S’e’ svejatoooooooo!!!

Sul caso di Eluana Englaro non c’è più pace.

L’accanimento terapeutico del Governo e di chiunque sia interessato, in un modo o nell’altro, a mettere bocca nella vicenda (quando dovrebbe solo starsene zitto), ha raggiunto livelli di violenza inaudita e inaccettabile per chi crede nello stato di diritto.

Berlusconi questa mattina, mosso dall’interessamento di quell’anima pia del Ministro Sacconi, e dall’accordo tri-partisan fra il suo esecutivo, il Cardinale Martino (che ha detto subito "E’ un’ottima cosa!", ma sa un cazzo lui…) e parte della Procura di Udine (che ha aperto un fascicolo per vedere se sia stata effettivamente quella la volontà di Eluana, facendo finta di non sapere che c’è stato un procedimento in questo senso che è durato 17 anni e che si è concluso con una sentenza definitiva passata in giudicato), ha promesso un decreto d’urgenza del governo per impedire a chiunque (cioè a chi si occupa della vita di Eluana Englaro) di sospendere trattamenti come l’alimentazione artificiale o l’idratazione.

Una delle sue solite leggi ad personam.

Ma pare ci si sia messo di mezzo il Capo dello Stato. Che si è svegliato dal suo torpore e ha preso, finalmente, una posizione.

Ha capito anche lui che non si può governare a colpi di decreti, che c’è un iter parlamentare da seguire e che Berlusconi e i suoi non possono tirarlo per la giacca se non sono stati in grado di formulare una legge nelle sedi opportune.

C’è da augurarsi che il risveglio sia definitivo. Lo stato letargico in cui versa la nostra Repubblica lo richiede.

88 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.