Sara Nicoli – Sparate a vista

Benvenuti nel nuovo Far West Italia. In questi ultimi scampoli di legislatura, le pressioni della Lega hanno reso possibile l’approvazione di una delle leggi più pericolose della storia repubblicana: la legittima difesa. Mutuando uno dei più discutibili costumi americani, d’ora in poi anche in Italia sarà possibile sparare e uccidere, "con un’arma legittimamente detenuta", a chiunque attenti alla "propria o altrui incolumità o ai propri o altrui beni", ma solo quando "non vi è desistenza e vi è pericolo di aggressione". Cambio radicale quindi, all’ispirazione originaria dell’articolo 52 del codice penale, che rimandava alla fase processuale l’accertamento delle reali responsabilità dell’aggredito e dell’aggressore in merito a un "fatto delittuoso".

Ed era proprio questo che la Lega voleva eliminare, il fatto che l’aggredito e l’aggressore fossero considerati sullo stesso piano, facendo in modo, come ha subito commentato il ministro Castelli, che invece "i cittadini onesti non siano più costretti a subire l’inferno di processi ingiusti soltanto perchè hanno cercato di difendersi". Un’aberrazione giuridica, che dà per assunta la proporzione tra azione e reazione e che mette sullo stesso piano il bene della vita e dell’incolumità personale nonché i beni di carattere patrimoniale.

Si parla già di incostituzionalità, ma nel frattempo la giustizia sarà sempre più "fai da te", essendo venuto a cadere quello steccato dell’eccesso di difesa che, fino ad oggi, ha evitato che le rapine si trasformassero in stragi e che le liti tra condomini finissero a coltellate.

I costruttori d’ armi ieri hanno gioito. Come i ricconi padani con la villa sul lago che potranno dormire sonni più tranquilli con un bel fucile a pompa sotto il cuscino, pronti a sparare contro l’immigrato di turno reo di essersi avvicinato troppo al cancello e di aver così infastidito la classica muta di rothweiler sguinzagliati nel parco. Da oggi non ci saranno più sconti per nessuno. Perchè "é giusto _ ha spiegato ancora Castelli – che Abele si difenda da Caino". Fa impressione questa frase, pronunciata dal ministro della Giustizia, esponente di spicco di un governo che ha fallito sui fronti della sicurezza e della giustizia e che non ha trovato di meglio che armare la mano dei cittadini. E’ come se, davanti all’impossibilità di creare misure valide per garantire la sicurezza degli onesti, il centro destra avesse detto "arrangiatevi da soli".

Qualcuno non si farà sfuggire la possibilità di mettere immediatamente in pratica l’invito, con il risultato che presto si registrerà un numero sempre crescente di vittime. Ma non tra gli aggressori, bensì tra gli aggrediti. Senza contare poi che gli italiani non sono in maggioranza temibili pistoleri avvezzi dalla nascita all’uso delle armi, mentre con le armi si destreggiano assai meglio i delinquenti. Che, vista l’aria, cercheranno di sparare per primi.

Comunque e a prescindere dalle dinamiche delittuose su cui si dovranno confrontare prossimamente giudici ed avvocati, la nuova legge sulla legittima difesa propone un cambio radicale di mentalità dei cittadini. Si trasmette un’idea di sicurezza che degrada la socialità, che riduce la libertà, che invita ad armarsi, ad evitare gli sconosciuti, a diffidare del vicino, a non frequentare alcuni luoghi, a non uscire in certi orari, ad affacciarsi dalle grate, a vivere dietro porte blindate o sotto gli occhi delle telecamere. Proprio come in america, paese che riusciamo ad imitare solo nei suoi aspetti peggiori.

da: www.altrenotizie.org

 

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

How to whitelist website on AdBlocker?

  • 1 Click on the AdBlock Plus icon on the top right corner of your browser
  • 2 Click on "Enabled on this site" from the AdBlock Plus option
  • 3 Refresh the page and start browsing the site
Don`t copy text!