. Non c’è nulla di male a non sapere come funziona la rete, e, certamente, nessuno è degno di critica solo per questo, ma le opinioni si agganciano sempre ad altre opinioni. Petulani? Noiose? Ripetute? E sia. Ma l’anonimato (ossia l’essere effettivamente irrintracciabili sulla rete) è ben altro. E’ quello che permette a chi vive o opera in regime di censura o di limitata libertà di informazione e comunicazione di non essere perseguito per quello che scrive. Severgnini potrebbe dire che lui ha parlato di chi vive in una "società aperta". Appunto. Sarà mica una
società aperta quella che ci mette al 77° posto nel mondo per libertà di informazione!


"Tra i compiti di un grande giornale, sono convinto, c’è anche quello di chiedere una piccola prova di educazione civica. E adesso, avanti: ditemi pure che sbaglio. Ma ditelo mettendoci nome e cognome."

Severgnini sbaglia. E io il mio nome e cognome sul mio blog ce l’ho sempre messo.
98 Views

Anonimato in rete: perche’ e’ un bene

Son debitore delle gratie al polisistèmico (1) Single a trent’anni il quale in uno de’ suoi commenti viciniori m’istiga, anzi, mi pùngola, come suol fare, a ragionar d’un tema che m’è caro, quello dell’anonimato (in rete o no) come diritto.

Ora però la smetto di fare l’imbecille perché il tema sollevato dal diverticolitico (2) è veramente serio.

Intendo per anonimato esattamente il diritto che ciascuno ha di non rendersi riconoscibile, e, quando possibile, irrintracciabile, in qualche modo, dal destinatario di un messaggio, o di una comunicazione scritta o telefonica.

E sì, lo ritengo un diritto. Inalienabile. La nostra Costituzione parla di libertà di corrispondenza (quindi di comunicazione) in questi termini:

La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili.
La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria con le garanzie stabilite dalla legge. [Art. 15]

Quindi non si parla solo di libertà di comunicare a chi si vuole ciò che si vuole, ma anche della segretezza di ciò che si comunica. Quindi anche del mittente delle comunicazioni.

Per "corrispondenza" si intende anche quella spedita in via telematica. E-mail, SMS e telefonate sono ugualmente protette  per effetto di una legge che è la 547/93 e che dice che per quello che riguarda le sanzioni stabilite dal Codice Penale:"Agli effetti delle disposizioni di questa sezione, per "corrispondenza" si intende quella epistolare, telegrafica, telefonica, informatica o telematica ovvero effettuata con ogni altra forma di comunicazione a distanza".

Lo so, son cose che dànno fastidio e provocano tremori e fortóri, ma è così.

L’anonimato è un concetto inscindibile dalla libertà di corrispondere.

Uno studente iraniano, o nordcoreano, o cinese, o cubano, o italiano, di qualsiasi altro paese in cui sia messa in serio pericolo la libertà di espressione, e nel quale rischi di dover scontare una pena per aver comunicato le sue opinioni, deve poter restare irrintracciabile.

Proprio perché il fatto di aver trasferito all’estero delle informazioni (ad esempio alla redazione di un giornale) lo espone a un rischio concreto e reale di limitazione della sua libertà.

Per questo esistono strumenti come, a puro titolo di esempio, i remailer anonimi che, uniti all’uso di un programma di crittografia forte come il PGP, rendono praticamente vano il tentativo di risalire al vero mittente di un messaggio.

