Quant’era forte Tarzàn! – Morte e discesa a Mediaset di Raimondo Vianello



Raimondo Vianello, almeno per me, era quello di "Tante scuse", "…di nuovo tante scuse", varietà in bianco e nero su RAIUNO che riuscivano a lenire la noia di un pre-adolescente che non poteva uscire di casa e che, pure, ne avrebbe avuta tanta voglia (sono sempre stato un po’ precoce in tema di chiavi di casa). Erano le sigle cantate da Sandra Mondaini (poi precipitata in quel pietoso personaggio che era Sbirulino) che dicevano "Maaaaa quantè forte Tarzàn, ma come strilla Tarzàn…"  e Vianello che sbatteva contro un albero e gridava un "Ahiaaaaaaa!" da Savana. Comicità semplice e spicciola. Oppure quella canzone dei Ricchi e Poveri che faceva "Tutta per noi la sera sarà, se piove che faaaa….". Scherzava soprattutto con la morte, Vianello, ed era straordinario quando lo faceva. Poi anche lui passò a Mediaset…

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Comments

  • Rosa  On 17 Aprile 2010 at 12:59

    Mediaset ha comprato la sua professionalità e sta gestendo anche la sua morte, come se fosse uno dei suoi programmi, sigh!

  • Single a trent'anni  On 21 Aprile 2010 at 09:21

    Rosa, a voler essere formali, ogni azienda quando assume una persona ne compra la professionalità.

    O siccome mediaset è di abberlusconi, quando fa una cosa normale, è un peccato? :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

How to whitelist website on AdBlocker?

  • 1 Click on the AdBlock Plus icon on the top right corner of your browser
  • 2 Click on "Enabled on this site" from the AdBlock Plus option
  • 3 Refresh the page and start browsing the site
Don`t copy text!