Roseto degli Abruzzi, l’incendio al Borsacchio e Facebook

Reading Time: 3 minutes

 899 total views,  9 views today

Il Borsacchio è andato a fuoco. Si è trattato, con ogni probabilità, di un incendio doloso.

Il Borsacchio è una riserva naturale che si trova a nord di Roseto degli Abruzzi, in questo piccolo mondo di un mondo piccolo in cui vivo (e muoio, logicamente) ogni giorno.

Siccome si tratta del paese in cui abito e lavoro, oltre che dell’unica area verde protetta, mentre il resto della città l’è ‘na bèla culada de cemento armà’, mi sono incazzato assai quando stamattina ho sentito la notizia dal GRR e l’ho approfondita successivamente sui siti web.

Pensavo che, almeno sui social, i candidati a sindaco delle prossime elezioni prendessero posizione su un evento di siffata gravità (molte delle liste che li appoggiano si rifanno alla cultura politica ecologista), ma pare sia tutto un tacere di convenienza. Cosa volete, c’è un putiferio di poltrone da distribuire e quella più ambita si conterà al ballottaggio. Ebbene, vi dicevo, silenzio. Non è successo quasi niente.

Sul suo profilo Facebook il Sindaco uscente ha scritto due righe e mezza. Al momento in cui scrivo ci sono solo otto commenti su 5000 contatti. Una tristezza infinita.

In questi giorni Facebook è tempestato da candidati aspiranti consiglieri che tirano ciascuno l’acqua al proprio mulino. Molti sono giovani e inesperti. Saranno trombati sonoramente perché riceveranno voti dalle proprie famiglie o poco più. Eppure te li vedi tutti lì, bellini, pulitini, perfettini, con la giacca sportiva o i capelli freschi di parrucchiere. Ognuno sembra volerti dire qualcosa, tutti ti chiedono il voto. “Io sto con questo… io sto con quest’altro…”. E ognuno si rifà una verginità politica e sociale, postando le proprie foto migliori. Trovi la fruttivendola sorridente col vestito buono, la studentessa senza lavoro che forse ha trovato il modo di guadagnare due soldini facili, l’amministratore di condominio che si candida, il medico, la commercialista, il barista del centro. Tutti a dirti che si candidano e perché. In fondo hanno ragione: Facebook è pubblicità gratuita, perché non dovrebbero sfruttarla?

Però rompono i coglioni. Ho capito che sei dotato di buonissime intenzioni, che vuoi cambiare questo paese, che vuoi fare qualcosa, spazzare via la vecchia classe politica e magari anche asfaltare le strade di Roseto che ce n’è solo di bisogno. Lo so che ci tieni alla cultura, che sei una battagliera e che lotti continuamente, lo so che hai un putiferio di contatti su Facebook, e magari, non dico di no, sarai anche una bella figa, vedi tu, ma uno straccio di programma politico me lo vuoi dare?

E se succede qualcosa come il Borsacchio che va in fiamme, dovrai pure averlo un pensiero in merito. Perché è su QUEL pensiero che la gente ti vota, mica solo perché hai due tette che ¡viva tu madre!

E invece di incazzarsi per l’unico tratto di natura rosetana che va in fiamme, lorsignori cosa fanno? Postano fotografie. Fotografie di se stessi prima di tutto. Poi delle cene che fanno con i loro colleghi di lista (magnano, magnano, magnano, madonna quanto magnano!!) e lodi, lodi, lodi sperticate per il candidato sindaco che appoggiano. Che, guarda caso, sia che sia del centrodestra che del centrosinistra, è sempre una persona “solare, umile, col senso del dovere, che ha dato tanto a Roseto, di profonda cultura, impegnato nel sociale e alla prima esperienza personale come candidato sindaco (e vorrei anche vedere!)”

“Venite stasera nel tal posto! Il candidato sindaco parlerà sul tema ‘Roseto e le sue contraddizioni epistemologiche'” “Stasera applaudirò anch’io Cetto La Qualunque che terrà una prolusione intitolata ‘Da Rosburgo a Roseto: quali prospettive?’ (e che ne so…) “Domani il candidato sindaco parlerà al ristorante lido ‘Da Peppe lu zuzzone’, ci stanno le rustelle pe’ tutt’ quant’!!” E via discorrendo.

L’anima buona di Pio Rapagnà, uomo libero, si rivolta nella tomba. Lui, per sé, organizzava solo delle splendide feste da ballo sull’aia, co’ lu dubbòtte e la fisarmonica. E tutto finiva con un abbraccio.

Rosetaniiiiii, votate La Trippa!!!