Ora, quali sono i motivi che spingono una persona a non farsi riconoscere dal destinatario? I più disparati, naturalmente. Una persona potrebbe avere un/un’amante e voler comunicare con lui/lei in modo riservato e senza essere scoperto/a dal/la rispettivo/a coniuge. Sono cose molto delicate, e magari anche spiacevoli, ma in Italia non è un reato avere un/un’amante e, dunque, non lo può essere nemmeno corrisponderci per i fattacci propri. In un regime teocratico tradire la moglie o il marito potrebbe essere reato, epunito con una pena severissima. Per questo ritengo che sia un bene essere anonimi, perché non vorrei mai che un uomo o una donna fossero frustati a sangue solo perché sono innamorati di un altro/a. O solo perché si sono fatti una trombatina extra e si sono dati appuntamento nel tal luogo alla tale ora. Oppure si può scegliere l’anonimato perché si sta facendo qualcosa che non dovrebbe essere illegale (ad esempio rifiutarsi di denunciare un cittadino extracomunitario clandestino alle autorità) ma che lo è. O perché anche se non c’è nulla di male nell’inviare un mazzo di fiori al proprio avvocato (donna) io non voglio che il fattorino dell’Interflora sappia da chi riceve i fiori il mio avvocato (donna!). In particolare non voglio che sappia che li riceve da me. Così come non voglio che il postino o l’addetto alla distribuzione delle racomandate sappia chi è che scrive ai destinatari a cui consegna le lettere. Come tutti spedisco i miei auguri di Natale, ma non per questo metto il mittente sul cartoncino o sulla cartolina (lo so, non si scrive mai il mittente su una cartolina, ma perché, è proibito, forse??). Potrei aver bisogno di rispondere a un utente di un newsgroup, o di scrivere qualcosa su una bacheca pubblica e non volermi far riconoscere perché, si veda il caso, il punto è ciò che ho da dire, non chi sono ("che importa di me?")

Insomma, una persona può scegliere l’anonimato perché sono sacrosanti cazzi suoi. 

"Anonimato" significa irriconoscibilità o irrintracciabilità, non libertà di sfottimento e di rompere gli zebedèi al prossimo.  Certo, questo in linea di principio. Ma tra i principij e l’agire c’è una gran bella differenza. Sappiamo benissimo che una denuncia anonima non dovrebbe nemmno indurre la magistratura ad agire, ma spesso succede. Perché non è detto che una informazione, solo perché anonima, sia necessariamente falsa.

La gente ha paura dell’anonimato perché non si sa difendere. Già, ma perché bisognerebbe difendersi da un diritto? E, soprattutto, perché mai è necessario pretendere per noi quello che non siamo disposti a dare agli altri? Perché, parliamoci chiaro, il famoso #31# premesso a un numero di telefono perché non gli arrivi il numero del chiamante lo abbiamo usato tutti, prima o poi. Perché ci piace tanto vedere se quello risponde o no, per vedere se il telefono del destinatario è acceso (già, e perché ci interessa?) o perché, appunto, sono sacrosanti cazzi nostri.

Essere anonimi non significa usare uno pseudonimo (o "nickname"). Ma soprattutto non signica necessariamente commettere dei reati. I reati sono una cosa, e i diritti un’altra. Se una persona commette un reato credendosi irrintracciabile senza esserlo in realtà è un pirla. Se uno stato non è capace di proteggere i suoi cittadini dai reati che subiscono è uno stato che non ha nessuna credibilità.

Ma non si può negare ai cittadini il diritto di cercare la maggior protezione possibile della identità delle persone rispetto a quello che si ha da comunicare.

Quindi, non sono disposto a rinunciare all’anonimato solo perché qualcuno potrebbe utilizzarlo in un modo non del tutto ortodosso. Mi dispiace molto se una signorina viene trattata male anonimamente per via delle sue grazie o delle sue incontestabili abitudini sessuali, ma non è un buon motivo per togliere un diritto a miliardi di cittadini che, magari, lo usano per scopi leciti.

In una realtà in cui l’anonimato dovesse andare fuorilegge solo i fuorilegge avrebbero diritto all’anonimato.

Ed ecco perché non voglio una realtà senza anonimato, perché non voglio vivere tra i fuorilegge.

(1) Polisistèmico?

(2) Diverticolitico?

100 Views

Gabriella Carlucci contro l’anonimato in rete

articolo di Gaia Bottà

Per ora è solo un progetto di legge, il 2195, quello con cui l’onorevole Gabriella Carlucci (PDL) intende "assicurare la tutela della legalità nella rete Internet" delegando al Governo "l’istituzione di un apposito comitato presso l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni"; quello con cui si vorrebbe che ogni testo postato online potesse venire ricondotto ad un cittadino della rete, vietando di fatto la possibilità di esprimersi in maniera anonima. Continua la lettura di “Gabriella Carlucci contro l’anonimato in rete
82 Views

Cyberiade.it – Istruzioni per l’uso

—–BEGIN PGP SIGNED MESSAGE—–
Hash: SHA1


This independent remailer uses the Mixmaster remailer software. It is
highly recommended that you obtain a copy of the Mixmaster software to
utilize this remailer. This particular remailer may offer other means of
accessing the remailer service. If this remailer offers other means of
accessing the remailer service, the means will be described later in
this help file. However, only by using the Mixmaster client software
will you assure the highest level of security against third-parties
compromising your privacy. How to obtain the Mixmaster software:


