Gli Alunni del Sole

Reading Time: < 1 minute

Di quei gruppi canterini un po’ nostalgici, romantici e con i colletti delle camicie regolarmente a punta, gli Alunni del Sole (nome mutuato da un romanzo di Giuseppe Marotta) sono stati certamente i più bravi.

Certo, sviolinate con orchestre che neanche i Wiener Philarmoniker ("Concerto/di un mare senza te/che suona/ e ti riporta a me…"), valzeroni lenti ("Taranté, t’arricuord’e suspire Taranté?"), e c’era sempre Liù, che "si stendeva su di noi e ci dava un po’ di sé" (beh, c’erano anche a quei tempi le ragazze facili…) ma anche canzoni come "Un’altra poesia", che era in assoluto la più bella ("Così tornando ti porto un regalo/quel fondotinta che ti piace sul viso…").

Recentemente, oltre a un vecchio CD ripescato chissà dove grazie alla complicità di un amico, che per comodità chiamerò "Tierra y Libertad" (lui sa…), ho trovato alcune foto degli Alunni del Sole come sono adesso. Praticamente inguardabili.

Ricordiamoceli come erano allora (quella che vedete è la copertina di "E mi manchi tanto"), e chi se li ricorda con me, metta un dito qui sotto!

La fonovaligia della Lesa

Reading Time: < 1 minute

Ed eccola qui, la fonovaligia della Lesa, portatile, scomodissima, ma compagna di mille momenti musicali. In caso di scampagnate o picnic era sufficiente allacciare la spina a una qualsiasi presa di corrente (il guaio era trovarla in mezzo ai boschi, o sulla riva del mare, per cui alla fine non se ne faceva di nulla). "Te porta i Cugini di Campagna, I Pooh e anche Adriano Celentano, che l’ultimo di Claudio Baglioni ce l’ho io…". Da notare che il braccio e la puntina erano pesantissimi e avevano sui 33 giri un effetto "aratro" deglio della miglior semina stagionale. Una prece.

I miniassegni

Reading Time: < 1 minute



"No, guardi, i miniassegni proprio non li accettiamo…"
"Sì, me li dia pure, tanto li porto in banca e li cambio…"
"Mi dispiace ma la mia banca non me li cambia più…"
"Quelli del Credito italiano non sono buoni!"
"Se non vuole un miniassegno di resto devo darle due Boeri, magari vince l’orologio al quarzo!"
"Sì, però deve assolutamente firmarmelo dietro."