Andrea Zanni a Radio 3 Scienza: “Se Wikipedia ha un errore è responsabilità tua che non l’hai corretto”

Reading Time: 3 minutes

Il Presidente di Wikimedia Italia, l’associazione-supporter di Wikipedia nel nostro Paese- ha rilasciato oggi alcune dichiarazioni alla trasmissione “Radio 3 Scienza”.

L’antefatto è il seguente: Dylan, un ragazzo adolescente, si reca in viaggio in Brasile e vede i coati, una sorta di procioni locali. Tornato in patria, integra la voce di Wikipedia che li riguarda assimilandoli a dei “formichieri brasiliani”. Coati e formichieri sono specie del tutto diverse, ma l’informazione veicolata da Dylan diventa fattuale e vari quotidiani e giornali di importanza internazionale la riprendono. Ma, naturalmente, non è un dato. I formichieri sono una cosa e i coati un’altra. Dunque il dibattito si sposta sull’eterno dilemma, l’affidabilità o meno delle voci di Wikipedia per tacere della faciloneria con cui certi articolisti ci cascano con tutte le scarpe dando una voce per buona “a prescindere”).

Dunque, alla questione dell’affidabilità, il Presidente di Wikimedia Italia dichiara: “Se Wikipedia ha un errore è responsabilità tua che non l’hai corretto“. Come dire “Se il parco pubblico è sporco è colpa tua che non lo hai pulito” (chi l’ha sporcato se la passa sempre liscia!)

      01-RADIO3SCIENZA_del_27_05_2014_-_A_scanso_di_equivoci

E questo è il primo scontro con il reale. Da che mondo è mondo (e, credo, per altri mille secoli almeno) la responsabilità su ciò che si scrive è di chi la scrive o di chi la pubblica. Se io sul blog scrivo un’inesattezza (che so, una data per un’altra) non è un gran male. Se diffamo qualcuno è un male assai maggiore (e il tema della diffamazione ritornerà tra poco), ma la responsabilità è sempre mia, non posso prendermela con qualcuno che non mi ha corretto la data o che non mi ha detto “Guarda, cancella quella frase perché se no ci passi i guai!” Non è così che funziona. Funzionerebbe così se Wikipedia fosse una realtà chiusa ai suoi adepti. Se, per esempio, solo gli iscritti avessero accesso alle pagine. Allora si creano delle regole e quelle regole vengono seguite, chi nonm ci sta va fuori. Ma Wikipedia è un’iniziativa a cielo aperto e viene letta da chiunque. Esattamente come il giornalista deve verificare le sue fonti io mi aspetto che chi scrive una voce “enciclopedica” abbia ben verificato le sue, se no giochiamo a prenderci per le natiche.
Continua a leggere