Mixmaster source code for FreeBSD, Linux, other variants of UNIX, and
Win32:


If your operating system is a UNIX derivative, simply download and
compile the client from the source code available at


Mixmaster clients binaries for Win32 (Windows 98, NT, 2000, XP)


Win32 users may wish to try Jack B. Nymble, a graphical user interface
client implementing the mixmaster protocol. Jack B. Nymble is developed
independently of the main Mixmaster distribution. Please do not contact
the Mixmaster development team or the Administrator of the
Cyberiade.it Anonymous Remailer with questions about this software.
You can obtain a copy of Jack B. Nymble from


For more information about Mixmaster or to contribute to the development
of Mixmaster, please see the following URL’s:


Official Mixmaster Project Site:


General Information about Remailers and Remailer “how-to” Guides:




Locations of some Worldwide Remailers http://riot.eu.org/anon/remap.html


****


You can use PGP to encrypt messages sent to this remailer if you for
some reason are unable to use the Mixmaster client software. However,
while PGP will securely encrypt the content of a message that you are
sending to the remailer, submitting messages to the remailer that are
merely PGP encrypted without the use of the Mixmaster client software
greatly increases the risk of third parties being able to determine the
identity of the sender (you).


This remailer primarily supports the ability to submit messages for
remailing without requiring the Mixmaster client software for backwards
compatibility with older remailer client software.


If you are able to use the Mixmaster software with your operating system
(chances are you can), it is highly recommended that you use the
Mixmaster client software instead. See the earlier section in this help
file on how to obtain a copy of the Mixmaster client software.


If you cannot use the Mixmaster software, want to use an anonymous
remailer, and are willing to accept reduced security, you can do the
following:


Send email with Subject: remailer-key to
a copy of the remailer’s PGP key.


Then do the following:


1)create a file containing your message
2)insert a BLANK LINE as the first line of the file
3)Insert a “::” as the second line of the file
4)Insert “Anon-To: final_recipient@destination_domain.com” as the
third line of the file.


At this time, the file should look as follows:


==================================================================


::
Anon-To: final_recipient@destination_domain.com


This is some anonymized email.
==================================================================


5)Now encrypt the file with the PGP key of this remailer.


Finally, email the encrypted file to
shown in the example below.


The line “Encrypted: PGP” instructs the remailer to decrypt the message
and process its contents.


==================================================================
From: remailer_user@sender_domain.com
To: mixmaster@remailer.cyberiade.it
Subject: anonymous message


::
Encrypted: PGP


– —–BEGIN PGP MESSAGE—–
Version: 2.6.3i


owE1jMsNwjAUBH3gZMk9PClnUoBPUANpwElW2OBPZD8H0gd1UCP2gduuNDNfIcSH
T4zCbQmtlbzGFM9T0jSD7QVvEzaPcUlBSSWHQclbnR9YWJNp5BFSLdR9CijF3NGx
ybry/1Rsqn4la3a0JiIhLvnYGCu9HFtiC8oIxnlkeuIYe+EH =HgDq
– —–END PGP MESSAGE—–
==================================================================


Even though PGP encryption in itself is very secure, not using the
Mixmaster client exposes some information to parties desiring to
compromise your privacy. This information leakage permits what is known
as “traffic analysis”. For example, if someone receives anonymous
messages soon after you sent encrypted messages to a remailer it is
likely that you are the sender of those messages.


To partially compensate for this information leak, you can instruct the
remailer to delay your messages for some time or send the remailer empty
messages to make such analysis harder:


If you use the line “Null:” instead of “Anon-To:”, the remailer will
simply discard your message.


