Il testo del D.P.R. 122/2009 – Regolamento per la valutazione degli alunni

Reading Time: < 1 minute
Tanto tuonò che piovve. E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, ed è, quindi, legge dello stato a partire dalla data di domani, il D.P.R. n. 122 sulla valutazione del rendimento degli alunni e dell’attribuzione dei crediti per l’ammissione all’esame di Stato conclusiovo della scuola secondaria superiore di secondo grado.

Nel testo del regolamento non è stato minimamente recepita la sentenza del TAR del Lazio che esclude gli insegnanti di religione cattolica dalla valutazione allo scrutinio finale. Particolarmente chiaro risulta il passaggio secondo cui «In sede di scrutinio finale il consiglio di classe, cui partecipano tutti i docenti della classe,compresi gli insegnanti di educazione fisica, gli insegnanti tecnico-pratici (…), i docenti di sostegno, nonchè gli insegnanti di religione cattolica limitatamente agli alunni che si avvalgono di quest’ultimo insegnamento, attribuisce il punteggio per il credito scolastico di cui all’articolo 11 del decreto del Presidente della Repubblica 23 luglio 1998, n. 323, e successive modificazioni».

La palla è stata ributtata impietosamente in mano ai collegi docenti e ai consigli di classe. E ora sono cazzi nostri.

Scarica il testo del D.P.R. in formato PDF

Lo studente che ha perso l’anno scolastico per un incidente va risarcito (Cassazione)

Reading Time: 3 minutes
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Sezione terza civile

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. Paolo Vittoria -Presidente-

Dott. Antonio Segreto -Consigliere-

Dott. Alfonso Amatucci -consigliere-

Dott. Angelo Spirito -Rel. Consigliere-

Dott. Roberta Vivaldi -Consigliere-

Ha pronunciato la seguente

S E N T E N Z A

Sul ricorso proposto da:

N.E., elettivamente domiciliata in Roma via Sardegna 29, presso lo studio dell’avvocato Vasi Giorgio, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato Farina Grazietta, giusta procura speciale a margine del ricorso;

-ricorrente-

Contro

Toro Assicurazioni SpA; B.F.;

-intimati-

Avverso la sentenza n. 202/03 della Corte d’appello di Cagliari – sezione Distaccata di Sassari del 23/05/03, depositata il 03/06/03;

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 22/11/06 dal Consigliere Dott. Angelo Spirito;

Udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. Vincenzo Maccarone che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Svolgimento del processo

Il tribunale di Nuovo condannò il B. e la Toro S.p.A. al risarcimento del danno da sinistro stradale in favore della N. . La corte di Sassari (per quanto ancora interessa) ha parzialmente accolto l’appello della N.

Quest’ultima propone ora il ricorso per cassazione, svolgendo due motivi. Non si difendono gli intimati. La N. ha anche depositato memoria per l’udienza.

Motivi della decisione

Nei due motivi di ricorso la N. lamenta i vizi della motivazione e la violazione degli artt. 2043 e 2059 c.c..

1) – In particolare, il primo motivo censura il punto della sentenza in cui è stata respinta la domanda di risarcimento del danno subito per il mancato conseguimento del risultato scolastico nell’anno in cui s’è verificato il sinistro, nonché quella del risarcimento conseguente alla diminuita capacità lavorativa, accertata dal CTU nella misura del 20% ed incontestata tra le parti.

Il motivo è fondato.

La sentenza impugnata ha respinto le domande in questione nella considerazione che "non sussistono elementi per calcolare una diminuzione reale della specifica capacità di guadagno, che all’epoca l’infortunata non possedeva". Siffatta affermazione non solo è viziata da difetto di motivazione ma, soprattutto, contrasta con il principio ormai consolidato nella giurisprudenza di legittimità secondo cui il danno patrimoniale da lucro cessante, per un soggetto privo di reddito e a cui siano residuati postumi permanenti in conseguenza di un fatto illecito altrui, configura un danno futuro, da valutare con criteri probabilistici, in via presuntiva e con equo apprezzamento del caso concreto.

Pertanto, se occorre valutare il lucro cessante di un minore menomato permanentemente, la liquidazione del risarcimento del danno va svolta sulla previsione della sua futura attività lavorativa, in base agli studi compiuti o alle sue inclinazioni, rapportati alla posizione economico-sociale della famiglia, oppure (nel caso in cui quella previsione non possa essere formulata) adottando come parametro di riferimento quello di uno dei genitori,presumendo che il figlio eserciterà la medesima professione del genitore (in tal senso tra le varie, cfr. Cass. 2 ottobre 2003, n. 14678).

