Baluganti Ampelio entra nella Reale Accademia della Lingua Spagnola

Reading Time: 2 minutes
Antonio Machado accademico nel 1927

Quando il nostro più affezionato e metempsicotico (1) lettore, Baluganti ampelio, chiama al telefono vuol dire (in ordine decrescente di gravità) che:

a) è morto qualcuno (raro);
b) ha finito i quattrini (spesso);
c) ha voglia di rompere i coglioni (quasi sempre).

Il motivo del suo ultimo consumare i minuti che il suo gestore telefonico, dice, gli ammannisce gratis, era una consulenza linguistica.

Il buon Baluganti è un essere dotato di intelligenza sopraffina, è un maremagnum d’informazioni, ma bisogna dire che di lingue straniere non ci capisce una veneratissima. Egli ha, in particolare, un rapporto conflittuale con il tedesco (come mia moglie e Valentina Lo Surdo, del resto), non sopportando la logica per cui se si vuole indicare il ponte, in Germania si dice

“Quel-coso-di-ferro-ma-anche-di-cemento-che-ci-passano-le-macchine-e-qualche-volta-il-treno”

tutto attaccato e con la lettera maiuscola perché è sostantivo, o cosa ciavrà mai un sostantivo di così importante da essere scritto con la lettera maiuscola? O allora? O vàglielo a spiegà’.

Ma non era il tedesco il “casus belli”, bensì lo spagnolo. Voleva sapere se “azúcar” si pronuncia con l’accento sulla “u” o sulla “a” finale. Gran bella testina a pinolo il Baluganti, giacché la parolina incriminata si scrive con l’accento, e quindi non ci sono dubbi: l’avesso sotto le mani lo stiaccerei con infamia prima di farlo cacciare da tutte le scuole del Regno.
Continua a leggere