You can add a “Latent-Time:” header to the remailer to retain your
message for some time before forwarding it. “Latent-Time: +2:00” would
delay the message for two hours. You can use a random delay by adding
“r”, for example “Latent-Time: +5:00r” would delay the message for up to
five hours. For example:


==================================================================


::
Anon-To: final_recipient@destination_domain.com
Latent-Time: +2:00


This is some anonymized email.
==================================================================



You can chain remailers by using another remailer to send the message to


==================================================================


::
Anon-To: mixmaster@remailer.cyberiade.it


::
Encrypted: PGP


– —–BEGIN PGP MESSAGE—–
Version: 2.6.3i


owE1jMsNwjAUBH3gZMk9PClnUoBPUANpwElW2OBPZD8H0gd1UCP2gduuNDNfIcSH
T4zCbQmtlbzGFM9T0jSD7QVvEzaPcUlBSSWHQclbnR9YWJNp5BFSLdR9CijF3NGx
ybry/1Rsqn4la3a0JiIhLvnYGCu9HFtiC8oIxnlkeuIYe+EH =HgDq
– —–END PGP MESSAGE—–
==================================================================


Next, encrypt the message with the PGP key of the Cyberiade.it Anonymous Remailer
and send the twice-encrypted message to


Similar to a nested Russian matryoshka doll, containing increasingly
smaller dolls inside the each outer doll, you can layer multiple
encryption layers and remailer hops around your message. If this sounds
confusing, just use the Mixmaster client software instead.


If you send your messages through a chain of several independent
remailers, it will be become increasingly difficult, though not
necessarily impossible, to trace the anonymous message back to you. A
vastly more secure solution is to use the Mixmaster client software to
send your anonymous mail.


Some remailers supporting PGP encrypted messages offer pseudonymous
“nym” service that allow you to not only send emails privately, but also
receive emails without enabling the sender to determine your recipient
destination email address. For more information about such nym services,
see the following URLs.




*****



You can use this remailer to post messages to Usenet newsgroups. To send
a message to Usenet, insert the “Anon-post-to:” header as per the
examples below.


==================================================================
To: mixmaster@remailer.cyberiade.it


::
Anon-Post-To: alt.test,misc.test


##
Subject: An Anonymous Usenet Post


This message is anonymous.
===================================================================
When posting test messages, please use the appropriate test newsgroups such
as alt.test and misc.test.


The newsgroup alt.privacy.anon-server is not a test newsgroup. Please do
not use alt.privacy.anon-server for testing purposes.


To post a follow-up to a Usenet article, you must insert a “References:”
header.


Here is an example as to how to reply to a message that originally
contained the following headers:


==================================================================
Newsgroups: soc.rights.human
Subject: Re: Are you a witness of torture in West Africa?
Message-ID: <6643215551.110344173@news.newssender_domain.com>
References: <19990101182004.17714.qmail@nym.some_nymserver.com>
==================================================================


Your anonymous follow-up message should begin as follows. Note the
required blank line between the “To:” header and the double colon.


==================================================================
To mixmaster@remailer.cyberiade.it


::
Anon-Post-To: soc.rights.human


##
Subject: RE: Are you a witness of torture in West Africa?
References: 19990101182004.17714.qmail@nym.some_nymserver.com


Two weeks ago, soldiers came to our village. The soldiers all had
machine guns. Nobody in our village has any guns, since the police had
come by our village about a year ago and took away all of our guns to
protect us from bandits. There was nothing we could do to resist the
soldiers. The soldiers rounded up all the men, except young children and
the very old. Then the soldiers lead the men away from the village.
About half an hour later, we heard many shots in the distance. When we
went looking for our people, all men were dead. The soldiers had left.
The next day, they went to another village in the [. . .]
==================================================================
*****


Abuse Policy:


Unfortunately, there will always be a very small percentage of
individuals that choose to abuse the anonymity that this and similar
systems worldwide afford to send otherwise unwelcome email. The
Cyberiade.it Anonymous Remailer does not condone such messages, or their content,
in any way.


Just as the Post Office is unable to prevent abuse of the mail system as
long as there are public mailboxes into which a person can drop a letter
without including a return address, the Cyberiade.it Anonymous Remailer cannot preemptively
prevent irresponsible individuals from using this system to send
inappropriate messages. However, unlike the Post Office, this remailer
enables you to assure that you will not be inconvenienced by users of
this remailer in the future.


To block the users of this remailer from sending email to your address,
please send a message to
containing the line


destination-block youremail@youremail


anywhere in the body text of the email. You can simply reply to this
message using your email program and send back this entire message for
your current email address to be permanently blocked from users of the
Cyberiade.it Anonymous Remailer.


