Patty Pravo – E io verrò un giorno là – Il canto del cigno della ragazza del Piper

Ho riascoltato la canzone di Patty Pravo a Sanremo.

E’ decisamente la migliore del Festival, fermo restando che ne avrò ascoltate quattro o cinque e che, steso un velo pietoso su Iva Zanicchi che inneggia al sesso facile e senza complicazioni, fondamentalmente m’importa un accidente di Sanremo.

Patty Pravo è sempre stata una interprete meravigliosa, e la canzone che ha presentato è decisamente indovinata, melodrammataica ma indovinata.

Purtroppo la canta un po’ bubbolando e bofonchiando come una pentola di fagioli che bolle. La R si fa sempre più debole e fa un uso sempre più smodato delle nasali. Somiglia sempre di più alle tante imitazioni che le fanno. E’ finita e questo è il canto del cigno della ragazza del Piper.

La canzone si intitola "E io verrò un giorno là".

Il ritornello recita:

E io verrò un giorno là,
ci daremo la mano e poi mai più ti lascerò,
voleremo davvero!
E resta qua, vicino a me, non lasciarmi mai sola,
ho paura che senza te
non vivrò mai davvero… Mai!!!

Troppo semplice pensare al testo di Lorenzo Da Ponte per il Don Giovanni di Mozart:

Là ci darem la mano
là mi dirai di sì.
Vedi, non è lontano,
partiam, ben mio, da qui.

O anche  che:

Sul ponte di Bassano
là ci darem la mano.
Là ci darem la mano
ed un bacin d’amor.

Ma pazienza, la canzone è bella e convince. E’ ovvio che per questi motivi non abbia vinto il Festival di Sanremo. Troppo lavoro riconoscere la carriera di una ragazza triste come noi!

9 Views

Commenti

commenti

Un pensiero riguardo “Patty Pravo – E io verrò un giorno là – Il canto del cigno della ragazza del Piper

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.