Poesie d’amore – Sonetto a rovescio



SONETTO A ROVESCIO
All’incomparabile memoria di Olindo Guerrini

Un giorno calerai, stecchita, nella fossa.
Appena il tonfo sordo della cassa,
poi sol la terra che il tuo legno smussa.

E quei capelli bianchi e rinsecchiti
che pettinavi allora, lisci e grati
del solo tuo respiro, saran muti.

Muti i tuoi occhi, un giorno spalàncati
sul nostro amor stupìto. E noi, cheti,
tra i nostri fior di carne invigoriti
e la passion che avemmo, innamoràti.

Tu mi lasciati un giorno in primavera
era di maggio e lo ricordo ancora.
"Addio", dicesti e ti mettesti all’opra
con un altro. E quindi adesso crepa!

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – Non Commercial – No Derivs 3.0 Unported License
38 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.