For additional information on this remailer’s abuse policy, instructions
on how to block more than one email address, and to reach the
Cyberiade.it Anonymous Remailer operator, please send
email to
Thank you for your interest in secure and private communications,


– – The Cyberiade.it Anonymous Remailer Administrator


—–BEGIN PGP SIGNATURE—–
Version: GnuPG v1.9.20 (GNU/Linux)


iQEVAwUBRJER5nCkr+X+kMzIAQLaXgf8DQ/QPoDZEiXwYAOWvQKbdq4yimcvP1CK
I4pwIjgnDuZ2lOHQggXetegsGbRWHWT+cg0V+72Yf4Bry/tTDqGoEaPJCzBJeBXo
lyH3Avgu+8FtLXo5C4rvxULdIFFhXL5XBNw9rGHQI/uh2C0uZkTKcUCOF2C8KV+j
LcrK8Y5mt4d8RUVDvvPuRjaFatvb+C+xRZz8HpZZOetyjlhRVBLBrrgiRYJ9znco
QuI/C7QPN6SQxHhH/tekjxW8ZlrOFqk1+NgCVkmKQ1XPbe6VWWMqn3b5i74ZNgTY
Vy9PHRez7rg+/CQXeAtvR3jopGoL+Zhpd6JIUjv5QZSNTMmZoDv+rA==
=PgV6
—–END PGP SIGNATURE—–
93 Views

Il remailer anonimo di Cyberiade.it

La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili.

La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria con le garanzie stabilite dalla legge.

Articolo 15 della Costituzione Italiana

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Omissis.

Articolo 21 della Costituzione Italiana

Cyberiade.it si impegna attivamente a difendere questi diritti, mettendo a disposizione del pubblico una serie di strumenti che permettono l’anonimato delle comunicazioni via Internet.

Attualmente sono attivi sui nostri servers i seguenti servizi:

Condizioni di utilizzo

L’utente dei suddetti servizi accetta inderogabilmente le seguenti condizioni:

  1. I servizi sono offerti gratuitamente, senza alcuna garanzia riguardo all’affidabilità dei servizi stessi. L’utente rinuncia a qualsiasi pretesa riguardo alla fruibilità effettiva del servizio e manleva il fornitore del servizio da qualsiasi richiesta di danni dovute ad eventuali inadempimenti o malfunzionamenti avvenuti durante l’espletamento dei suddetti servizi. In nessun caso il fornitore dei servizi potrà essere ritenuto responsabile per il mancato, parziale o scorretto adempimento dei servizi.
  2. Il fornitore dichiara che non viene effettuato alcun controllo preventivo sui contenuti delle comunicazioni trasmesse attraverso i suddetti servizi e che pertanto non può essere ritenuto responsabile della liceità di tali comunicazioni. Tale responsabilità è perciò affidata in modo completo all’utente mittente delle comunicazioni, il quale si impegna a rispettare la legislazione vigente.

L’utilizzo anche temporaneo dei servizi rende implicita l’accettazione delle suddette condizioni.

Le informazioni relative alla tutela della privacy sono disponibili qui.

Protezione dagli abusi

Sfortunatamente, ci sarà sempre una piccolissima percentuale di persone che scelgono di abusare dell’anonimato garantito da questo sistema (e da altri simili sparsi in tutto il pianeta) per inviare messaggi di posta elettronica che sarebbero altrimenti male accolti. Cyberiade.it non approva in alcun modo tali messaggi, nè il loro contenuto.

Come gli uffici postali non sono in grado di impedire l’abuso del sistema postale finchè esistono cassette postali pubbliche nelle quali chiunque può lasciare una lettera priva di indicazione del mittente, allo stesso modo Cyberiade.it non può impedire preventivamente alle persone di usare questo sistema per inviare messaggi inappropriati. Tuttavia, al contrario degli uffici postali, questo remailer ti consente di fare in modo di non essere più importunato dai suoi utenti.

Per impedire agli utenti di questo remailer di inviare posta al tuo indirizzo, invia un messaggio a mixmaster@remailer.cyberiade.it contenente la riga:

DESTINATION-BLOCK mioindirizzo@email

in un punto qualsiasi del corpo del messaggio.

Il tuo indirizzo di posta elettronica diventerà permanentemente bloccato per gli utenti di Cyberiade.it.

Per ulteriori informazioni sulla politica di questo remailer riguardo agli abusi, per avere istruzioni su come bloccare più di un indirizzo di posta elettronica o per contattare l’operatore di Cyberiade.it, scrivi a abuse@remailer.cyberiade.it.

Contattare l’operatore

Qualora desideri contattare l’amministratore del servizio per richiedere ulteriori informazioni, potete scrivere all’indirizzo remailer-admin@remailer.cyberiade.it.

