Per Wikipedia qualcuno era comunista

All’indirizzo http://it.wikipedia.org/wiki/Portale:Comunismo è disponibile un portale dedicato al Comunismo, "punto di partenza per trovare facilmente le voci riguardanti il Comunismo e il Marxismo, gli stati e i partiti, la loro storia, le persone e gli eventi legati a queste ideologie", una cosa fine e delicata, non c’è che dire, un pensiero gentile.

Vi potete trovare, raggruppati, personaggi, eventi, citazioni, tutto ciò che al Wikipediano può far piacere visitare all’interno delle voci sul comunismo.

Tra queste sezioni, anche quella, decisamente imprescindibile, su "alcuni artisti e scrittori comunisti".

Tra loro compaiono, tra gli altri (dallo screenshot si vede che li ho cliccati) il tedesco Heinrich Mann e lo spagnolo Federico García Lorca.



Il primo, per quelli che non lo sanno, Baluganti Ampelio in testa, fu fratello del più conosciuto Thomas, ma, a mio giudizio fu romanziere più raffinato ed è rimasto uno di quegli artisti che se non avessero avuto un fratello di tale levatura, sarebbero considerati molto di più nella storia della letteratura (analoga sorte toccò a Manuel Machado, fratello di Antonio e, ahilui, franchista). L’altro, va beh, non c’è bisogno che vi spieghi chi era Federico García Lorca.

Andate poi alle voci relative a questi due artisti, che chissà che cosa hanno fatto di male  per essere considerati di "comunisti" da Wikipedia e cercatemi una qualche adesione a un Partito Comunista qualsiasi.
Non c’è. E sapete perché non c’è? Perché non vi aderirono mai, magari saranno stati simpatizzanti, avranno frequentato ambienti politicamente vicini, ma c’è la stessa differenza che corre tra l’andare a comprare il gelato al circolo ARCI "Arena del Popolo" di Vada (tra l’altro lo facevano buono!) e il prendere una tessera. Magari qualcuno è stato considerato comunista perché è andato una sera a mangiare salsiccia e fagioli alla Festa dell’Unità, o ha ballato il liscio presso la Sezione di Brescello assieme a Peppone mentre Don Camillo prendeva a fucilate i "rossi".


E allora non rimane che prendere in mano il davvero incommensurabile "Professor Unrat" (letteralmente "Il Professor Sporcizia", tradotto in italiano con il titolo "L’angelo azzurro", perché noi siamo sempre in leggera controtendenza) e rileggerselo.

Quanto a Federico García Lorca, dargli del comunista è davvero limitarne la grandezza e la portata letteraria, oltre che dire una cosa palesemente non corrispondente alla verità. García Lorca era tutto e il contrario di tutto, se stesso e altro da sé, figuriamoci se poteva perdere tempo e confondersi coi comunisti.

E per Wikipedia, qualcuno era comunista perché l’hanno detto loro.

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Comments

  • ekain deste  On 14 Agosto 2010 at 23:58

    guarda amico che essere considerati comunisti è un onore, fidati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

How to whitelist website on AdBlocker?

  • 1 Click on the AdBlock Plus icon on the top right corner of your browser
  • 2 Click on "Enabled on this site" from the AdBlock Plus option
  • 3 Refresh the page and start browsing the site
Don`t copy text!