La sentenza va dunque , cassata sul punto ed il giudice, adeguandosi al principio di diritto sopra enunciato, dovrà procedere all’accertamento ed alla eventuale liquidazione del risarcimento del danno da mancato guadagno subito dalla vittima, tenendo conto che, benché non sia configurabile un danno da lucro cessante specificamente rapportabile al ritardo (in via eziologia riferibile all’atto illecito produttivo del danno alla persona) nel conseguimento del titolo di studio, di questa circostanza può essere eventualmente tenuto conto nella misura in cui quel ritardo stesso allunga i tempi per svolgere la probabile attività lavorativa (produttiva di reddito) per il cui esercizio il titolo di studio è necessario.

2) – Nel secondo motivo la ricorrente – dolendosi del vizio della motivazione e della violazione dell’art. 2059 c.c. – censura la sentenza per avere respinto il suo motivo d’appello in ordine al danno morale (liquidato dal primo giudice in L. 36.740), sulla base della mera affermazione che esso "è stato liquidato in maniera congrua", senza poi di fatto procedere alla relativa liquidazione. Aggiunge che il giudice non ha tenuto conto dei propri rilievi circa il fatto che la liquidazione del danno morale deve tenere conto della diminuita capacità lavorativa e della gravità delle lesioni subite.

Il motivo è infondato, in quanto la sentenza contiene una congrua motivazione in ordine allo specifico punto oggetto di denunzia.

3) – Pertanto, accolto il primo motivo e respinto il secondo, la sentenza deve essere cassata, con rinvio al giudice designato nel dispositivo, il quale provvederà anche sulle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte accoglie il primo motivo di ricorso, rigetta il secondo, cassa per quanto di ragione la sentenza impugnata e rinvia alla Corte d’appello di Cagliari, in diversa composizione, la quale provvederà anche sulle spese del giudizio di cassazione.

Roma, 22 novembre 2006.

L’Estensore Il Presidente

DEPOSITATO IN CANCELLERIA

IL 20 FEBBRAIO 2007

Campioni di découpage

Reading Time: < 1 minute






Sembra impossibile, ma in terza superiore esiste ancora chi si dedica con diletto e certosina pazienza alla realizzazione di questi superbi capolavori dell’intelletto e della manualità.
Particolarmente apprezzato per le sue elevatissime qualità artistiche, questo raro esempio di disattenzione alla lezione dell’ultima ora costituirà un validissimo elemento antistress per i poveri alunni vessati dagli insegnanti e costretti con la forza bruta a ripetere verbi irregolari sgranandoli come fossero i grani della corona di un rosario, e al contempo rappresenterà un martellamento costante della pazienza dell’insegnante il quale uscirà dallo scontro con l’alunno stanco e distrutto, soprattutto perché quest’ultimo gli riferirà con innocente candore di aver ancora bisogno di qualche minuto per perfezionare gli omini (e studiare non se ne parla, vero?).

Un applauso all’autore del ritaglio e a quello della foto.

Legittimi dubbi

Reading Time: < 1 minute

"Cosa vuole sapere Lei, professore?… il presente indicativo di cosa?? Del verbo CABER(*)???
Ma esiste, pure? (**)"

(*) Il verbo CABER in spagnolo significa "essere contenuto"
(**) Mah, vedi un po’ tu…

Quando consultare il libro non è più un mistero

Reading Time: < 1 minute

INSEGNANTE: Pirillozzi, coniugami il presente indicativo di questo verbo, oralmente.

ALUNNO (da Posto): Sì professore… (e coniuga il verbo correttamente)

INSEGNANTE:  Lo stavi leggendo dal libro che tieni aperto sul banco?

ALUNNO: No, no, professore…

INSEGNANTE: A che pagina si trova la coniugazione di questo verbo?