E’ inoltre possibile utilizzare PGP per proteggere la segretezza e verificare l’autenticità delle comunicazioni con l’amministratore, utilizzando la sua chiave pubblica:

—–BEGIN PGP PUBLIC KEY BLOCK—–
Version: GnuPG v1.9.20 (GNU/Linux)

mQENBESQjVYBCAChO3W1Kt1izcTUVOuId9e2BYCqrFn/lbg9lf3TjLCcvmkCgaW5
G0hGMo8Np/sHexHNp2Plg8RiJrCzRC7jdM38gBRrLdcp/r1iflm3B+/PbAlHyYvM
iWRrRsp+TXglflbx9EeDf5DHYOiQKm1zR8Ta+B12Ybjij9i1dKMyTJtxsaH/28k5
UZus8kd1+uyz/RyfVTi5C78V9+rG7dFYdhTmeUHA0W2xZo25+GFiMvRR98RNT+zb
Eg8d6AKIKUO23etXRbf9ANfBQ3aAf75J49KF+IlOEWkqKARH3AW5rh0P7Mumejqe
LqG/R75AnfMYq0oBTijQvtBM5o5SwHje9joVABEBAAG0SkN5YmVyaWFkZS5pdCBS
ZW1haWxlciBBZG1pbmlzdHJhdG9yIDxyZW1haWxlci1hZG1pbkByZW1haWxlci5j
eWJlcmlhZGUuaXQ+iQEwBBMBAgAaBQJEkI1WAhsDAgsCAxUCAwMWAgECHgECF4AA
CgkQcKSv5f6QzMjrrgf/b2ijmBlgCSikpZnUw7Zidj69ub8X70clpHRVMIhiAjPS
Lss4mOu60cPONe8e2xWj8Ur8/RkU7Dit+mlWEa1n93M7iPUSoycTcQ48e4IErZTC
/7H4zIXSH+J9Ny54gllLPzpcTxZk7V61iOtihPkd/HataWIzT+2q2rFk/uyL83vO
JU5Eq9sXpcZXEcPzirxJUTKcxtCvf2++S/0MPCZK+CuX7HJ4dHJS6XMDnha94n0w
oF2i1/MDTlZRMWEM3wNcUwCGo+ueqtm7D6ik/ioBI6U8k0JFLDPc0w8ynLU7zoZ1
D57fahHeB4Am63w0QjEV2BLjFql9pjHrydDCexbeJrkBDQREkI63AQgAxr1gJzqp
AD69wbhEyPyJI4GD84NC0lyhmFlWSBxy+g30pWaLm1+fnrarMekKTkkzTg2GnDM/
SrMPTk7pn1753nZVQ1P3hOfmeiYRF1eUVWk/eCpL0o6yF7OtN6cULhrsc1bOQvmj
kgYFZX4S4nHtFDs8AH6A0FRPTAkwtisg5hHXX1vm2c/Z2AFk+ynV/kqlfQRX4AN+
zKuqFu6PAoXBoeuWxv9GRUTicutgpE3Tq/pUFQ4tbRCXIif9X/dk8+fWDnn8GDhd
Dhr4IS0oAF7CrO+TbVkZ3sdNrVreW4i/sZf6/Sl4MUxICU4yYheOsksArGP8Zncz
oCoiuQOwE3n1BwARAQABiQEfBBgBAgAJBQJEkI63AhsMAAoJEHCkr+X+kMzIVPAH
/jmzY7IJZjQo8MrEjitJEFWDXYk/colrvK3WKt0ssZ41Nn8DTlP104Id7AtWIan9
CPjiuCccoDyi3/peWHHmBCGzHHPAK/1gHhpUw44p6Sqbe85COkaT/sfKPXMrntld
gLHeYrjIdiUHL8yYZIs4q9Ohmxt5G8JJxjU9kOKDFjb1ip98IfACRTRSAInu2+W2
wKnN0UN+XW8JzxYrS8+Lr0gCWEpoO+IVZdVQjHe1tkt6b/bQIilQ4Y9OZ1EcoBzy
8E/vUBoOSXwoIP8D01lgHAL9n5YISdWIrJpcc1e0aj52NOxw6GxGtHedt7GmV3Ci
Jzyl+W6dBRlFjp/U2spQIsU=
=d5LF
—–END PGP PUBLIC KEY BLOCK—–

