Prendo, parto, volo via

A Dublino oggi ci sono due gradi di minima e cinque di massima con un vento dell’accidente, secondo il meteo.

E io, mentre leggete, naturalmente ci sto andando. Con volo made in RyanAir.

Tornerò con un raffreddore ciclopico, perché "il cielo d’Irlanda si spulcia i capelli alla luna", come dicono le canzonette della Mannoia, "il cielo d’Irlanda è un oceano di muschio e di lana" e allora perché ci fa un freddo cane?

Prometto di combattere eventuali insorgenze di patologia di stagione con single malt in quantitativi massicci.

Non aspettatemi.

37 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.