ALUNNO: Qui, a pagina 150, professore…

La professoressa in classe con gli studenti

Reading Time: 2 minutes

Sembra un titolo da filmetto di serie B degli anni ’70, quelli con Edvige Fenech o Gloria Guida (che adesso si sono ricostruite una verginità e non solo cinematografica…), invece la notizia purtroppo è vera:

L’Ufficio scolastico regionale della Lombardia ha sospeso l’insegnante di matematica sorpresa una settimana fa in aula in atteggiamenti intimi con cinque alunni di seconda media, a Nova Milanese. Il direttore regionale, Mario Giacomo Dutto, ha infatti assunto un provvedimento di sospensione, che ha l’obiettivo di evitare la possibilità di nomina nelle altre scuole nelle quali la docente ha presentato domanda di supplenza.

(la notizia per intero è linkabile sul sito di Repubblica.it)

Siamo arrivati alla frutta. L’insegnante di matematica che fa sesso con gli alunni della scuola media. Adesso ci sarà qualcuno che dirà che in fondo ai maschi coinvolti la cosa poteva anche fare piacere, che i primi turbamenti maschili hanno come oggetto proprio le insegnanti delle scuole medie (adesso non più, considerata l’età media degli insegnanti in continuo aumento), che sì, la cosa è disdicevole, ma che in fondo la signora se l’è andata a cercare, perché si sà che l’uomo è cacciatore (anche se è minorenne?) e la donna prima o poi si fa preda, per non dire di peggio.

Niente scuse, l’hanno sospesa e hanno fatto bene. I ragazzi non si toccano. “Se non sono gigli, son pur sempre figli, vittime di questo mondo”, cantava De André.

Ma c’è solo da immaginare che cosa sarebbe successo se a fare la stessa cosa fosse stato un insegnante uomo con cinque ragazze. Sarebbe stato certamente sbattuto a marcire in carcere, oltre a tutti gli altri provvedimenti disciplinari del caso (qui se n’è occupato il Ministro Fioroni in persona).

E in carcere, si sa, se fai del male a un minorenne non ti perdonano. Speriamo non sia vero anche per questa pur indecorosa docente. Ma come al solito c’è chi userà due pesi e due misure.

 

Sono stati bloccati i prezzi dei libri scolastici (ma fino a quando?)

Reading Time: 4 minutes
DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 6 aprile 2006, n.211 Regolamento recante modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 agosto 1999, n. 320, come modificato dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 luglio 2000, n. 226, concernente disposizioni di attuazione dell’articolo 27 della legge 23 dicembre 1998, n. 448, sulla fornitura gratuita e semigratuita di libri di testo.

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Vista la legge 23 dicembre 1998, n. 448 ed, in particolare, l’articolo 27 relativo alla fornitura gratuita, totale o parziale, dei libri di testo a favore degli alunni meno abbienti delle scuole

dell’obbligo e secondarie superiori;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 agosto 1999, n. 320, come modificato dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 luglio 2000, n. 226, recante disposizioni di attuazione dell’articolo 27 della legge 23 dicembre 1998, n. 448;

Visti il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 109, e successive integrazioni e modifiche, concernente i criteri unificati di valutazione della situazione economica dei soggetti richiedenti prestazioni sociali agevolate ed il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 18 maggio 2001, con il quale sono stati approvati i modelli tipo della dichiarazione sostitutiva unica e dell’attestazione, con relative istruzioni;

Vista la legge 10 marzo 2000, n. 62;

Vista la legge 28 marzo 2003, n. 53;

Preso atto della sentenza 21 dicembre 2001, n. 419, con la quale la Corte Costituzionale annullava, per quanto di ragione, l’articolo 3, comma 1 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 320 del 1999, con le tabelle ad esso allegate e l’articolo 1, commi 1 e 2 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 226 del 2000, laddove escludevano dal beneficio le Province autonome di Trento e Bolzano;

Ritenuto di recepire, con il presente regolamento, i contenuti della sentenza della Corte Costituzionale n. 419 del 2001;

Visti la legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 4, che ha approvato lo Statuto speciale della Regione Valle d’Aosta e il Titolo III, Capo V del decreto del Presidente della Repubblica 22 febbraio 1982, n. 182, in materia di assistenza scolastica;

Visti la legge costituzionale 31 gennaio 1963, n. 1, che ha approvato lo Statuto speciale della Regione Friuli-Venezia Giulia e il Titolo IV del decreto del Presidente della Repubblica 25 novembre 1975, n. 902, in materia di assistenza scolastica;

Visti i decreti del Capo del Dipartimento per i servizi nel territorio del Ministero della pubblica istruzione prot. n. 2341 del 30 agosto 2002 e prot. n. 1932 del 16 luglio 2003 e i decreti del

