Quant’era forte Tarzàn! – Morte e discesa a Mediaset di Raimondo Vianello

Reading Time: < 1 minute

 241 total views,  1 views today



Raimondo Vianello, almeno per me, era quello di "Tante scuse", "…di nuovo tante scuse", varietà in bianco e nero su RAIUNO che riuscivano a lenire la noia di un pre-adolescente che non poteva uscire di casa e che, pure, ne avrebbe avuta tanta voglia (sono sempre stato un po’ precoce in tema di chiavi di casa). Erano le sigle cantate da Sandra Mondaini (poi precipitata in quel pietoso personaggio che era Sbirulino) che dicevano "Maaaaa quantè forte Tarzàn, ma come strilla Tarzàn…"  e Vianello che sbatteva contro un albero e gridava un "Ahiaaaaaaa!" da Savana. Comicità semplice e spicciola. Oppure quella canzone dei Ricchi e Poveri che faceva "Tutta per noi la sera sarà, se piove che faaaa….". Scherzava soprattutto con la morte, Vianello, ed era straordinario quando lo faceva. Poi anche lui passò a Mediaset…