Chiavi del remailer Type-II "cyberiad"

$remailer{"cyberiad"} = "<mixmaster@remailer.cyberiade.it> cpunk max mix pgp pgponly repgp remix latent hash cut test ek ekx esub inflt50 rhop5 reord";

Here is the RSA PGP key:

Type Bits/KeyID Date User ID
pub 1024R/D9610175 2006-06-14 Cyberiade.it Anonymous Remailer <mixmaster@remailer.cyberiade.it>

—–BEGIN PGP PUBLIC KEY BLOCK—–
Version: Mixmaster 3.0b2 (OpenPGP module)

mQCNA0SQJWkAAAEEAPaMw7RotktiXkqusZY/AM8nZT8EpDMbKbYD0F+UQX6GNd/C
JksgRwtefgX2tbFcVU347kDqxJo/kVfpNx8jZvuIbsqjHQhn4cxhxQexpHLZTpe/
SV3oaMA2clmO4QLOfce82mI4jw5BZRJrOX3O1S/V2WwBMFL7uwHV6GLZYQF1AAUR
tEFDeWJlcmlhZGUuaXQgQW5vbnltb3VzIFJlbWFpbGVyIDxtaXhtYXN0ZXJAcmVt
YWlsZXIuY3liZXJpYWRlLml0PokAlQMFEESQJWkB1ehi2WEBdQEBbEwD/2zdLF4y
a9oVyBNOL8686jLqVADia6nnAwc1dgr5PgdPDEJAKL5zQSKC4szo23azRK18d0pb
kZ4ScEGR4aYRJTLGX8ncnZYFMwEom7paLo9hQcBRof7hFuAMfYXk01el788k8475
1py4UbAYITW9ttdTszXoEYUMmWasD25AB8a1iQEcBBMBAgAGBQJEkI/DAAoJEHCk
r+X+kMzIHMMIAJol1zYCG5Xgo7OqmZNOUyEW+w4ZUnJkJEk75m/3QykBPtZ6Q281
wjsHi/u5iekCF8OukdEG74b3X+RTl+EH/C4KwUNJDD7qGOgqiwKME8MNBGYRebp3
1UU/L69E3ENgeM4uFh4Qff9KzKO0RTkN6IOyOsPn6NMW8fAzGTQFWQGyPlfW7vaS
MWTwL8mPngK3cKOnM+mPk/DUewBbvFcipFBog52jbBsJcFiApNrQXy8z7bqwGTkh
TsBQXvVNDxdHWv1411FgY3C5mtEzPIHSuphDiHNo/B/svurxSgVMTufHGqJuBOzH
EM05XgFA2oq7aNPeIpfW5r1OZAPFguXCT+s=
=UeMj
—–END PGP PUBLIC KEY BLOCK—–


Here is the DSA PGP key:

Type Bits/KeyID Date User ID
pub 1024D/83D5A3C7 2006-06-14 Cyberiade.it Anonymous Remailer <mixmaster@remailer.cyberiade.it>
sub 1024g/F1D1DDDE 2006-06-14

—–BEGIN PGP PUBLIC KEY BLOCK—–
Version: Mixmaster 3.0b2 (OpenPGP module)