Capo del Dipartimento per l’istruzione del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca prot. n. 1242 del 7 giugno 2004 e prot. n. 571 del 22 marzo 2005 con i quali, nelle more della

definizione del presente provvedimento, si disponeva d’urgenza, in esecuzione del giudicato, inserendo nelle ripartizioni relative agli esercizi finanziari 2002, 2003, 2004 e 2005 anche le suindicate Province, previo accantonamento cautelare delle somme eventualmente assegnabili, rispettivamente, alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle d’Aosta egualmente preterite nei provvedimenti originari, ancorchè non ricorrenti;

Preso atto delle richieste d’inserimento nel piano di riparto, pervenute, nel contempo, anche dalle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle d’Aosta e della permanenza delle medesime basi di calcolo adottate nelle precedenti ripartizioni, confermata dall’ISTAT;

Ritenuta l’opportunità, a fronte delle considerazioni addotte nel giudicato, di estenderne gli effetti alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle d’Aosta;

Considerata, altresì, la necessità di non assegnare, in un’unica soluzione, importi ultronei rispetto alle obiettive esigenze e tali da sottrarre contestualmente, alle restanti Regioni, somme

eccessive ostacolando, così, l’adeguato soddisfacimento dei bisogni dell’utenza del servizio scolastico, facente capo, peraltro, alla fascia più debole delle rispettive realtà territoriali;

Acquisito il parere espresso dalla Conferenza Stato, Regioni e Province autonome nella seduta del 16 giugno 2005;

Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso dalla Sezione consultiva per gli atti normativi nell’adunanza del 29 agosto 2005;

Acquisiti i pareri delle competenti Commissioni della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica, espressi rispettivamente nelle sedute del 10 novembre 2005 e 19 ottobre 2005;

Sulla proposta del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, di concerto con il Ministro dell’interno;

A d o t t a

il seguente decreto:

Articolo 1.

1. All’articolo 3, comma 1-bis, del decreto del Presidente del Consigliodei Ministri 5 agosto 1999, n. 320[1], come modificato dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 luglio 2000, n.226, è aggiunto, alla fine, il seguente periodo: "I relativi provvedimenti sono adottati con decreto del dirigente preposto al competente Ufficio di livello dirigenziale generale del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca".

Articolo 2.

1. Le tabelle A[1] ed A[2] allegate al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 agosto 1999, n. 3
20, come modificato dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 luglio 2000, n. 226, sono sostituite, rispettivamente, dalle unitetabelle A[1]ed A[2] che fanno parte integrante del presente decreto.




Articolo 3.

1. Sono confermate le ripartizioni effettuate con i decreti del Capo del Dipartimento per i servizi nel territorio del Ministero della pubblica istruzione prot. n. 2341 del 30 agosto 2002 e prot. n. 1932 del 16 luglio 2003 e i decreti del Capo del Dipartimento per l’istruzione del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca prot. n. 1242 del 7 giugno 2004 e prot. n. 571 del 22 marzo 2005, e relative tabelle, citati in premessa.

2. Alla data d’entrata in vigore del presente decreto – a valere sugli accantonamenti all’uopo disposti dai decreti di cui al comma 1 e con riferimento, rispettivamente, alle tabelle A[1] ed A[2] – alla Regione Friuli-Venezia Giulia sono assegnate le somme complessive di Euro 3.859.336 ed Euro 1.434.224 ed alla Regione Valle d’Aosta quelle di Euro 430.388 ed Euro 126.852.


Articolo 4.

1. Gli importi relativi alle singole annualità 1999, 2000 e 2001 spettanti, rispettivamente, alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle d’Aosta ed alle Province autonome di Trento e Bolzano, indicati, per ognuna di esse, nelle allegate tabelle A[1] ed A[2], saranno corrisposti, compatibilmente con i finanziamenti annualmente appostati in bilancio per le finalità di riferimento ed in proporzione agli stessi, con corrispondenti assegnazioni aggiuntive nel corso di ciascuna delle ripartizioni inerenti agli anni finanziari 2006, 2007 e 2008, utilizzando le risorse rivenienti dall’abbattimento proporzionale delle quote spettanti, nelle medesime annualità, alle altre Regioni. I relativi importi sono determinati con il decreto dirigenziale di cui all’articolo 1.