Strage di Stato

Forti degli accordi bilaterali tra Italia e Libia, siglati con la visita nel nostro paese del Presidente Gheddafi, per l’occasione vestito come Michael Jackson, ci siamo dimenticati di 70 persone che morivano di sete e di ustioni su una barca della disperazione al largo delle coste siciliane.

Naturalmente il Governo di Berlusconi non vuole che l’evento venga strumentalizzato (si sa, la stampa è comunista), per cui chiede un puntuale accertamento dei fatti, come se cinque sopravvissuti possano essersi imbarcati da soli su una di queste carrette ed essersi inventati tutto dopo essere abbondantemente dimagriti a dovere ed essere arrivati sul nostro territorio in condizioni estreme.

Di quella gente non solo non è fregato un bel tubo di nulla a nessuno, ma non è stato nemmeno preso in considerazione il diritto alla dignità, all’esistenza e all’aspirazione dello stare un po’ meno male, se e quando è possibile.

Del resto la stampa nazionale si occupa della notizia con evidente imbarazzo, collocandola, sui vari siti web che è abituata a riempire (di cazzate, solitamente), al terzo posto, dopo averci detto che il caldo avrà una battuta d’arresto tra oggi e domenica e che, insomma, sia pure a singhiozzi ma si toprnerà a respirare.

L’opposizione non ha neanche chiesto che il Governo riferisca alle Camere, che, del resto, sono chiuse per ferie.

E allora di questa porcata non ci può importare di meno, del resto, se sono in difficoltà non è mica colpa nostra, che abbiamo ben altre preoccupazioni, dobbiamo giocare al Superenalotto, noi, migabàe!
155 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.