mQGiBESQKcYRBACQXTUG3FipIB4vSk2QQbHe3F7nShhuPo67dpD8OQZkrjtGBxKy
Q+Aa3jFDegmvgVnAtMQyui08+M/ux7LoHS5y/jY+zo2V3G0gncTiVmKIOw1qzyft
1XA6zI+DU8txhufvHKtJecE65DCxtWMO6ls+R1abus6UzHYVWsPmWVdAiQCgpKkg
uko001MzPFdtQNWQDcHucG8EAIj+IaH+o3fC9LIvKEbKFOWCR7+CEg09f/c+iY72
zPy3gfEos2091FRksVbtIiBORwHyPgv4ZbjemJSifoEOporGi4n5AYSug/9/GK1A
wNlg1iM8hMJ6e6WQICqFG21MNRUlNejhPF9SVGdCWd+kJoRllr+8BKYha/zCrH98
sfbyA/41JzHfDR52ZLOcjD+/X/qTkrs0fVz7mfKpFGk8kkSSH+hyOnb248/yQn8U
W07yTrSMa2cAivl4OR9tgdZ30XS+rdF+lL+q7EzXwa10u61VwKpRGDQojr0FZKcX
tr2cDjfb7/hREImof/QL6fzO/FzIGcyqs8zTJOKGFomPVTgeq7RBQ3liZXJpYWRl
Lml0IEFub255bW91cyBSZW1haWxlciA8bWl4bWFzdGVyQHJlbWFpbGVyLmN5YmVy
aWFkZS5pdD6JAE0EEBECAA0FAkSQKcYDCwMCAh4BAAoJEDetIeeD1aPHKa8An22K
Ko3tmZVQYI+qe5lVrns4gHZJAJ9FyfZizOEsQABXrB9gl2gu6hKShokBHAQTAQIA
BgUCRJCQkwAKCRBwpK/l/pDMyL6XB/410Ywgh3rBuqBmUYBRzUM89BOmHuU64Tiw
9JSKZ27oBhYP9R+ZHHtETxdcYJZu63JKfYBrU4bVhyV/O9ygzbt42ovfnSd1xYFO
GDCyN6m0/WUOqljQ3Zgi49IScYFrUsX6c3U4EQ7l6Gj5KMfTDkjxGAkWcVUZurkg
oct63K1oTYpoH37MLT5ftDykjD4xqUnfzDar6u9YPdWJ+bM40MLWxEyj4ng5OziQ
KAt00XJtiKyLqvpapHwN+SR7lzO3ZYlmZHirWmufcnS9MmUg3YtqJwOipAwLy/Kx
tJl1DE3Bmf9IxTAKd3f9iXtk1RZdHgKzchHevjrM/4O0w/AQrXHguQENBESQKcYQ
BACgAjjiODgGpc0IxzRXy03hc+KD2yBYLvSyBNa+VIKbTIaOh4qTyXv+NREZqFXY
nnUXHjtmuDiAdc6UM0UhzvM7VHrrJinG9viN9ai534Si7hW+Quv4iIxjfqQbGdZw
JnVep1CRoYvaMhaDgV03nCW5o/a1AV/oqQU5TMhnJIjLfwADBQQAk4z65QW+zxg3
lIZm6+mpbSAeUBYP4p+SbquSxlMF31JlB29dq6JWRtNLoICHIpEGPB1RROz2mGUV
CSKlycOWs8obgD5DiQtdfW3avaos9zq2SXioWwcuKGij0l7Aub37wIdFI3xEUZPd
/bjz7PFVKvmG4fdUrepWpo9adwu4b4aJAEYEGBECAAYFAkSQKcYACgkQN60h54PV
o8eHvACfVFMs6284bK8bTRnrrDoYwywinzkAnR7kKJq7DbXPS6Kv3tpaFfIrr9ih
=mCUVv
—–END PGP PUBLIC KEY BLOCK—–


Here is the Mixmaster key:

=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=
cyberiad mixmaster@remailer.cyberiade.it d2cf8fc60fb702ebdd01fbf1e4db7a41 2:3.0b2 C 2006-06-14 2007-07-09

—–Begin Mix Key—–
d2cf8fc60fb702ebdd01fbf1e4db7a41
258
AATJmR8BmWTIPQeOlZ23mSEOBD4BpSjUYcZmF/5I
6CBGb5HgIZkfyLVIBSs04/9MZIkzhrHgxUckkSLM
0hK8cOGiKeEz0KnGQuO+zrn3kvM16y4ppJBjzWkh
A/eHmXy1148SI+W1Fw9rU6y0YN59n7xFGNowjmIA
ZX2XEhQnOgMniwAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAQAB
—–End Mix Key—–

94 Views

Crescono i remailer anonimi italiani

No alle censure, sì alla libertà di comunicazione. È con questo spirito che i promotori di Cyberiade.it hanno deciso di dar vita ad un remailer anonimo, ovvero uno strumento che garantisce la possibilità di spedire comunicazioni senza essere individuati. Un’iniziativa rara, in Italia sono pochissimi i remailer attivi perlopiù frutto del lavoro del Progetto Winston Smith (PWS), un’operazione che è anche rivendicazione di libertà.

da: www.punto-informatico.it

Continua la lettura dell’articolo su:

http://www.classicistranieri.com/dblog/articolo.asp?articolo=6043

Creative Commons License Tutti i contenuti di Punto Informatico sono pubblicati secondo la licenza di utilizzo di Creative Commons, salvo diverse indicazioni.
L’editore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su Punto Informatico avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d’invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.

100 Views